Agosto 12, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Città italiana sfidando la Cina, inaugura la mostra dell’artista dissidente

Una mostra provocatoria dell’artista cinese dissidente Badioca ha aperto sabato nella città industriale di Brescia, nel nord Italia, nonostante le pressioni dell’ambasciata cinese a Roma per cancellarla.

Una lettera dell’ambasciata includeva velate minacce economiche, riferite al commercio dell’Italia con la Cina, nel tentativo di bloccare la prima mostra personale di Badiucao, lo pseudonimo utilizzato dall’artista il cui lavoro si rivolge alle politiche cinesi e ai diritti umani.

Eletra Stamboles, curatrice del Museo cittadino di Santa Giulia, ha detto che il sindaco di Brescia Emilio del Bono “ha risposto con sensibilità e fermezza”.

“Naturalmente siamo sempre un po’ preoccupati, non tanto per la sicurezza dell’artista, ma perché sappiamo che ci sono modi più spaventosi per mettere a tacere gli artisti dissenzienti”, ha detto.

Dopo che un precedente tentativo di allestire una mostra personale a Hong Kong nel 2018 è stato annullato sotto pressione, Badiokau si è detto “orgoglioso e felice” che la Galleria di Brescia sia finalmente aperta al pubblico.

“Poiché la mia arte si è sempre concentrata sui problemi dei diritti umani in Cina… mi rende quasi una specie di nemico numero uno”, ha detto Badiokau. “Mi molestano. Mi molestano, molestano la mia famiglia e minacciano costantemente le persone che lavorano con me. Ecco perché, per me, è davvero difficile avere una mostra in una galleria esistente e un museo come questo”.

La mostra, che durerà fino al 13 febbraio, ripercorre il percorso artistico di Badiokau dal suo inizio alle ultime opere create in risposta alla crisi sanitaria causata dalla pandemia di COVID-19. Ex assistente dell’artista cinese dissidente con sede a Berlino Ai Weiwei, Badiokaou è attualmente in esilio dall’Australia.

READ  Fremantle collabora con il creatore di "Dirty Lines" Peter Bart Kurthes - Scadenza

Le opere spaziano dai dipinti ad olio alle installazioni e alle arti performative. Tra questi, uno scatena uno scandalo per il latte per bambini contaminato esportato dalla Cina nel 2018, un altro si riferisce al massacro di Piazza Tiananmen e un altro rappresenta il Movimento degli ombrelli come parte delle manifestazioni a favore della democrazia di Hong Kong che la Cina ha represso.

Durante i giorni di apertura della mostra, Badiokau siederà su una sedia della tortura e leggerà i diari condivisi con lui da un residente di Wuhan, la città cinese dove è stato scoperto per la prima volta il coronavirus.

“Chiunque cercherà di dire la verità o una storia diversa dalla versione del governo cinese sarà punito, quindi ho fatto un appello pubblico su Twitter ai residenti di Wuhan e ho detto che volevo condividere l’onere e il rischio con voi, se mi credete. , puoi inviare le tue informazioni”, ha detto Badiocao.

Il diario, che verrà letto in mandarino, contiene 100 giorni di record.

L’artista ha tenuto segreta la sua identità per molti anni, indossando maschere durante le apparizioni pubbliche per proteggere i suoi familiari. La lunga segretezza ha fatto paragoni con l’artista di graffiti britannico Banksy, la cui vera identità rimane avvolta nel mistero.

Ma Badiokau ha detto che qualsiasi confronto manca dei punti principali.

“Se l’identità di Banksy viene rivelata, non sarà o non sarà inseguita dalla polizia di sicurezza nazionale del Regno Unito, il che è molto diverso nel mio caso”, ha detto. “Ma sono anche davvero arrabbiato con Banksy, perché non ha mai realizzato opere d’arte critiche nei confronti del governo cinese”.

READ  Sei ricette ricercate da "Stanley Tucci: Alla ricerca dell'Italia"