Agosto 17, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Come il relitto della Costa Concordia ha cambiato un’isola italiana

GIGLIO PORTO, ITALIA – Spoglie sotto il sole invernale, le frastagliate rocce granitiche dell’isola toscana del Giglio non erano più nascoste dalla sfortunata nave da crociera che dieci anni fa si incagliò nelle acque turchesi di questo paradiso balneare.

Pochi dei 500 abitanti del villaggio di pescatori dimenticheranno la fredda notte del 13 gennaio 2012, quando la Costa Concordia naufragò, uccidendo 32 persone e sconvolgendo per anni la vita sull’isola.

“Ognuno di noi qui ha un ricordo tragico da allora”, ha detto Mario Pellegrini, 59 anni, vicesindaco nel 2012 ed è stato il primo civile a salire a bordo della nave dopo aver colpito gli scogli vicino ai fari all’ingresso del porto.

La generosità della affiatata comunità degli isolani, inizialmente per fornire un’assistenza essenziale ai 4.229 passeggeri e membri dell’equipaggio che hanno dovuto essere evacuati da una nave inclinata a un’altezza di un grattacielo. In un batter d’occhio, gli abitanti del Giglio hanno ospitato migliaia di giornalisti, forze dell’ordine ed esperti di soccorso che sono sbarcati al porto. Nei prossimi mesi, le squadre di soccorso si sono accampate nel porto panoramico per lavorare alla rimozione in sicurezza della nave, un’operazione che ha richiesto più di due anni per essere completata.

La gente del Giglio si sentiva come una famiglia per chi trascorreva lunghe giornate nel suo porto, in attesa di ricevere notizie di persone care i cui corpi erano rimasti intrappolati sulla nave. Giovedì, a dieci anni dal giorno della tragedia, i familiari delle vittime, alcuni passeggeri e le autorità italiane hanno partecipato a una funzione commemorativa e hanno lanciato una corona di fiori sulle acque dove si stabilì Costa Concordia. Alle 21:45, quando la nave si incagliò, una processione a lume di candela accese la banchina mentre le campane della chiesa suonavano e le sirene suonavano.

Ciò che ora spicca per molti è come il relitto abbia cambiato per sempre la vita di alcuni di coloro le cui strade si sono incrociate di conseguenza. Si forgiarono amicizie, si formarono rapporti d’affari e si formarono nuove famiglie.

“È come se, da quella tragica notte, le vite di tutte le persone coinvolte fossero legate per sempre da un filo invisibile”, ha detto giovedì a messa Luana Gervasi, la nipote di una delle vittime del naufragio, con voce rotta .

READ  Perché economisti e attivisti sono delusi dagli impegni with

Francesco Dietrich, 48 anni, della città orientale di Ancona, è arrivato sull’isola nel febbraio 2013 per lavorare con i subacquei naufraghi, un “lavoro da sogno”, ha detto, aggiungendo: “Era come offrire a qualcuno che giocava a calcio l’ingresso della squadra parrocchiale la Champions League. L’Europa con tutte le migliori squadre in campo”.

Per il suo lavoro, il signor Dietrich ha dovuto acquistare molte forniture per la riparazione di barche dall’unico negozio di ferramenta della città. Era di proprietà di una famiglia locale e Dietrich ora ha un figlio di 6 anni, Pietro, con una figlia in famiglia.

“È stato uno shock per noi”, ha detto Bruna Danny, 42 anni, che ha lavorato fino al 2018 come segretaria per il consorzio che ha salvato il relitto. “Lavorare in Costa Concordia è stata un’esperienza che mi ha cambiato la vita in molti modi”.

Un’esibizione della Costa Concordia utilizzata dalle squadre di soccorso per pianificare il recupero è appesa alla parete del soggiorno dove giocava la figlia di 22 mesi, Ariana.

Ha detto la signora Danielle riferendosi a David Sidioli, 52 anni, un esperto subacqueo torinese venuto sull’isola nel maggio 2012 per aiutare Costa Concordia, che è anche il padre di Ariana.

Da una chiatta, il Sig. Sidioli ha osservato come l’operazione di salvataggio senza precedenti è riuscita, in meno di un giorno, a far ruotare la nave di 951 piedi, parzialmente schiantata contro gli scogli, dal fondo del mare a una posizione eretta senza mettere ulteriormente in pericolo l’ecosistema sottomarino che è stato danneggiato quando è andato alla deriva.

“Saltavamo felici su e giù quando la confusione era completa”, ricorda Sidioli. “Sentivamo di rendere giustizia a questa storia. Ho amato questa piccola comunità e vivo sull’isola”.

Il consiglio comunale ha votato per rendere il 13 gennaio una giornata in ricordo del Giglio, ma dopo quest’anno interromperà le celebrazioni pubbliche “e lo renderà più intimo, senza i media”, ha detto Ortelli durante la messa.

