Settembre 29, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Cosa fa il ministro della Salute agli infermieri?

Se gli ospedali sono travolti da 10 anni, se da due anni, a causa della pandemia, sono in emergenza, ora sono all’ultimo punto di rottura.

O il ministro nega o insabbia, oppure mostra estrema impotenza. Sì, estrema incompetenza. Può essere che questa situazione passi inosservata a causa delle vacanze estive, anche agli occhi degli altri partiti di opposizione?

Non sono le vacanze estive o una pandemia, funzionari. L’attuale governo è in carica al momento, non il governo di 10 anni fa, né il signor Barrett.

Non so chi siano queste persone che sembrano dare così tanta popolarità al governo della Legault, ma ti dico: svegliati!

È un disastro nei vostri ospedali e nei relativi centri sanitari. E questo autunno, quando finirà il bel tempo e riprenderanno virus e altre malattie stagionali, scoprirai che è troppo tardi.

Gli infermieri vi diranno tutto: siamo in una situazione di crisi e la situazione è più pericolosa e peggiore di quanto non sia mai stata.

Lasciamo una professione dopo l’altra. Gli ospedali stanno soffrendo uno ad uno per l’interruzione dei servizi. Quando non finisce, è il congedo per esaurimento che sconfigge i nostri colleghi.

Una professione di prendersi cura degli altri è dove lasciamo la nostra pelle ora.

Che siano le ordinanze ministeriali sul lavoro interinale e la CIUSSS ad esacerbare il problema o le sciocche trattative con la FIQ, al momento non si fa nulla per risolvere il problema, ma tutto lo sta aggravando.

L’abbiamo detto di nuovo, infermieri in Quebec, ce ne sono un sacco. Il problema è che non sono più in grado di lavorare e non vogliono lavorare.

READ  La fisica ha espresso il suo giudizio sulla statua di Flora

Non è il misero aumento di stipendio del 6% offerto alla FIQ né i potenziali bonus per chi lavorerà a tempo pieno che attireranno gli infermieri. Non possono lavorare a tempo pieno, non in un sistema in cui siamo in quattro in un ospedale con 60 pazienti. Vogliamo anche, nel caso di coloro che lavorano part-time, spostare le loro posizioni su turni più alti.

Ancora una volta, nessuno ascolta le infermiere. Vogliamo solo costringerli ripetutamente a lavorare 16 ore al giorno senza lamentarsi.

“Le povere infermiere sono stanche”, ha detto il ministro.

Non smettiamo mai, tra i nostri colleghi, di ridere di questa frase infantile infantile del governo nei confronti degli “angeli custodi”.

Non posso dire quanti colleghi ho perso negli ultimi mesi. Dimissioni e malattia. Per quanto riguarda il Little Far North, dove mi trovo, dieci sono partiti negli ultimi tre mesi. È un disastro. C’era solo un’infermiera rimasta per gestire un dispensario in una zona remota, reperibile 24 ore su 24, i nostri manager dovevano persino indossare un’uniforme per unirsi alla missione. Ora, anche quelli sono quelli che ho paura di vedere scomparire.

Giorni fa, ho guardato i social media e il giornale per conoscere le misure del governo per affrontare la crisi. Mi dico: “Ma deve annunciare, Vostro Onore. Bene, vediamo… Dov’è?”

No niente. non riesco a trovare niente. È in vacanza e si chiede quando l’esercito verrà ad aiutarci?

Tra pochi giorni gli infermieri della FIQ dovranno votare il loro nuovo accordo. Quello che mi auguro, come tanti miei colleghi, è che diamo un messaggio forte e unito contro questi spettacoli che non risolvono in alcun modo i problemi attuali.

READ  "Capisco che sia scioccante, ma non avevamo altra scelta".

E spero che entro le prossime elezioni anche i miei pazienti del sistema sanitario invieranno lo stesso messaggio.

Buone vacanze, Onorevole Ministro. Ne avrai bisogno.

Guarda il video