Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Come accelerare l’emancipazione economica delle donne e costruire l’uguaglianza di ricchezza

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da Consiglio Atlantico. Questa versione è stata abbreviata.

  • Le prospettive economiche per le donne sia nei paesi ricchi che in quelli a reddito medio-basso sono state notevolmente ridotte dall’esperienza della pandemia di COVID-19.
  • La chiusura del divario di genere globale agisce come un effetto intrinseco: concentrandosi sul futuro, colmare il divario di ricchezza e il divario di fiducia offre modi pratici per promuovere l’emancipazione economica delle donne.
  • Guardando oltre le “quote”, i responsabili politici, gli investitori e gli amministratori delegati lungimiranti dovrebbero concentrarsi sull’affrontare la “prossima grande cosa” in ESG e nel promuovere la condizione delle donne in tutto il mondo.

Poiché l’onere dell’assistenza spesso ricade in modo sproporzionato sulle donne, molte donne che lavorano sono state costrette a lavorare come badanti primarie, costringendole a ritirarsi dalla forza lavoro durante la pandemia. Il calo della partecipazione delle donne alla forza lavoro ha stimolato quello che il Fondo Monetario Internazionale ha definito “l’abbandono delle donne”. Le Nazioni Unite presumono che circa 47 milioni di donne siano spinte in condizioni di estrema povertà.

Nonostante una forte ripresa nelle economie avanzate come gli Stati Uniti – e un leggero aumento della crescita salariale delle donne nel 2022 – il divario retributivo di genere rimane ampio, con i salari delle donne in America che rappresentano l’83,1% dei guadagni degli uomini.

I responsabili politici di paesi come Giappone, Italia e Stati Uniti hanno annunciato misure per migliorare il tasso di partecipazione femminile alla forza lavoro (LFP), introducendo misure per raggiungere la parità di genere nella retribuzione, aumentando il numero di donne nei consigli di amministrazione e promuovendo le tecnologie digitali . competenze per le donne.

In che modo gli investimenti ESG possono favorire l’emancipazione economica delle donne

In un contesto di crescente attenzione all’ESG, gli investitori, i CEO e gli organismi del settore hanno una rinnovata attenzione sul miglioramento della parità di genere nel consiglio di amministrazione, nonché sull’aumento del numero di donne nei team dirigenziali.

Quindi, qual è la prossima “grande cosa” nell’emancipazione economica delle donne e, per estensione, nella politica ESG, nel governo societario e negli investimenti? È probabile che la riduzione del divario di ricchezza tra uomini e donne si allarghi come un’esigenza e un’opportunità. Con sempre più donne che entrano nel mondo del lavoro; Con l’espansione dei protocolli e delle quote per includere più donne nelle squadre e nei consigli di amministrazione; E tra i crescenti sforzi per raggiungere la parità di retribuzione, è probabile che le donne accumulino più ricchezza nel tempo.

I modi in cui questa ricchezza è assicurata e sviluppata nel tempo sta sfidando sia le norme sociali e organizzative nei vari paesi, sia per le donne stesse. Fattori correlati come l’accesso ineguale al credito, gli ostacoli all’imprenditoria femminile, il finanziamento sbilanciato del capitale di rischio, la mancanza di proprietà dei beni aziendali e il divario pensionistico hanno ostacolato la creazione di condizioni di gioco più eque per le donne. Alleviare il divario di ricchezza di genere rappresenta una grande opportunità per i governi di migliorare veramente la situazione; per le organizzazioni e gli investitori per adempiere alle componenti “S” e “G” del mandato di ESG; Le società e le economie possono crescere in modo permanente e sostenibile a lungo termine.

Chiudere il divario di genere globale: un impatto graduale

Uno sguardo più da vicino ai dati alla base del Global Gender Gap Report del World Economic Forum rivela un impatto sorprendente dei progressi compiuti dalle donne nel mondo. Per lavorare per la parità di genere, la salute e la sopravvivenza sono una base che consente l’accesso all’istruzione; L’espansione delle opportunità educative consente l’empowerment politico; L’emancipazione politica delle donne può estendersi alle opportunità di partecipazione economica. Tuttavia, questo tipo di progressione non è lineare. Mentre il 2020 ha segnato battute d’arresto per le donne nelle economie di tutto il mondo, i paesi potrebbero anche tornare indietro con i risultati ottenuti in passato nell’emancipazione politica, nonché nella partecipazione economica.

Scomponendo le varie componenti che possono includere l’emancipazione economica delle donne, si può vedere come l’espansione delle LFP delle donne, l’aumento delle quote per le donne nei team e nei consigli di amministrazione e le mosse più ampie verso la parità di genere nella retribuzione sostengano maggiori opportunità per le donne di guadagnare ricchezza. e quindi generare reddito salariato e non pagato.