READ  Tendenze del mercato degli aerei elettrici, sviluppo tecnologico e analisi del settore 2027

“Essere qui dopo dieci anni riporta molte emozioni”, ha detto Kevin Rebello, 47 anni, il cui fratello maggiore, Russell, era un cameriere al Costa Concordia.

I resti di Russell Rebelo furono finalmente recuperati tre anni dopo il naufragio, da sotto i mobili della cabina, una volta che la nave fu in piedi e smantellata a Genova.

“Prima di tutto, mi sento vicino a mio fratello qui”, ha detto Kevin Rebelo. “Ma per me è anche una specie di ricongiungimento familiare: non vedevo l’ora di vedere il popolo del Giglio”.

Il signor Rebelo ha abbracciato e salutato gli abitanti per le strade della zona portuale, e ha ricordato come la gente lì gli avesse mostrato il suo amore in quel momento, gli avesse comprato il caffè e avesse semplicemente reso omaggio al suo dolore.

“Le famiglie delle altre vittime hanno sentimenti diversi, ma io sono cattolico e ho perdonato”, ha spiegato Rebelo.

L’incidente della Costa Concordia causò disonore nazionale quando divenne evidente che il capitano della nave, Francesco Schettino, non aveva prontamente lanciato l’allarme pubblico e coordinato l’evacuazione, e invece aveva abbandonato la nave affondata.

“Torna alla barca!” Un ufficiale della Guardia Costiera ha urlato al signor Schettino quando ha capito che il capitano era su una scialuppa di salvataggio a guardare le persone che correvano per fuggire, come hanno poi rivelato le registrazioni audio del loro scambio. “Vai a prua della nave su una scala di corda, e dimmi cosa puoi fare, quante persone ci sono e di cosa hanno bisogno. Adesso!”

Da allora l’ufficiale ha continuato una carriera di successo in politica, mentre Schettino sta scontando una condanna a 16 anni in un carcere romano per omicidio e abbandono della nave prima che l’evacuazione sia completata. Altri funzionari e membri dell’equipaggio hanno contrattato per punizioni più leggere.

Durante il processo, Schettino ha ammesso di aver commesso una “follia” quando ha deciso di navigare ad alta velocità nei pressi dell’isola del Giglio per salutare la famiglia dell’operaio di bordo. La collisione con massi semisommersi vicino all’isola ha provocato una ferita allo scafo di oltre 70 metri, o circa 76 iarde, di larghezza, provocando un blackout sulla nave e l’acqua che scorre nei ponti inferiori.

READ  L'Italia partecipa con 28 aziende alla fiera dell'Aeroporto di Dubai

Il signor Schettino ha tentato di guidare l’incrociatore verso il porto per facilitare l’evacuazione, ma la nave era fuori controllo e ha iniziato a capovolgersi mentre si avvicinava al porto, rendendo inutilizzabili molte delle scialuppe di salvataggio.

“Non posso dimenticare gli occhi dei bambini spaventati a morte e dei loro genitori”, ha detto Pellegrini, salito a bordo della nave per parlare con i funzionari e organizzare l’evacuazione. “Il suono metallico di una nave gigantesca che si ribalta e il gorgoglio del mare nelle corsie infinite della nave.”

Allo stesso modo fu trasferito Sergio Ortelli, ancora sindaco del Giglio dieci anni dopo. “Nessuno può tornare indietro e cancellare queste sciocche morti di persone innocenti o il dolore delle loro famiglie”, ha detto. “La tragedia rimarrà sempre con noi come società. Per noi è stata la fine del mondo”.

Tuttavia, il signor Ortelli ha detto che l’incidente racconta anche una storia diversa, la storia di soccorritori qualificati che sono riusciti a salvare migliaia di vite e di ingegneri che hanno riparato la nave, l’hanno rimessa a galla e l’hanno portata al deposito di rottami.

Mentre l’attenzione globale si spostava lontano da Giglio, gli abitanti rimasero in contatto con il mondo esterno attraverso le persone che vi risiedevano temporaneamente.

Per diversi mesi il reverendo Lorenzo Pascotti, allora sacerdote del Giglio, ha continuato a ricevere pacchi: pantofole pulite, giacche e tovaglie date ai pendolari infreddoliti, bloccati quella notte nella sua chiesa, e restituiti per posta.

Un’estate, padre Bascoti mangiò biscotti tedeschi con una coppia tedesca che era passeggeri della nave. Ricordano ancora il tè caldo e gli avanzi del delizioso cibo di Natale che hanno ricevuto quella notte.

“Così tante nazionalità – il mondo è stato improvvisamente alle nostre porte”, ha detto, ricordando quella notte. “E l’abbiamo aperto normalmente.”