Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Cipro potrebbe riflettere l’attacco NPL all’Italia con “bad banking”

CIDR Cipro, parte del gruppo trigger

Il modello italiano con la “bad bank” ha trovato successo nella gestione degli NPL.

Scioperi aziendali, rinvii, perdite di posti di lavoro, inadempienze creditizie e molte altre situazioni simili fanno notizia ogni giorno. È diventato chiaro che alcune economie erano più flessibili di altre, alcune agivano più velocemente e altre sottovalutavano la situazione. L’assenza di un seminario, di un corso o di un manuale su come affrontare un evento di queste proporzioni richiede un chiaro messaggio di unità fin dall’inizio, e solo per questo motivo non ci sono né vincitori né vinti.

Molto prima dell’epidemia, le economie statali avevano altre cose importanti nelle loro mani, una delle quali era il problema della riduzione dei tassi di debito in sofferenza nei paesi dell’Europa meridionale. Ciascun paese ha creato un ambiente specifico favorevole alle transazioni di portafoglio NPL. In alcuni, le autorità sono intervenute e hanno incoraggiato i funzionari ad accelerare i prestiti attraverso regimi speciali, restrizioni o la creazione di bad bank.

L’Italia è un ottimo esempio di come il settore pubblico e quello privato possano coesistere in un mercato dei crediti deteriorati altamente concentrato. A fine 2020 il totale delle banche era approssimativo, secondo il Rapporto sulle Condizioni di Credito e Rischi emesso da Banca d’Italia. Sono a rischio miliardi 100 miliardi di prestiti, di cui circa 46 miliardi di dollari in NPL e quasi 49 miliardi di dollari dichiarati in sofferenza (UTP). Il rapporto tra disavanzo pubblico e debito pubblico era di circa il 7% entro la fine del 2020.

Il modello italiano è replicabile a Cipro perché i crediti deteriorati sono ancora alti e devono continuare a mitigare la crisi finanziaria del 2013 e quella con cui le economie globali stanno affrontando dall’epidemia.

READ  L'Italia per allentare le restrizioni COVID

In che modo l’Italia sta guidando il cambiamento nel mercato europeo della tragedia?

Avere azioni nel gioco aumenterà sicuramente il livello di interesse mostrato dalle autorità. Questa non era l’intenzione iniziale del governo italiano quando ha deciso di assumere il ruolo di più leggero e servicer nel mercato del credito in sofferenza e impossibile da pagare. In qualità di facilitatore, il governo gestisce un programma chiamato GACS, che fornisce garanzie statali per le transazioni di titoli NPL. In qualità di attore attivo del mercato tragico, la quota è stata assegnata ad AMCO, una società di gestione del debito a servizio completo controllata dal Ministero dell’Economia.

Facilitatore – GACS (Garanzia sui titoli di debito deteriorati)

Lo schema GACS è stato approvato per la prima volta nel 2016 per aiutare le banche italiane a cancellare i portafogli di NPL.

Cosa rende questo schema così attraente per banche e investitori? Le banche convertiranno il portafoglio NPL in una società veicolo al prezzo di acquisto concordato. Con l’emissione di note (gli NPL sono supportati come una rete) SBV finanzierà l’acquisizione, che di solito include diversi senior: senior, mezzanine e junior. Il governo italiano garantirà solo le rate senior sotto forma di un accordo di trasferimento del default del prestito tra il governo e l’SPV. Avere una garanzia del governo generalmente offrirà un prezzo migliore, riducendo così al minimo le perdite per le banche.

Il progetto ha avuto un avvio lento nel 2016, ma negli anni successivi è stato fortemente integrato con 32 transazioni, per un valore immaginario di 18,5 miliardi di dollari.

READ  L'italiano Tragi Erdogan critica Sofagate come un "dittatore" dopo Politico

Servo – AMCO

AMCO è una società di gestione patrimoniale di proprietà statale controllata dal Ministero delle Finanze italiano. Alla fine del 2020, AMCO aveva gestito circa 34 miliardi di dollari di asset. Nel 2020 sono stati aggiunti solo 12 miliardi di dollari.

Per capire meglio dove si trova AMCO oggi, ha senso guardare indietro alla sua storia. Nel 1996, nell’Italia meridionale, la Banca di Napoli, uno dei più antichi istituti di credito del Paese, ha subito significative perdite per debiti.

Il governo italiano ha risposto approvando una nuova legge volta a ristrutturare e privatizzare la banca. Ai sensi della legge, una società veicolo è stata divulgata con il nome originale SGA (Società per la Guestion delle Attivita). La nuova società aveva l’obiettivo di raccogliere 6,4 miliardi di dollari di crediti deteriorati dalla banca. Circa. L’attività ventennale ha recuperato quasi il 95% del portafoglio iniziale di SGA. 30 430 milioni.

Nel 2016, il Ministero dell’Economia ha acquisito SGA tramite Order-59, con la chiara intenzione di impegnarsi attivamente nel mercato italiano degli NPL e UDP. Nel giugno 2019, SGA ha cambiato il proprio nome in Amco (Asset Management Company).

Co-fondatore di Unexpected-Payable Management Site.

Alla fine del 2019 AMCO ha aperto un nuovo mercato quando ha annunciato il suo ultimo progetto Quay. AMCO ha collaborato con Brillios, un servant italiano privato esperto, per sviluppare una piattaforma di gestione per i prestiti UTP relativi al settore immobiliare. Altro fiore all’occhiello del mercato italiano è la costituzione di Pack 2 Pony, fondo specializzato per la gestione dell’UTP.

Con il finanziamento di nuova creazione, Brillios sarà il manager finanziario e il partner immobiliare, agendo come master e specialista di AMCO. In genere, un fornitore di servizi primario è responsabile della gestione del portafoglio in relazione a investitori e dirigenti, mentre un fornitore di servizi dedicato è responsabile del lavoro.

READ  Enel X & Fincantieri promette trasferimento di energia per i porti italiani

Nella prima fase del progetto, 3 banche italiane hanno trasferito al fondo 50 mutuatari, portando l’esposizione totale UTP a $ 450 milioni. Nel dicembre 2020, altre 3 banche hanno aderito allo schema contribuendo con ulteriori $ 400 milioni con 60 mutuatari.

Il sito si concentra sul turnaround di successo dei mutuatari grazie al nuovo finanziamento, consentendo la pre-gestione dei prestiti e sulla base del patrimonio immobiliare

Rifletti il ​​modello

Proprio come il governo italiano ha acquisito AMCO nel 2016, il governo cipriota sta valutando la possibilità di sostituire KEDIPES. La società di gestione patrimoniale è attualmente responsabile dell’aggiunta di crediti inesigibili all’ex banca cooperativa di Cipro e ci saranno piani per trasformare la società in una “bad bank” per assorbire una grossa fetta di NPL locali. Resta da vedere se questo accadrà, ma ora Amco ci ha mostrato una soluzione di successo.