Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Cosa significa la bolla di viaggio NZ-Cook Island per l’Australia

La Nuova Zelanda ha annunciato che aprirà una seconda bolla di viaggio in sole due settimane, poiché i viaggi senza quarantena per le Isole Cook inizieranno il 17 maggio.

Il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern ha annunciato lunedì che la data di inizio della bolla arriva in un momento in cui il suo paese è “in una posizione più forte per prevenire, rilevare e gestire eventuali focolai di COVID-19”.

“La Green Travel Zone tra Cooks e la Nuova Zelanda consentirà alle famiglie di riconnettersi, riprendere accordi commerciali e ricominciare il turismo nei Cooks. Tutto ciò fornirà una spinta all’economia dell’Isola di Cook e aiuterà il paese a riprendersi dagli effetti del COVID. -19.

L’autorità del turismo dell’isola spera di estendere la bolla all’Australia, ma mentre aspettiamo pazientemente il lancio del prossimo corridoio, tutti gli occhi sono fissati sulla possibilità di utilizzare l’accordo della Nuova Zelanda come una sorta di gateway.

Relazionato: La bolla di viaggio delle Isole Cook si aprirà in Nuova Zelanda il 17 maggio

Relazionato: La scappatoia della bolla dei viaggi è ora chiusa per gli australiani

La risposta, come sempre accade con i viaggi internazionali nel mondo di COVID, è un po ‘complicata.

A partire dal 17 maggio, puoi viaggiare tra la Nuova Zelanda e le Isole Cook senza dover mai andare in isolamento gestito o autoisolamento al tuo arrivo. Questo si chiama viaggio senza quarantena.

Chiunque in Nuova Zelanda può viaggiare senza quarantena alle Isole Cook, purché soddisfi i criteri di idoneità e i requisiti di immigrazione.

Il viaggio senza quarantena tra la Nuova Zelanda e le Isole Cook in Australia non include, il che significa che devi trascorrere 14 giorni interi in Nuova Zelanda prima di poter continuare il tuo viaggio alle Isole Cook o in Australia.

READ  Stati Uniti e Cina bloccati in uno "stallo" dopo i colloqui

In una dichiarazione rilasciata su news.com.au, la dogana neozelandese ha affermato che gli standard di viaggio verso le Isole Cook potrebbero far esplodere una bolla per qualsiasi australiano che spera di intrufolarsi in una delle famose spiagge dell’isola.

“Questa è una questione interna del Dipartimento per l’immigrazione e la protezione delle frontiere del governo australiano”, afferma il comunicato.

“Il servizio doganale della Nuova Zelanda non ha alcun ruolo o autorità per impedire l’ulteriore partenza di cittadini australiani verso destinazioni oltremare dalla Nuova Zelanda”.

Al momento, se l’australiano volesse utilizzare la Nuova Zelanda come porta d’accesso alle Isole Cook, dovrebbe trascorrere 14 giorni in Nuova Zelanda prima e dopo il viaggio alle Isole Cook.

L’idea di una scappatoia nasce quando il governo Morrison ha dovuto reprimere gli australiani che sperano di utilizzare la Nuova Zelanda come porta d’accesso al resto del mondo.

Gli australiani stanno ora affrontando la minaccia di reclusione se usano la Nuova Zelanda come porta di servizio per visitare altri paesi, poiché il primo ministro e ministro della sanità Greg Hunt ha intensificato la deterrenza modificando le normative sulla biosicurezza. Ciò significa che chiunque utilizzi la Nuova Zelanda come mezzo per viaggiare all’estero dovrà presentare un riconoscimento di essere partito per una causa compassionevole o richiedere cure mediche urgenti non disponibili in Australia o Nuova Zelanda.

Un portavoce dell’Australian Border Force ha dichiarato a news.com.au in una dichiarazione che i viaggi senza quarantena tra la Nuova Zelanda e le Isole Cook “non includeranno l’Australia”.

“Devi trascorrere ben 14 giorni in Nuova Zelanda prima di poter viaggiare gratuitamente in Australia in quarantena”, ha detto il portavoce.

READ  Justin Trudeau viene preso di mira dopo aver sbattuto contro le "bande anti-Vaxer"

Attualmente, la Nuova Zelanda non proibisce ai cittadini australiani di lasciare la Nuova Zelanda e viaggiare all’estero. Chiunque arrivi in ​​Australia (tranne coloro che sono stati in Nuova Zelanda per 14 giorni) deve entrare in quarantena.

“Se cittadini australiani e residenti permanenti si trasferiscono attraverso la Nuova Zelanda verso un’altra destinazione, devono richiedere un’esenzione dal viaggio all’estero”.

Il portavoce ha affermato che coloro che viaggiano dalla Nuova Zelanda verso un’altra destinazione internazionale “dovrebbero essere consapevoli che il ritorno in Australia o Nuova Zelanda potrebbe essere difficile a causa delle attuali restrizioni sul numero di passeggeri e sulla disponibilità dei voli”.

“ I viaggiatori che viaggiano dalla Nuova Zelanda verso un’altra destinazione internazionale e poi cercano di tornare in Australia senza trascorrere 14 giorni in Nuova Zelanda sul volo di ritorno, saranno tenuti a presentare un test COVID negativo fino a 72 ore prima della partenza, inserire un 14 -giorno di quarantena obbligatoria in hotel, a sue spese quando è arrivato in Australia e viene periodicamente testato mentre è in quarantena obbligatoria “.