Settembre 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Cosa è successo il giorno 72 della guerra in Ucraina

CRACOVIA, Polonia – Incoraggiate dalle armi avanzate e dall’artiglieria a lungo raggio fornite dall’Occidente, le forze ucraine hanno lanciato la loro offensiva venerdì contro le forze russe nel nord-est, cercando di rimuoverle da due grandi città mentre la guerra si tuffava più in profondità in un mulino, città- battaglia contro la città.

Dopo settimane di aspri combattimenti lungo un fronte di 300 miglia, nessuna delle parti è stata in grado di ottenere una svolta importante, con un esercito che un giorno ha catturato alcuni villaggi, solo per perdere un numero simile nei giorni successivi. Nel suo ultimo sforzo per rivendicare il territorio, l’esercito ucraino ha affermato che “feroci battaglie” sono state intraprese per riconquistare le aree controllate dai russi intorno a Kharkiv a nord-est e Izyum a est.

L’escalation dei combattimenti è arrivata quando la Casa Bianca ha annunciato venerdì che il presidente Biden incontrerà domenica il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e i leader del Gruppo dei Sette, che comprende Gran Bretagna, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Stati Uniti. Stati.

Inoltre, il presidente Biden sta inviando un nuovo pacchetto di sicurezza in Ucraina del valore di 150 milioni di dollari, secondo un funzionario dell’amministrazione, che ha affermato che includerà 25.000 colpi di artiglieria, radar anti-artiglieria, apparecchiature di disturbo e altre apparecchiature da campo.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha osservato che i leader si incontreranno mentre il presidente russo Vladimir Putin si prepara a celebrare l’annuale celebrazione del Giorno della Vittoria lunedì con parate militari e discorsi per commemorare la vittoria dell’Unione Sovietica sulla Germania nazista.

La vacanza ha intensificato i timori in Ucraina e in alcune capitali occidentali che Putin potesse sfruttare l’occasione per espandere la sua invasione il 24 febbraio, dopo che la sua leadership iniziale non è riuscita a sconfiggere l’esercito ucraino e rovesciare il governo.

“Anche se ci si aspettava che camminasse per le strade di Kiev, in realtà non è quello che accadrà”, ha detto la signora Psaki. Ha descritto la riunione del G7 come “un’opportunità non solo per mostrare quanto sia unito l’Occidente di fronte all’aggressione e all’invasione del presidente Putin, ma anche per mostrare che l’unità richiede azione”.

Venerdì l’Ucraina ha esortato i civili a prepararsi per attacchi più gravi prima del D-Day della Russia, avvertendoli di evitare grandi assembramenti e imponendo un nuovo coprifuoco da Ivano-Frankivsk a ovest a Zaporizhia a sud-est.

READ  Con la sua economia fragile, non sorprende che la Germania sia riluttante a difendere l'Ucraina
credito…Daniel Berholak per il New York Times

Anche le forze di polizia ucraine sono state messe in allerta prima della festa, che sarà celebrata in Russia con parate militari a Mosca e in centinaia di altre città.

Vadim Denisenko, consigliere del ministero dell’Interno ucraino, ha avvertito i civili che potrebbero rischiare la vita riunendosi in luoghi affollati.

“Ricordiamo tutti cosa è successo alla stazione ferroviaria di Kramatorsk”, ha detto Denisenko su Telegram, riferendosi a un devastante attacco missilistico in quella città orientale il mese scorso, che ha ucciso dozzine di persone mentre affollavano i binari ferroviari, cercando di fuggire dalla zona . Invadere.

“Sii vigile”, ha detto il signor Denisenko. “Questa è la cosa più importante”.

Il governatore regionale di Luhansk nell’Ucraina orientale, Sergei Haiday, ha avvertito che le forze russe si stanno preparando per una “grande offensiva” nei prossimi giorni contro due città dell’est, Severodonetsk e Bobsana. Ha attaccato quello che ha definito “terrore continuo” nella zona, dicendo che il recente bombardamento russo aveva ucciso due persone e distrutto dozzine di case.

Gli attacchi missilistici russi in tutta l’Ucraina si sono intensificati negli ultimi giorni mentre Mosca cerca di rallentare il flusso di armi occidentali attraverso il paese. Ma come per molti aspetti della guerra, l’incertezza sulle intenzioni di Putin è profonda.

credito…Lynsey Addario per il New York Times

C’è una diffusa speculazione sul fatto che possa sfruttare le prossime vacanze per trasformare quella che chiama una “operazione militare speciale” in una guerra totale, che creerebbe una giustificazione per una mobilitazione di massa delle forze russe e aprirebbe la strada a una maggiore portata di il conflitto. I funzionari del Cremlino hanno negato tali piani. Ma hanno anche negato che ci fossero piani per invadere l’Ucraina.

Funzionari ucraini hanno affermato che la coscrizione militare russa può provocare un contraccolpo tra i suoi cittadini, molti dei quali, secondo i sondaggi, vedono ancora la guerra come un conflitto in gran parte remoto filtrato attraverso le narrazioni complesse e talvolta contrastanti offerte dai mezzi di comunicazione statali.

READ  Da Marylebone ai Caraibi: svelata la ricchezza dei partner commerciali di Abramovich | Roman Abramovich

“La mobilitazione generale in Russia è vantaggiosa per noi”, ha detto questa settimana Oleksiy Aristovich, un consigliere del capo dello staff di Zelensky, durante un’intervista alla televisione ucraina. “Potrebbe portare a una rivoluzione”.

