Maggio 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Cosa è successo a Bucha? All’interno di una città degli orrori in Ucraina, intrappolata nella battaglia della Russia per il controllo di Kiev

Il mondo ha assistito alle atrocità nei sobborghi ucraini di Larisa Savenko giorni prima.

Avvertenza: questo articolo contiene immagini e dettagli che i lettori potrebbero trovare inquietanti.

La 72enne era ancora nascosta nella sua casa nella città di Bucha, vicino alla capitale Kiev, questa settimana quando le ultime foto identificate sono diventate di veicoli militari in fiamme, case distrutte e un caos fangoso in Vokzalna Street. dalla guerra.

La signora Saveenko si è nascosta nella sua capanna per cinque settimane al freddo pungente, con suo figlio e un ostello per senzatetto, mentre le truppe russe occupavano la strada sulla strada per Kiev.

L’occupazione iniziò con una feroce battaglia, a pochi metri dalla sua casa, il 27 febbraio, terzo giorno di guerra.

Quel giorno, decine di veicoli corazzati russi diretti alla vicina città di Irbin, e da lì alla capitale, furono colpiti dai bombardamenti ucraini, che trasformarono la strada in un inferno.

Un uomo con un giubbotto antiproiettile passa davanti a macchine distrutte e macerie in strada.
Il governo ucraino afferma che le sue forze hanno ripreso il controllo dell’intera regione di Kiev, compreso Bucha.(Notizie ABC: Phil Hemingway)

Saveenko osservava con orrore le case dall’altra parte della strada che prendevano fuoco.

“C’erano spari ovunque, quindi siamo usciti dalla finestra della cucina e ci siamo nascosti nel seminterrato.

“Abbiamo guardato fuori e c’erano mani e gambe tagliate. Erano soldati russi”.

“tutto è distrutto”

Dopo che il fuoco si è placato, i russi sono tornati a scavare nelle loro posizioni in strada, come parte della brutale occupazione di Bosha che si è conclusa proprio la scorsa settimana.

Molti residenti sono rimasti intrappolati senza elettricità, acqua o cibo. Ogni pochi giorni, la signora Savenko andava in bicicletta attraverso il suo cortile fino alla casa accanto per dare da mangiare al suo vicino, che non era in grado di camminare.

Quando le forze ucraine hanno liberato l’area alla fine della scorsa settimana, la portata delle atrocità russe ha cominciato a emergere.

Corridore viola circondato da altre rovine.
Testimoni a Bucha hanno raccontato dettagli strazianti dell’occupazione russa.(Notizie ABC: Phil Hemingway)

I soldati russi in ritirata avevano lasciato i cadaveri dei civili che giacevano nelle strade vicino alla casa della signora Saveenko. Funzionari ucraini hanno lasciato i corpi in mostra per diversi giorni in un cupo esercizio di propaganda.

Funzionari locali hanno detto che molti sono stati colpiti alla testa, con le mani e le gambe legate. Almeno 280 persone sono state sepolte in fosse comuni, secondo il sindaco Anatoly Fedoruk.

Due giorni dopo, la signora Savenko ha finalmente osato lasciare la sua capanna. Ha scoperto le macerie dove si trovavano le case dei suoi vicini.

“Solo ieri ho visto tutto”, ha detto.

“La casa del mio amico è in fiamme. Tutto è distrutto. È terrificante.

Una donna che indossa una sciarpa blu intorno alla testa e un cappotto marrone si trova su una strada costeggiata da macerie.
Larisa Saveenko ha fatto tutto il possibile per aiutare il suo vicino che non poteva camminare durante l’occupazione russa.(Notizie ABC: Phil Hemingway)

“Non puoi farlo nel 21° secolo. È un tale incubo: tutte le torture, è impossibile”.

I residenti intrappolati vivono di tutto il cibo che riescono a trovare

I residenti locali che erano fuggiti dalla guerra hanno iniziato a tornare alle loro case a Bucha e nelle aree circostanti, sperando che il ritiro della Russia dalla regione di Kiev sarebbe continuato.

Olga, 42 anni, oggi ha viaggiato per centinaia di chilometri con il marito e il figlio di 20 anni fino al loro appartamento a Bucha, che è stato danneggiato da un attacco aereo russo.

Terreno vuoto di fronte a un condominio parzialmente deserto con finestre rotte
Alcuni residenti sono tornati alle loro precedenti case solo per scoprire che erano state distrutte.(Notizie ABC: Phil Hemingway)

La famiglia si era trasferita nella loro casa solo lo scorso agosto, dopo aver estinto due anni di prestiti e aver finalmente completato la ristrutturazione.

Lei, suo marito Oleksandr e suo figlio Dmytro hanno passato la giornata a pulire i vetri dalle finestre rotte e dai frammenti del pavimento.

Uno degli edifici del loro complesso di appartamenti è stato completamente distrutto nell’attacco aereo un mese fa, dopo che Olga e la sua famiglia sono fuggiti da Bucha.

Una donna con una felpa nera e una giacca blu guarda fuori dalla finestra.
Olga dice che i vicini hanno preso tutto il cibo che potevano dal suo appartamento durante l’occupazione della sua città.(Notizie ABC: Phil Hemingway)

Altri residenti sono rimasti nelle loro case danneggiate senza cibo, acqua o elettricità. Parte del cibo tra le macerie dell’appartamento di Olga è scappato.

“C’era una famiglia con bambini – abbiamo detto loro dove si trovavano le chiavi e sono entrati dalla finestra”, ha detto.

“Hanno preso acqua e del cibo per sopravvivere, e sono rimasti nel seminterrato finché non sono riusciti a scappare”.

La guerra ha inflitto danni irreparabili anche alla famiglia di Olga e Oleksandr, alcuni dei quali vivono in Russia.

“Quando li abbiamo chiamati, hanno detto che era falso. Secondo loro, i russi sono venuti a liberarci.

“Provo paura e odio verso i russi”.

Immagine satellitare delle case.
L’entità dei danni alle case di Bucha è stata scoperta solo ora dopo che la città è stata recentemente liberata.(AP: Tecnologie Maxar / Immagine satellitare)

Le forze russe si stanno ora riorganizzando per una nuova offensiva nell’Ucraina orientale, con il governo ucraino che afferma che le atrocità sono su una scala molto maggiore di quelle di Bucha.

Saveenko sta ora cercando di salvare la sua casa, una delle sole tre sopravvissute alla seconda guerra mondiale in via Vokzalna.

Nonostante le brutalità più atroci, gli abitanti di Bucha si aggrappano alla speranza che le truppe di Vladimir Putin non tornino.

“Vinceremo, credo”, ha detto Saveenko.

“È un peccato che non vivrò abbastanza a lungo per vederci nell’UE e nella NATO, ma ci saremo, di sicuro, perché gli ucraini sono un popolo molto coraggioso.

Siamo forti e amanti della libertà.

READ  Il Sudafrica sta vivendo la più alta onda di omicron senza un forte aumento delle cure ospedaliere