Settembre 23, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Come gli italiani vendevano il gelato ai viennesi

Postato su: Cambiato:

Aeroporto di Vienna (AFP)

I residenti della capitale austriaca fanno la fila da più di 130 anni per modellare il gelato italiano della famiglia Molin-Bradel, una delle più antiche dinastie viennesi del gelato.

“Ha contribuito a democratizzare il gelato riservato ai ricchi”, afferma Silvio Molin-Bradel a proposito del suo bisnonno Arcangelo, che iniziò a vendere su carri nel 1886 a Vienna.

Da oltre un secolo il consumo di gelato tra gli austriaci è superiore a quello della vicina Italia.

Imprenditori come l’Arcangelo Molin-Bradel, nato povero nelle Alpi dolomitiche del nord Italia, furono i primi a beneficiare della golosità dei viennesi.

L’alto costo di zucchero, latte e refrigerazione – molti anni prima dell’invenzione del ghiaccio elettrico – fece sì che il gelato fosse a lungo riservato ai nobili.

Ma italiani brillanti come Molin-Brutels l’hanno cambiata e hanno fatto il gelato a base di acqua e succo di frutta.

– Migrazione del gelato –

Originario di Soldo, a sei ore di macchina da Vienna in questi giorni, Moline-Bradells, come altre famiglie, migrare per lavoro stagionale fa parte della vita: lavorare come marinai, boscaioli o gelatieri.

Maran Mohring, professore di storia all’Università di Lipsia in Germania, afferma che Vienna è diventata il primo posto per i gelatieri al di fuori dell’Italia.

Divenne rapidamente popolare tra i comuni viennesi, come alcuni la chiamavano la “roba congelata” dei coloni italiani.

# Foto1

Ciò ha fatto arrabbiare i fornai austriaci, che lo consideravano un “incontro pericoloso”, dice Mohring.

Nel 1894, i gelatieri acquisirono il diritto di aprire negozi a Vienna invece di vendere il gelato al carretto.

READ  Il tasso di infezione del Govt-19 italiano è alto pochi centimetri, gli esperti chiamano diligenza

“I viennesi sono già abituati ai dessert … quindi non è difficile servire questo prodotto freddo”, ha detto ad AFP Molin-Bradell, che mantiene segrete le sue ricette mentre si trova nel retro del suo salone a Swedenblots.

Nella piazza centrale e boscosa del centro di Vienna, la famiglia produce ancora gelato artigianale.

Ogni giorno durante l’estate, circa 5.000 clienti ordinano decine di gusti, dal tradizionale cioccolato e vaniglia al burro, lavanda e canapa.

“Ogni Vienna ti dirà che” il loro “gelatiere italiano è il migliore”, afferma Molin-Bradel.

“I colori dovrebbero essere pastello. Garantisce la qualità”, dice, espandendo l’attività attraverso alcuni supermercati viennesi che vendono il loro gelato.

– Tradizione duratura –

Secondo la Austrian Economic Foundation, delle circa 370 gelaterie in Austria, circa nove milioni sono occupate da circa 40 milioni di alpini italiani.

# Foto2

I suoi dati mostrano che l’Austria ha un consumo medio pro capite di oltre 60 palline all’anno, ovvero circa otto litri di gelato, in media sei litri in più rispetto all’Italia.

Di generazione in generazione, afferma Mohring, le competenze e le conoscenze dei gelatieri “illustrano il loro successo”.

In passato i gelatieri tornavano in Italia per osservare la raccolta sulle Alpi a metà agosto, mentre oggi la stagione dura fino a ottobre.

Ancora oggi, alla fine di ogni stagione, Bradel-Molin si reca in pellegrinaggio al suo antenato Soldo.

Lo ispira ancora ad attenersi agli ultimi gusti e ad altri segreti commerciali, dice.