Gennaio 27, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Corona virus: due nuove cure consigliate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ed ecco i pazienti interessati

L’Organizzazione Mondiale della Sanità venerdì ha raccomandato ufficialmente due nuove cure per il Covid-19 in casi specifici, per un totale di ora cinque.

In un parere pubblicato sulla rivista medica The BMJ, gli esperti dell’OMS hanno raccomandato il trattamento con anticorpi sintetici, sotrofimaUn farmaco comunemente usato per l’artrite reumatoide, baricitinib.

Entrambi non sono destinati solo a tutti i pazienti. Sotrovimab è raccomandato per i pazienti che hanno avuto un Covid-19 lieve ma sono ad alto rischio di ricovero. Il suo beneficio per i pazienti non a rischio è considerato molto basso. Baricitinib è raccomandato per “pazienti con Covid-19 grave o critico”, che devono essere somministrati “in combinazione con corticosteroidi”. In questi pazienti, questo “migliora i tassi di sopravvivenza e riduce la necessità di essere sottoposti a ventilazione meccanica”. Fino ad allora, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha raccomandato tre trattamenti: anticorpi sintetici venduti con il nome Ronapreve, da settembre 2021, una classe di farmaci chiamata Antagonisti dell’interleuchina-6 (tocilizumab e sarilumab), da luglio 2021, e corticosteroidi sistemici per pazienti gravemente colpiti, da settembre 2020. Sotrovimab si riferisce allo stesso tipo di pazienti di Ronapreve. “La sua efficacia contro nuove varianti come l’Omicron è ancora incerta”, si qualificano comunque gli esperti dell’OMS.

Allo stesso modo, baricitinib Ha gli stessi effetti. Come antagonisti dell’interleuchina-6 e deve essere somministrato agli stessi pazienti. Quando entrambi sono disponibili, Devi scegliere quale utilizzerai “A seconda del costo, della disponibilità e dell’esperienza degli operatori sanitari”, Difendere gli esperti dell’OMS. Baricitinib appartiene a una famiglia di medicinali chiamati Inibitori della Janus Kinase È usato contro l’artrite reumatoide, una malattia autoimmune.

Tuttavia, altri farmaci di questa famiglia (ruxolitinib e tofacitinib) non dovrebbero essere usati contro Covid, affermano gli esperti dell’OMS. Mancano dati sulla sua efficacia o sugli effetti collaterali in questa indicazione. Le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la terapia anti-Covid sono regolarmente aggiornate, sulla base di studi clinici condotti su diverse tipologie di pazienti. Tuttavia, l’arsenale terapeutico è ancora piccolo. Negli ultimi mesi l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha rifiutato di utilizzare diversi trattamenti: iniezioni di plasma di pazienti guariti dal Covid, ivermectina e idrossiclorochina.

READ  La sanità pubblica chiude un ristorante a Laval dopo la diffusione diffusa | Corona virus