Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Come il nuovo governo italiano potrebbe influenzare l’approccio dell’UE alla Cina – European Council on Foreign Relations

Durante la campagna elettorale italiana di quest’anno, il futuro primo ministro del paese, Giorgia Meloni, ha segnalato un atteggiamento profondamente scettico nei confronti della Cina. In una mossa insolita per un candidato a primo ministro, ha partecipato colloquio Con la Central News Agency di Taiwan. anche lei una promessa Una revisione del programma globale di investimenti infrastrutturali della Cina, la Belt and Road Initiative (BRI), per la quale l’Italia ha firmato un Memorandum of Understanding nel 2019 – una decisione che considera “Errore fatale“.

Il governo di coalizione in Italia è composto dalla Fratellanza d’Italia di estrema destra guidata da Meloni, dalla Lega di Matteo Salvini e da Forza Italia di Silvio Berlusconi. Tutte e tre le parti hanno un track record di preferenze verso la Cina. Al governo, lo hanno fatto Le loro narrazioni si sono gonfiate (a favore o contro la Cina) ma poi non sono riusciti a portare a termine le loro azioni, che tendevano ad essere più in linea con gli approcci di altri paesi europei. I fratelli ora governano in Italia per la prima volta, ma per il momento sembrano comportarsi in modo molto più moderato di quanto sembravano durante la campagna elettorale.

I primi mesi del nuovo governo hanno mostrato un alto grado di continuità in Cina tra l’amministrazione della Meloni e quella del suo predecessore. Mario Draghi ha preso una posizione in linea con quella dell’Unione Europea Valutare al Paese come “concorrente economico e concorrente sistemico”. Ad esempio, bloccato o bannato acquisizione aziende italiane da parte di aziende cinesi e rafforzando lo schieramento oltre Atlantico.

Meloni e Xi Jinping Potrebbe aver avuto un incontro a margine del G-20 a Bali quest’anno, ma questo non dice molto per l’approccio politico complessivo dell’Italia. L’incontro è stato molto più cordiale di quanto ci si sarebbe potuto aspettare da un leader europeo solo poche settimane prima condannare pubblicamente Azioni cinesi nello Stretto di Taiwan. La Meloni ha anche accettato l’invito di Xi a visitare Pechino. Ma anche questo non è un segnale di riavvicinamento dell’Italia alla Cina, ma del ristabilirsi di un rapporto diplomatico di tipo regolare. Le visite in Cina non sono certo fuori programma per i leader europei: poco prima dell’incontro di Bali, il cancelliere tedesco Olaf Scholz è diventato il primo leader del G7 a recarsi in Cina dall’epidemia di coronavirus.

READ  Notizie sulla Brexit: il FMI tira il tappeto dal progetto della paura mentre il Regno Unito supera le principali economie dell'UE | Politica | Notizia

Lo stesso vale per un’altra parte dell’Alleanza Meloni. Il nuovo ministro degli Esteri, Antonio Tajani, è un candidato di Forza Italia e viene da un background sino-scettico. Nel 2019, come Presidente del Parlamento Europeo, Tajani opporsi La decisione dell’Italia di firmare un memorandum d’intesa per la Belt and Road Initiative. Poco dopo il vertice del G-20, Tajani ha ottenuto il Telefonata Con il ministro degli Esteri cinese, il suo contenuto era costituito dalle solite formule diplomatiche sul rafforzamento dei legami economici, ma qualcosa di più. L’era dei grandi affari e delle cerimonie di firma di alto profilo è finita da tempo. Allo stesso modo, vi sono poche indicazioni che il governo italiano farà di tutto per bloccare l’esportazione di merci italiane in Cina.