Alcuni analisti occidentali ipotizzano che Putin possa invece riferirsi ai territori che Mosca ha già conquistato nell’Ucraina orientale per rafforzare le sue false affermazioni secondo cui la Russia sta liberando la regione dai nazisti.

Da parte sua, il Pentagono ha evitato di sollevare speculazioni sui piani del D-Day di Putin.

“Quello che hanno in programma di fare o dire durante il D-Day, dipende davvero da loro”, ha detto John F Kirby, un portavoce del Pentagono. Ha detto giovedì. “Non credo che abbiamo una sensazione perfetta.”

I timori che la Russia potesse intensificare la sua offensiva sono emersi quando il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato venerdì una dichiarazione a sostegno degli sforzi del Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres per mediare una soluzione diplomatica alla guerra.

La dichiarazione, avviata da Messico e Norvegia, è stata la prima azione contro l’Ucraina che il consiglio aveva approvato all’unanimità dall’inizio dell’invasione. La Russia ha appoggiato la dichiarazione, che non ha definito il conflitto “guerra”, un termine proibito dal Cremlino.

Il signor Zelensky ha insistito venerdì sul fatto che i colloqui di pace non sarebbero potuti riprendere fino a quando le forze russe non si fossero ritirate dove si trovavano prima dell’invasione. Tuttavia, non precludeva la possibilità di una transazione negoziata.

credito…Daniel Berholak per il New York Times

“Non tutti i ponti sono stati distrutti”, ha detto, parlando a distanza a un evento virtuale organizzato dall’organizzazione di ricerca britannica Chatham House.

Alexei Zaitsev, portavoce del ministero degli Esteri russo, ha affermato venerdì che i colloqui tra Russia e Ucraina sono “in uno stato di stagnazione”, hanno riferito i media statali russi.

READ  Due CEO italiani discutono delle gioie e delle prove di domare un Sagrantino in Umbria.

Zaitsev ha incolpato i paesi della NATO per aver prolungato la guerra inviando miliardi di dollari in armi all’Ucraina, anche se quei paesi hanno esortato Putin a ritirare le sue forze.

“Ciò porta a un’estensione delle ostilità, un’ulteriore distruzione delle infrastrutture civili e vittime civili”, ha affermato.

Il signor Zelensky ha affermato che i promotori russi hanno passato anni ad alimentare “l’odio” che ha spinto i soldati russi a “inseguire” i civili, distruggere città e commettere le atrocità viste nel porto meridionale assediato di Mariupol. Gran parte della città, che ospitava più di 400.000 persone, è stata abitata ed è diventata un potente simbolo della devastazione che la Russia ha operato in Ucraina.

Zelensky ha affermato che la determinazione della Russia a distruggere gli ultimi combattenti ucraini rintanati con civili disperati nei bunker sotto l’acciaieria Azovstal a Mariupol sottolinea solo la “brutalità” che ha definito l’invasione.

Ha detto: “Questo è terrorismo e odio”.

Venerdì, circa 50 donne, bambini e adulti intrappolati sotto lo stabilimento Azovstal di Mariupol sono stati evacuati in un convoglio umanitario, secondo un alto funzionario ucraino e media statali russi. Il vice primo ministro Irina Vereshchuk ha affermato che l’evacuazione è stata “troppo lenta” perché le forze russe hanno violato il cessate il fuoco.

Quasi 500 persone sono state in grado di lasciare lo stabilimento Azovstal, Mariupol e le aree circostanti negli ultimi giorni con l’aiuto delle Nazioni Unite e della Croce Rossa, secondo Guterres.

Mentre i combattimenti continuano, crescono i timori che la guerra possa esacerbare la crisi globale della fame.

credito…Finbar O’Reilly per il New York Times

Le Nazioni Unite hanno affermato venerdì che ci sono prove crescenti che le forze russe hanno saccheggiato tonnellate di grano ucraino e distrutto strutture di stoccaggio del grano, aggiungendo alle interruzioni delle esportazioni che hanno già fatto salire i prezzi globali, con terribili conseguenze per i paesi poveri.

Allo stesso tempo, l’agenzia contro la fame dell’organizzazione, il World Food Program, ha chiesto la riapertura dei porti nella regione di Odessa, nell’Ucraina meridionale, in modo che il cibo prodotto nel paese dilaniato dalla guerra possa fluire liberamente nel resto del mondo. L’Ucraina, uno dei maggiori coltivatori di grano, ha quasi 14 milioni di tonnellate di scorte disponibili per l’esportazione, ma il blocco russo dei porti del Paese sul Mar Nero ne ha impedito la distribuzione.

“In questo momento, i granai in Ucraina sono pieni”, ha affermato David Beasley, direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale, mentre “44 milioni di persone in tutto il mondo stanno camminando verso la fame”.

Mark Santora e Cora Engelbrecht hanno riferito da Cracovia e Michael Levinson da New York. La segnalazione è stata fornita da Dan Belewski a Montreal, Nick Cumming Bruce a Ginevra, Rick Gladstone a East Ham, Massachusetts, Zulan Kanu Youngs a Washington e Farnaz Fassihi a New York.