Agosto 8, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Codice sorgente e Bullet Time: come Matrix ha cambiato la fantascienza

Personaggi che schivano proiettili che sfidano il tempo e la gravità, codici informatici che cadono dal cielo… Ecco come “The Matrix”, il cui quarto episodio uscito mercoledì 22 dicembre, trasforma la fantascienza in una nuova dimensione.

Questo nuovo episodio, firmato dalla sola Lana Wachowski, segna un ritorno tra la realtà e Matrix del cyber-ribelle con gli occhiali scuri di Neo (Keanu Reeves), e non esita a reinterpretare immagini dei film precedenti, tra cui il primo, uscito in 1999 e il culto di molti. .

“tempo di proiettile”

Questa è l’immagine che ha fatto il cinema nel terzo millennio: sul tetto di un grattacielo, Neo schiva una spruzzata di proiettili al rallentatore mozzafiato, mentre la telecamera, girando intorno al palco, sembra aver congelato il tempo. Inaudito all’epoca.

Una combinazione di frame travel e freeze, questo effetto speciale che è diventato iconico è “una telecamera in movimento in un mondo fermo”, riassume Dominic Vidal, della società di effetti speciali Buf, che ha lavorato a tre delle quattro parti della saga.

“Time Bullet”, che ha influenzato due decenni di cinema d’azione, è stato colpito origini francesi, Avviso. Dai Wachowski, regista francese Michel Gondry Ingegnoso genio ottico, usalo in modalità letterale, per… sezione di pietre (“Come una roccia rotolante”).

I creatori di Matrix hanno avuto l’idea di applicarlo alle scene di combattimento e di professionalizzare il processo che a quel tempo richiedeva un’abbondanza di mezzi tecnici per catturare la stessa scena, allo stesso tempo, da dozzine di punti diversi di vista.

colonne di codice

Una raffica di codici informatici verdi fluorescenti che cadono dal cielo e finiscono per disegnare un universo parallelo, Matrix… Anche questa idea visiva rimane nei registri.

READ  Alzheimer: Introduzione di una mutazione protettiva nelle cellule umane

“Alla base c’era un menu di ramen (spaghetti giapponesi) mescolato con numeri invertiti”, spiega Dominic Vidal di queste forme che eserciti di fan hanno cercato di decifrare.

“Abbiamo fatto molte ricerche per capire come far apparire le persone nei codici dei computer”, dice di questo ultimo effetto, che è stato menzionato di nuovo in risurrezione.

Perché i Wachowski sono perfezionisti. In alcuni effetti speciali, i suoi team hanno fornito fino a 20 diversi suggerimenti per “ottenere una combinazione di colori per gli effetti”. Ride, “Abbiamo in programma di arrivare alla versione 150!”.

Il risultato, da un punto di vista estetico, Matrix ha costituito una rottura, spingendo il cinema nell’era del “schermo verde” e delle influenze digitali onnipresenti, come afferma Lloyd Cherry, fondatore del podcast, “It’s more than SF”.

Matrice e Metaverso

a tanti fan, matrice, con un gruppo di ribelli che combattono contro l’intelligenza artificiale che ha imprigionato gli umani in The Matrix, un mondo di realtà virtuale che simula il mondo esterno, è la storia che meglio ha predetto l’inizio del ventunesimo secolo.

“The Matrix ha detto molte cose su quello che sarebbe successo, e la realtà raggiunge la fantascienza con l’arrivo del 3D e della realtà virtuale aumentata”, ha detto Lloyd Cherry.

Fino alla notizia delle scorse settimane, con l’emergere del metaverso (una contrazione di meta-universo), in cui il colosso di Facebook ha annunciato che stava creando il suo nuovo business, ricordando un po’ l’universo di Matrix.

In precedenza, anche Matrix era stato incorporato, mescolando molti riferimenti diversi, dalle arti marziali al cinema di Hong Kong, passando per la mitologia religiosa e il Cyberpunk, come fa oggi la cultura pop, osserva Lloyd Cherry. Niu, una specie di figura di Cristo con un lungo cappotto nero, esperto di kung fu e hacking di computer, riassume queste influenze su se stesso.

READ  Riforma sanitaria: tre organizzazioni rivelano le loro raccomandazioni

E l’anno scorso, Lilly Wachowski, che ha cambiato genere come sua sorella dal primo film, ha chiarito che vedeva il lavoro come una metafora “croce” in anticipo sui tempi, in un momento in cui le domande sulla fluidità di genere erano più segrete.