Settembre 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Come sparare a chiese abbandonate in Italia ci fa pensare al nostro futuro

Per secoli, gli edifici delle chiese sono stati una caratteristica importante di villaggi, paesi, città e campagne in tutta Europa. Dalle sontuose e maestose cattedrali alle pittoresche chiese di campagna, molti luoghi in Europa ospitano santuari religiosi. Oggi alcuni edifici religiosi sono conservati nella loro forma originaria e sono considerati tesori nazionali, mentre altri subiscono un trattamento diverso. Che si tratti di un angolo di una vivace città o di una campagna invasa dalla natura, molti edifici religiosi si perdono lentamente nel tempo e svaniscono dalla memoria collettiva.

Grazie alla sua ricca storia di architettura, cultura e associazione con la religione come istituzione, l’Italia è un buon esempio di un paese che sta diventando la patria di molti edifici e luoghi abbandonati. Ci sono circa 20.000 chiese in tutta Italia, anche se il numero esatto potrebbe essere più vicino a 65.000. Da questo numero sono state confermate almeno 1.000 chiese abbandonate, anche se sono molte di più, a causa di testimonianze perse nel tempo. Dal nord del paese, fino alle parti più remote delle isole meridionali italiane, si trovano resti di edifici religiosi. Nella maggior parte dei casi, questi edifici abbandonati non sono visibili al di fuori del loro ambiente specifico e, nel tempo, i resti di questi edifici, inclusa la loro storia vivida e gloriosa, si perdono nel tempo.

Il concetto di Italia è molto diverso per molti luoghi abbandonati, soprattutto edifici religiosi. Dopotutto, l’Italia ha una ricca storia di religione, compreso un legame molto stretto con la Chiesa cattolica, con le radici del cristianesimo moderno come un sistema che precede l’Impero Romano. L’ascesa della religione e dei suoi santuari ha continuato ad espandersi per centinaia di anni, con millenni di influenza e potere sulla politica e sulla società. Ogni città in Italia ha almeno una chiesa. Chianche, ad esempio, un piccolo paese di 50 abitanti che non compare sulla maggior parte delle mappe, ha ancora due chiese, di cui una inutilizzata.

READ  Il team Carozone ha portato l'Italia alla medaglia d'oro agli Europei 2021

La cittadina di Chianche e le sue chiese esemplificano perfettamente lo stato attuale delle chiese in tutta Europa. Nella maggior parte dei casi, mancano le risorse o il personale per mantenerli in funzione, portando all’abbandono di un numero sempre maggiore di questi edifici. Tuttavia, non sono solo le chiese ad essere abbandonate mentre interi villaggi e città vengono lentamente abbandonati. Quando le persone lasciano i loro villaggi per cercare migliori opportunità nelle grandi città urbane, le piccole comunità diventano più grandi. Per aggiungere a ciò, molte parti d’Italia sono soggette a eventi catastrofici come i terremoti che si verificano ogni pochi decenni.

La domanda è, in parole povere, che senso ha assicurarsi i chilometri extra se la comunità non ha i budget e il personale per godersi queste chiese? Per attirare turisti, o altre attività correlate dovrebbero essere organizzate? Una triste conseguenza dell’urbanizzazione e della migrazione di massa verso le grandi città è che le piccole comunità rurali ei loro santuari sono scomparsi. È interessante notare che, a differenza dell’Italia, in molti paesi europei come Germania, Austria o Svezia, la tendenza ad abbandonare le chiese è compensata dalla tendenza a sostituirle con qualcos’altro, ad esempio ristoranti, teatri, appartamenti, musei o anche concerti sale.

Oggi gli edifici religiosi abbandonati in Italia e altrove offrono uno sguardo unico nel passato. Fonte di riflessione e di introspezione, forse, ci spingono a pensare al futuro. Se una chiesa che un tempo era il rifugio più importante della comunità può trasformarsi in un cumulo di macerie, cosa ci dice di ciò che teniamo duro oggi? I numerosi santuari abbandonati che rimangono sono vestigia del passato di molte comunità. Se seguiamo questi indizi, sappiamo da dove veniamo e forse dove stiamo andando.

A proposito degli insegnanti

Ragazzi con i droni Ci sono Sven van der Wall E Romano Robrock. Sven è un videografo professionista e Roman è un fotografo professionista. Entrambi provengono dai Paesi Bassi e hanno anni di esperienza nel settore creativo. Ciò che è iniziato come un’idea e un sogno nel 2021 è ora diventato una realtà per loro.

Puoi vedere più del loro lavoro qui Instagram, Luce di reteE Tic toc. Anche questo articolo è stato pubblicato Qui E condiviso con il permesso.