Disuguaglianza di ricchezza: la composizione delle attività divergenti

La disuguaglianza di ricchezza tra uomini e donne non è solo un problema nelle economie in via di sviluppo, dove le donne possono incontrare ostacoli nell’accesso ai servizi finanziari, all’accesso all’eredità o ai beni fondiari o non. Nel cuore dell’Europa, all’interno della Germania, la ricchezza di un uomo è in media del 45% più alta da una donna In Francia è superiore del 15% e in Italia del 18%. Un recente studio di dati amministrativi in ​​Estonia ha rivelato che anche all’interno delle famiglie c’è una grande disparità di ricchezza: nelle famiglie in cui i mariti si sposano, “gli uomini possiedono in media l’89% di ricchezza in più rispetto alle donne”.

Questo divario di ricchezza si allarga notevolmente al vertice della distribuzione del reddito: i dati dell’Estonia rivelano che la composizione divergente delle attività è alla base di questo divario. Nella parte inferiore della distribuzione del reddito, le donne tendono a detenere depositi, così come gli uomini: nella parte superiore della distribuzione del reddito, gli uomini tendono a detenere più beni aziendali rispetto alle donne. In effetti, i ricercatori indicano una differenza “sbalorditiva” nella ricchezza aziendale tra uomini e donne, con gli uomini in Estonia che hanno “una ricchezza commerciale pari a nove volte quella delle donne”. In Germania, gli uomini possiedono 5,5 volte più ricchezza aziendale rispetto alle donne. In generale, le donne tendono ad essere più conservatrici nel loro Tipi di investimento Hanno, quindi parafrasando il vecchio adagio, che le donne tengono conti di risparmio su Venere e gli uomini hanno azioni su Marte.

Colmare il divario di fiducia: sì, puoi

I dati empirici mostrano anche che le donne spesso sperimentano un divario di fiducia nella misurazione delle loro prestazioni, rispetto agli uomini. I ricercatori hanno riscontrato un “divario di genere significativo nell’autopromozione”, che è “persistente” e compare già in prima media (11-12 anni). Se una donna completa un test di matematica e scienze, c’è un divario “forte” tra il modo in cui le donne descrivono le proprie prestazioni rispetto agli uomini. Al contrario, quando una donna viene messa alla prova in ciò che è classificato come più “femminile”, cioè compiti verbali, il divario si restringe. Sorprendentemente, anche quando le donne superano gli uomini in un test di matematica e scienze, le donne le sottovalutano costantemente.

“Passa attraverso” questi Livelli di confidenza inferiori Nella disuguaglianza di ricchezza è evidente. La ricerca suggerisce che ci sono prove tra i gradi più bassi di alfabetizzazione finanziaria delle donne e quindi tassi più bassi di partecipazione al mercato azionario. Nel Regno Unito, un recente rapporto rileva che le donne sono “costantemente” in ritardo rispetto agli uomini nell’alfabetizzazione finanziaria “attraverso le generazioni”. Nel tentativo di colmare queste lacune, le donne hanno adottato misure che lavorano insieme, fornendo servizi per migliorare l’alfabetizzazione finanziaria e fornendo approfondimenti sugli investimenti; Offrire servizi di investimento di proprietà delle donne e un aumento significativo dei gestori patrimoniali.

Reimmaginare l’imprenditorialità femminile

Questo campo di gioco sbilenco tra uomini e donne nel mondo degli affari ha messo in luce la disuguaglianza dell’ecosistema delle startup e del capitale di rischio. Negli Stati Uniti, il 75% delle società di venture capital non ha partner di sesso femminile. I responsabili politici statunitensi hanno recentemente redatto una legislazione per migliorare l’accesso delle donne imprenditrici al capitale attraverso i crediti d’imposta.

Tuttavia, va notato che l’imprenditoria femminile non si limita alle imprese gestite da donne o alle start-up. Le donne possono esistere come imprenditrici all’interno di organizzazioni più grandi: sono necessari incentivi per facilitare l’aumento delle quote di proprietà all’interno delle aziende. L’aumento delle opportunità per le donne di creare beni aziendali segue naturalmente la tendenza più ampia di una percentuale più elevata di imprenditrici, un numero maggiore di dirigenti donne e gli sforzi per ridurre il divario salariale. Anche le pratiche di gestione devono continuare: l’emanazione di tali incentivi richiede un allontanamento da una mentalità contingentata.

In breve, i politici, gli investitori e gli amministratori delegati lungimiranti dovrebbero concentrarsi sull’affrontare la “prossima grande cosa” nell’emancipazione economica delle donne. La mitigazione del divario di ricchezza ha il potenziale per creare un ciclo di feedback positivo nelle prospettive di crescita e sviluppo economici sostenibili. Infine, questa è una misura intrinseca degli sforzi per eliminare la disuguaglianza di ricchezza in generale.

READ  Wayne Business la invita a smettere di fumare dopo 90 anni - Delco Times