Dicembre 3, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Con la crisi sanitaria, c’è il rinnovato interesse dei francesi per le notizie scientifiche?

Dopo le dimissioni di massa a marzo, quasi tutto il comitato editoriale di Science & Vie ha licenziato il suo rivale Epsilon, Rivista scientifica mensile indipendente, il cui primo numero uscirà in edicola alla fine di giugno. Nel frattempo, l’entusiasmo sembra essere già lì. A tre giorni dal lancio del crowdfunding, la rivista futuristica sta già contando Più di 23.000 prevendite, Rendendola “una delle più grandi startup” per una campagna online, secondo la piattaforma di Ulule.

Un “successo” è stato accolto da Mathilde Fontes, una delle direttrici della rivista. “La nostra scommessa era di dimostrare che c’era spazio per Epsilon perché la scienza è stata al centro degli interessi dei francesi per diversi anni. Speriamo che questo supporto ci consentirà di affermarci nel panorama dei media in modo sostenibile”, afferma il giornalista che lavora da dieci anni in Science & Vie.

Se il successo di una simile campagna è soddisfacente, dimostra ancora la “sete di scienza” che alcuni lettori hanno provato dall’inizio della pandemia, sottolinea Yves Scyama, redattore scientifico e vice presidente dell’associazione.Associazione dei giornalisti scientifici francesi (AJSPI). Con questa crisi, abbiamo assistito a una rivoluzione nella cultura scientifica. Le persone hanno imparato molto su come funziona un virus, una variante … hanno conservato la stessa sete di scienza e, soprattutto, questo desiderio di informazione indipendente. Quindi, quell’entusiasmo si convertirà in vendite in seguito? Vedremo “, aggiunge il giornalista.

Le notizie scientifiche e tecniche sono note da tempo per aver tirato l’immagine di una sezione separata, limitata a poche pagine alla fine del giornale, dedicata agli amanti della fisica o delle scienze naturali. Cliché spazzati via dall’epidemia. Perché, da più di un anno, la crisi sanitaria ha riportato alla ribalta il giornalismo scientifico. Questo è anche il caso della stampa scritta come del telegiornale. Con quasi il 74% del tempo di trasmissione su canali di notizie continue entro due mesi dalla reclusione nella primavera del 2020, la pandemia di Covid-19 è stata uno “ tsunami ” mediatico senza precedenti, È menzionato in un recente studio, l’Istituto nazionale audiovisivo (Ina).. Nessun argomento, anche il meno scientifico, aveva occupato a lungo un posto simile nelle notizie.

READ  I sindacati si preparano a mobilitarsi contro m

“La scienza non è conoscenza pura e astratta.”

Cosa rivedere alcuni a priori. I lettori si sono resi conto che la scienza non è necessariamente pura conoscenza astratta, ma che può avere conseguenze dirette per le nostre vite. Perché è una questione di vita o di morte, attraverso questo virus “, afferma Yves Shyama. Articoli educativi, interventi di epidemiologi in televisione o alla radio, hanno esposto le opinioni dello studio … La generalizzazione della scienza ha imposto lo stesso in tutte le forme, che ha contribuito in parte a ridurre il grande divario tra il mondo scientifico e il pubblico in generale.

Audrey Micallian, giornalista, regista ed ex vice presidente diAJSPI. “I media lo hanno visto bene: coloro che avevano un team di giornalisti scientifici hanno affrontato meglio le questioni che circondano il virus rispetto a quelli che non lo hanno fatto”. Nei mesi che seguirono, diversi editori, “compresi i canali di informazione continua”, implorarono l’associazione di consentire ai suoi editori di avere un migliore controllo sulla cultura scientifica. “Non abbiamo mai ricevuto richieste del genere dalla creazione dell’AJSPI nel 1967”, sottolinea il regista. Allo stesso modo, alcune scuole di giornalismo, consapevoli delle questioni di attualità, hanno migliorato l’insegnamento scientifico dei loro studenti. Obiettivo: evitare di riprodurre alcuni errori di lavorazione che si notano particolarmente nella stampa generica.

“Tutte le prossime crisi saranno scientifiche”.

Perché se ha consentito una certa generalizzazione scientifica, la copertura della crisi non è avvenuta senza intoppi, ricorda Arnaud Mercier, professore di comunicazione informativa all’Università di Parigi 2 Panthéon-Asas. Alcuni membri del comitato editoriale hanno preferito trattare la scienza come una questione politica con un tono polemico. Lo abbiamo visto con l’idrossiclorochina, ma anche con la controversia sulla nicotina che presumibilmente avrebbe permesso di combattere meglio il virus, secondo uno studio. In seguito, ci siamo finalmente resi conto che gli autori di queste opere avevano collegamenti con l’industria del tabacco … quindi, nonostante l’apparente appetito dei lettori per questi argomenti, questi errori avrebbero potuto calmarli e persino alimentare i loro sospetti verso i media.

READ  Smettila di giocare èk zot health, kids!

Una tendenza osservata anche in passato Barometro La Croix sulla fiducia dei francesi nei media, Pubblicato a gennaio. Secondo questo sondaggio, i francesi sono profondamente divisi sulla gestione della pandemia da parte dei media, con il 44% di recensioni positive contro … il 43% di recensioni negative. Tra le principali lamentele: dare troppa importanza ai non specialisti (73% degli intervistati) e recitare in modo drammatico determinati eventi (66%).

Il risultato non ha sorpreso Audrey Micallian, nonostante alcune sfumature: “Se la stampa pubblica soffre di questi errori di elaborazione, allora il giornalismo scientifico, mostrandosi più cauto, è cresciuto in modo relativamente enorme tra i lettori. Ma sulla scia del Salute, le notizie scientifiche riusciranno a mantenere questo entusiasmo nell’opinione pubblica? ”Possiamo solo sperarlo perché altre questioni scientifiche come il cambiamento climatico oi pesticidi, altrettanto importanti, meritano un posto centrale nel dibattito in corso. Lascialo dire: tutte le crisi in arrivo saranno scientifiche. “