Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Come sarà il futuro della Cina dopo tre anni senza COVID?

i punti principali
  • Un esperto cinese ha affermato che ci sono indicazioni che il governo cinese sia l’obiettivo di un crescente malcontento.
  • Le proteste contro la politica di eliminazione del nuovo coronavirus possono portare a una maggiore instabilità politica.
  • Gli esperti aggiungono che i blocchi a lungo termine imposti hanno danneggiato le prospettive economiche della Cina in vari modi.
Gli esperti affermano che le attuali proteste contro la politica anti-COVID della Cina potrebbero portare a una maggiore instabilità politica e tensioni esterne, quando la stessa politica ha già causato danni economici a lungo termine.
In una rara dimostrazione di sfida, i cittadini cinesi hanno iniziato a protestare contro i blocchi di massa e le rigide misure di quarantena imposte dal presidente Xi Jinping dall’inizio della pandemia.
Quasi tre anni dopo, il governo di Xi ha promesso di tagliare i costi e interrompere i controlli, ma afferma che si atterrà a zero COVID.

Gli esperti dicono che il risultato potrebbe essere il caos politico ed economico.

Le proteste possono creare instabilità politica e sensibilità

Fino a novembre, era estremamente raro vedere manifestazioni contro la politica zero-COVID in Cina, oltre a dissidenti solitari come “Bridge Man”, che in ottobre ha dispiegato uno striscione dal Sitting Bridge di Pechino per protestare contro le misure.
Ma ora sono emersi video di cittadini che manifestano a migliaia per opporsi a quelli che chiamano “grandi bianchi” – un termine usato per le autorità in tute ignifughe bianche che applicano le regole COVID.

I manifestanti di solito portano fogli bianchi di carta A4 come segno di unità contro zero misure COVID, chiamando il movimento la rivoluzione A4.

Il dottor Cory Bell dell’Institute of Australia-China Relations della University of Technology di Sydney ha dichiarato a SBS News che è difficile dire se l’opposizione stia crescendo in Cina, ma sembra che sia in procinto di essere “reindirizzata”.

“Ci sono indicazioni frammentarie che il governo centrale sia l’obiettivo di un crescente malcontento, al contrario dei governi provinciali o locali, che sono stati tradizionalmente gli obiettivi dominanti”, ha affermato.

In precedenza, il governo centrale cinese operava con un “approccio senza mani”, afferma il dott. Bell, che concedeva ai governi locali e regionali “molta libertà di attuare la politica”.
Ma dice che la Cina oggi è diversa sotto Xi.
“Xi ha impresso il suo potere facendo in modo che il governo e la magistratura affrontino illeciti a tutti i livelli”, ha affermato il dottor Bell.
“Ciò potrebbe portare a una maggiore instabilità politica a livello nazionale e potrebbe portare il governo a reprimere gravemente le proteste o imporre aggiustamenti politici sulla loro scia”.
Per l’Australia, afferma il dott. Bell, è probabile che questa situazione renda i rapporti con la Cina “più difficili”.

“Se più proteste sono dirette al governo centrale cinese rispetto ai governi locali, Pechino potrebbe essere più sensibile alle critiche esterne e potrebbe esacerbare il sentimento pubblico in Cina”, ha affermato.

In altre parole, Pechino potrebbe spingere più forte contro i governi stranieri che cercano di proiettare i diritti umani e altre questioni di giustizia sociale e ambientale all’interno della Cina.
A causa dei media statali del partito e della censura online, è difficile valutare sondaggi accurati sulla popolarità di Xi e del Partito della comunità cinese (PCC).

Ma i manifestanti della Rivoluzione A4 paragonano il movimento alle proteste e al massacro di Piazza Tiananmen del 1989, in cui l’esercito cinese uccise studenti pro-democrazia.

Gli effetti economici a lungo termine dei blocchi in Cina

Il professor James Lawrenson, direttore dell’Australia-China Relations Institute (ACRI), ha affermato che i blocchi hanno influenzato le prospettive economiche a lungo termine della Cina in tre modi.
“In primo luogo, l’economia è diventata squilibrata poiché i consumi sono in fase di stallo, soprattutto nel settore dei servizi”, ha affermato.
“Tuttavia, è necessario un aumento del consumo interno affinché la crescita cinese sia sostenibile. Ciò è stato esacerbato dalle misure di stimolo che si concentrano sulle imprese piuttosto che sul sostegno alle famiglie”.
Un esempio di misura di stimolo che può aumentare i consumi è il governo che invia denaro ai cittadini per spendere e sostenere le imprese locali, come il pagamento di $ 750. .
“In secondo luogo, con il tasso di disoccupazione giovanile che ha raggiunto il 20%, c’è stato un calo della formazione sul posto di lavoro e della formazione del personale. Gli studi dimostrano che i disoccupati di lunga durata non si riprendono”, ha affermato il professor Lorenson.
“Infine, gli investitori stranieri hanno alzato le loro valutazioni sui rischi dell’investimento in Cina. Gli investimenti diretti tendono ad essere effettuati con prospettive a lungo termine in mente, quindi una volta persi non sono facilmente recuperabili”.
Altri esperti concordano sul fatto che Pechino potrebbe fare di più per stimolare l’economia, ma ci sono pochi motivi per farlo fino a quando la crisi del COVID non sarà finita.
“Non ha molto senso pompare denaro nella nostra economia se le aziende non possono espandersi o se le persone non possono spendere soldi”, ha detto alla BBC Louis Kuijs, capo economista per l’Asia presso S&P Global Ratings.
L’economia cinese deve affrontare anche la grave crisi del mercato immobiliare del Paese.

A ottobre, le vendite dei primi 100 promotori immobiliari sono diminuite del 26,5% rispetto a un anno fa, secondo un sondaggio speciale della China Index Academy, un’importante società di ricerca immobiliare.

READ  Justin Trudeau viene preso di mira dopo aver sbattuto contro le "bande anti-Vaxer"

Qual è il futuro della sanità cinese?

Nell’ottobre 2016, il presidente Xi ha annunciato il Blueprint for Healthy China 2030 (HC2030), una dichiarazione che ha reso la salute pubblica una precondizione per ogni futuro sviluppo economico e sociale.
I cinque obiettivi principali di HC2030 erano migliorare il livello di salute, controllare i principali fattori di rischio, aumentare la capacità dei servizi sanitari, espandere la portata dell’industria sanitaria e migliorare il sistema dei servizi sanitari.

Ma la mancanza di COVID significa che milioni di cinesi sono stati rinchiusi nei loro appartamenti, impossibilitati a esercitare, una misura politica chiave HC2030 per frenare la malattia.

HC2030 potrebbe anche essere influenzato dall’incapacità della Cina di vaccinare gran parte della sua popolazione anziana.
Due terzi delle persone di età pari o superiore a 80 anni sono vaccinati, ma solo il 40% ha ricevuto un’iniezione di richiamo.
Si ritiene che questo sia un rischio significativo a causa della minore efficacia segnalata dei vaccini cinesi rispetto a quelli di Pfizer e Moderna.
in Due dosi del vaccino più popolare in Cina, Sinovac, erano efficaci solo al 58% contro il Covid grave o fatale nelle persone di età pari o superiore a 80 anni. Due dosi di Pfizer erano efficaci all’87% nella stessa fascia di età.

Gli esperti sanitari e gli economisti si aspettano che la politica rimanga in vigore almeno fino alla metà del 2023 e forse fino al 2024, mentre milioni di anziani vengono vaccinati in preparazione della revoca dei controlli che tengono la maggior parte dei visitatori fuori dalla Cina.