L’Italia è stato il primo e unico paese del G7 ad aderire alla Belt and Road Initiative. Potrebbe essere il primo ad andarsene

La politica della Lega nei confronti della Cina ha avuto alti e bassi, e poi di nuovo alti. È stato il governo della Lega allineato con il populista Movimento Cinque Stelle a dare il nome alla Belt and Road Initiative nel 2019 durante la visita di stato di Xi. Tuttavia, poche settimane prima della firma, alla fine del 2018, la Lega ha deciso di prendere le distanze dalla Belt and Road Initiative su pressione di Washington. Di conseguenza, Salvini Non sono venuto Eventi ufficiali durante la visita di stato e si sono pubblicamente rammaricati del fatto che la Cina non sia un’economia di mercato. Nel luglio 2020 ha protestato davanti all’ambasciata cinese a Roma a sostegno della libertà dei residenti di Hong Kong. Ma l’anno dopo Visitare In qualità di leader del partito, l’ambasciatore cinese a Roma ha discusso formalmente della situazione in Afghanistan. Ad oggi, la posizione della Lega sulla Cina rimane poco chiara. È probabile che segua la Fratellanza italiana per quanto riguarda la politica della Cina.

READ  World Business Quick Take - Taipei Times

L’Italia è stato il primo e unico paese del G7 ad aderire alla Belt and Road Initiative. Con il riesame promesso dalla Meloni, il Paese potrebbe essere il primo a uscire dall’iniziativa; Questo potrebbe mettere in moto un processo che porterebbe altri paesi europei a fare lo stesso. Nel 2021, la Lituania è stata la prima ad abbandonare il programma Coordinamento della cooperazione “17 + 1”. tra la Cina e i paesi dell’Europa centrale e orientale. Altri presto seguirono.

Nel frattempo, restano interrogativi su come gestire gli investimenti cinesi nelle imprese italiane. Fermare tali accordi è il frutto inespresso del nuovo governo. Del resto l’approccio di Draghi è stato molto protettivo nei confronti delle origini italiane, come quando lo era lui bloccato Shenzhen Investment Holdings dall’acquisizione della società italiana di semiconduttori Lpe. È improbabile che il nuovo primo ministro nazionalista italiano sia riluttante a fare tali scelte. in un Discorso al Senato italianoLa Meloni si oppose apertamente agli investimenti predatori nell’industria italiana strategicamente importante. In precedenza ha ricoperto il ruolo di “Ministro delle Imprese e delle Industrie d’Italia”, già Ministro dello Sviluppo Economico, Adolfo Orso inserzionista L’intenzione del governo di rafforzare ulteriormente il meccanismo di screening italiano per gli investimenti diretti esteri includendo nuovi aiuti governativi per le imprese italiane interessate dalla decisione di bloccare alcune operazioni. Ha anche lasciato intendere che il governo potrebbe rivedere accordi già conclusi che coinvolgono investimenti cinesi.

A questo proposito, il governo italiano può contribuire a rafforzare l’atteggiamento dell’UE nei confronti della Cina. L’unico avvertimento per i responsabili politici dell’UE è che la natura nazionalista del governo significa che non lo farà in un modo che cede pubblicamente sovranità o poteri decisionali alle istituzioni dell’UE. Ad esempio, è probabile che l’Italia favorisca meccanismi europei più forti per il controllo degli investimenti, ma non per dare più potere alla Commissione europea.

READ  Le agenzie italiane devono fare tutto il possibile per catturare i leader dello schieramento

La Cina rimarrà seconda solo all’Unione Europea, agli Stati Uniti e all’immediato vicinato dell’Italia nella politica estera italiana. Resta da vedere se l’Italia stia puntando i suoi soldi sulla Cina e, soprattutto, se stia effettivamente conducendo una prima revisione del suo coinvolgimento nella Belt and Road Initiative. Ma se il governo Meloni si attaccherà alle posizioni che si era prefissato in precedenza sulla Cina, l’Italia può contribuire in modo più efficace a delineare una strategia cinese che dia priorità agli interessi nazionali e anche a quelli dell’Unione Europea.

Francesca Geretti è analista presso il Mercator Institute for China Studies (MERICS) ed è attualmente ECFR Visiting Fellow nell’ambito dello “European Rally on China”.Progetto.

Il Consiglio europeo per le relazioni estere non prende posizioni collettive. Le pubblicazioni ECFR rappresentano solo le opinioni dei suoi singoli autori.