Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Cina contro Jimmy Lai: imprenditore, processo ed erosione dello stato di diritto a Hong Kong | Hong Kong

Anche prima della sua prigionia, Jimmy Lai sapeva di dover affrontare un futuro cupo, ma ha insistito per combattere la sua causa.

“Senza combattere, non abbiamo speranza. Non sappiamo quando vinceremo, ma siamo sicuri di essere dalla parte giusta della storia e il tempo è dalla nostra parte”, fondatore del movimento per la democrazia Hong Kong Apple Daily ha dichiarato a The Guardian nell’agosto 2020 mentre era su cauzione, cinque giorni dopo essere stato arrestato per accuse di complicità straniera.

La legge sulla sicurezza nazionale di Pechino è entrata in vigore due mesi fa. La polizia fa irruzione due volte sull’Apple Daily e arresta Lai. I fondi dell’azienda sono stati congelati l’anno successivo, il che ha portato alla chiusura del giornale.

Ora, Lay probabilmente passerà il resto della sua vita in prigione.

Il suo caso è stato visto come un simbolo dell’incessante determinazione delle autorità cinesi a sopprimere l’influenza popolare al di fuori del loro controllo e ad usare la legge e la giustizia come strumenti per sopprimere le forze “reazionarie”.

“Le autorità vogliono garantire la sua morte”.

Lai, un cittadino britannico di 75 anni, è dietro le sbarre dal dicembre 2020 a causa del suo ruolo in essa. Proteste a favore della democrazia del 2019 e assembramenti non autorizzati. Sabato è stato condannato a cinque anni e nove mesi di carcere per frode per aver violato un contratto di locazione, ma deve affrontare accuse molto più gravi di cospirazione per pubblicare materiale infiammatorio e collusione con potenze straniere ai sensi di una legge sulla sicurezza nazionale che la Cina ha imposto nel 2020.

La radicale legge sulla sicurezza nazionale vieta, vagamente, atti di separatismo, sovversione, terrorismo e “collusione con poteri stranieri ed esterni”, con una pena massima dell’ergastolo per i colpevoli.

Dopo l’offerta del governo di Hong Kong All’avvocato britannico Tim Owen è stato impedito di rappresentare LaiIl suo processo, originariamente previsto per questo mese, è stato rinviato a settembre 2023. Se condannato da un collegio di tre giudici scelti con cura che operano senza giuria, Lai rischia l’ergastolo.

Gli osservatori ritengono che il trattamento del magnate dei media Jimmy Lai sia usato come monito per gli altri. Foto: Anthony Wallace/AFP/Getty Images

I critici affermano che il trattamento di Lai è completamente contrario allo spirito dello stato di diritto e riflette la determinazione delle autorità a rinchiudere figure di alto profilo Cina critica a fin di bene.

“La Cina lo usa come esempio per minacciare gli altri… per ottenere il massimo effetto deterrente”, afferma Sang Pu, avvocato e commentatore politico attualmente residente a Taiwan.

Sang afferma che il processo legale nel caso di Lai – dall’incriminarlo, detenerlo per lunghi periodi, nominare giudici per la sicurezza nazionale e negare un avvocato straniero – faceva parte di un “processo farsa” manipolato dalla Cina.

“Lai era la figura numero uno nella società civile di Hong Kong… le autorità vogliono assicurarsi che sia completamente distrutto”, dice.

Il mese scorso il leader di Hong Kong, John Lee, ha chiesto al massimo legislatore cinese, il Comitato permanente dell’Assemblea nazionale del popolo, di chiarire se gli avvocati stranieri possono partecipare a casi di sicurezza nazionale. Nel frattempo, le autorità impediscono a Owen di estendere il visto ed è costretto ad andarsene.

Il delegato di Hong Kong alla commissione, Tam Yue Chung, ha affermato che vietare agli avvocati stranieri di lavorare su casi di sicurezza nazionale “è coerente con lo spirito legislativo e la logica della legge sulla sicurezza nazionale” e che i sospetti di sicurezza nazionale potrebbero essere inviati sulla terraferma per essere processati se non riusciva a trovare un avvocato a Hong Kong.Kong.

Dennis Kwok, un ex legislatore di Hong Kong che rappresentava il settore legale e senior fellow presso la Harvard Kennedy School, afferma che la sentenza sproporzionata sulla questione dell’affitto dei terreni, la negazione del diritto di scegliere un avvocato esterno e il lungo rinvio del processo “sono stati non solo una falsa rappresentazione della giustizia, ma anche una violazione dei suoi diritti umani”.

“L’indipendenza giudiziaria di Hong Kong è stata svuotata dalla sicurezza nazionale… La sicurezza nazionale può prevalere completamente sui diritti umani fondamentali”, afferma.

Decine di agenti di polizia hanno fatto irruzione nell'ufficio dell'Apple Daily nel giugno 2021.
Decine di agenti di polizia hanno fatto irruzione nell’ufficio dell’Apple Daily nel giugno 2021. Foto: Apple Daily/Getty Images

“Secondo gli standard internazionali sui diritti umani, Jimmy Lai ha il diritto di dirigere un giornale, criticare il governo e persino cercare sforzi da parte di altri governi per affrontare le violazioni dei diritti umani a Hong Kong sotto un ombrello”, afferma William Ni, un ricercatore statunitense di Difensori cinesi dei diritti umani Sicurezza nazionale: “Le autorità cinesi stanno tentando di dare un velo di legittimità alla rigida censura e al divieto di advocacy internazionale”.

Ma il PCC ha un concetto di diritti e giustizia completamente diverso che affonda le sue radici nei decenni precedenti la fondazione della Repubblica Popolare. Pochi mesi prima di salire al potere, Mao Zedong scrisse nel giugno 1949 che le forze dell’ordine sono strumenti per sopprimere i “reazionari”.

Nel suo saggio ha scritto: “L’apparato statale, inclusi esercito, polizia e tribunali … è uno strumento di repressione delle classi ostili”. Sulla dittatura democratica popolare. Mentre il “popolo” obbediente al partito dovrebbe godere di democrazia e diritti, la dittatura dovrebbe essere imposta ai “reazionari”.

“Sopprimeteli… se parlano o agiscono in modo sfrenato, saranno puniti sul posto”, ha scritto Mao. “La democrazia per il popolo e la dittatura sui reazionari è la dittatura democratica del popolo”.

READ  Il tribunale del Myanmar incrimina Aung San Suu Kyi con altre quattro accuse di corruzione