Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Con migliaia di contagiati, i gruppi di test si trasformano in un fiasco in Catalogna

Non è altro che un successo: diversi concerti sperimentali che hanno raccolto quasi 50.000 persone in Catalogna all’inizio di luglio hanno portato a un forte aumento della contaminazione da Covid-19.

quotidiano El Periodico dettagli dei rispettivi festival: Canet Rock, Vida e Cruïlla, che sono stati messi in scena in diversi luoghi della Catalogna tra il 1° e l’11 luglio.

Con il test e la mascherina, ma… alzati

Dovevano rendere possibile fare un test “a grandezza naturale” per la trasmissione di Covid-19 durante tali eventi, in piedi e con una maschera. Ma senza distanze fisiche.

Tutti i partecipanti dovevano sottoporsi al test dell’antigene prima di entrare nel terreno del festival.

Tuttavia… le autorità sanitarie hanno contato quasi 2.300 infezioni durante questi tre eventi, o 842 in più rispetto al gruppo di controllo equivalente. In dettaglio, secondo Nacio Digital, sono stati identificati 956 casi tra i partecipanti Canet Rock, 857 per Cruïlla e 466 per Vida.

Questa ondata di inquinamento può spiegare – in parte – l’aumento dell’inquinamento nella zona nel mese di luglio.

In questione: la bassa affidabilità dei test antigenici – che mostrano una sensibilità di circa il 65-70% – e l’intervallo di tempo tra l’infezione e il momento in cui possono essere rilevati, come spieghiamo in questo articolo.

Falso senso di sicurezza

La diretta conseguenza della mancanza di attendibilità: secondo il ministro della Salute della Catalogna, Carmen Cabezas, le persone risultate positive pochi giorni fa sarebbero arrivate… beneficiando subito di un test negativo.

Infine, il falso senso di sicurezza fornito da questi test negativi potrebbe aver giocato un ruolo:

Tuttavia, il ministero della Salute afferma che queste feste sono state organizzate sulla scia di quanto fatto a marzo a Barcellona, ​​che non aveva poi portato a un’esplosione di inquinamento. Ma questo era anche prima della pandemia a causa della variante delta, che è molto più contagiosa.

Il ministro della Salute si rammarica

Molti organizzatori di questi festival hanno ritenuto che gli infetti avrebbero potuto essere infettati altrove. Ma questo argomento si applicherebbe anche al gruppo di controllo, dove le infezioni erano molto più basse.

Il ministro della Salute catalano, Josep Maria Arguimon, da allora ha ammesso che organizzare questi concerti e persino mantenere questi festival è stato un “errore”, perché sono caduti in una complessa situazione epidemiologica. Il suo Segretario di Stato, Carmen Cabezas, riconosce di aver svolto un ruolo chiaro nella pandemia, sebbene si rifiuti di considerarli dei superacceleratori.

In Francia, una cerimonia di prova unica organizzata a Bercy ha aumentato l’inquinamento, ma non è stata considerata significativa. Le condizioni del test – come l’epidemia, a un livello molto basso e prima della variabile delta – erano tutte molto diverse dai test catalani.