Novembre 27, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Chris Bowen sulla lotta urgente della Cop27: “Se non stiamo cercando di mantenere la temperatura a 1,5°C, perché siamo qui?” | poliziotto 27

unIl vertice sul clima COP27 in Egitto si estende agli straordinari, Chris Bowen Ha chiesto la “misura più forte possibile” per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C e ha sostenuto la creazione di un fondo per aiutare i poveri ad affrontare gli inevitabili danni causati dal peggioramento delle condizioni meteorologiche estreme.

In un’intervista a The Guardian, il ministro australiano per i cambiamenti climatici ha affermato che la conferenza di Sharm el-Sheikh ha subito una spinta da parte di alcuni paesi per annacquare l’accordo di Glasgow lo scorso anno e che ha combattuto al fianco di altri paesi per garantire che l’accordo fosse “riaffermato”. È costruito su, non annullato.

Non era chiaro se ciò sarebbe stato concordato mentre i colloqui sono iniziati nelle prime ore di sabato, anche se sembra che gran parte dell’accordo di Glasgow sia stato salvato. Il principale punto critico è stato il problema noto come Perdite e danni: come finanziare i costi di salvataggio e ricostruzione dopo catastrofici eventi meteorologici estremi che distruggono persone e infrastrutture nei paesi vulnerabili.

A lungo spinto dal mondo in via di sviluppo, è all’ordine del giorno per la prima volta in Egitto. Nonostante le proposte a cui l’Australia si è opposta con veemenza, Bowen ha affermato di essere “molto attratto” dalla creazione di un fondo che attragga denaro da un’ampia gamma di donatori, lavorando a fianco delle banche multilaterali di sviluppo, tra cui La banca mondiale riformatae si è concentrato sull’aiutare i “più vulnerabili di tutti”.

Il linguaggio indicava che i paesi classificati come in via di sviluppo 30 anni fa ma che ora sono tra i maggiori emettitori storici, tra cui Cina, Russia e Arabia Saudita, dovranno andare avanti con i paesi storicamente ricchi.

Con una mossa significativa venerdì scorso, l’Australia ha aderito a una proposta informale guidata dall’Unione Europea, e sostenuta anche da Stati Uniti, Regno Unito, Nuova Zelanda e Canada, per un fondo operativo entro due anni, con la possibilità di un comitato per considerare come lavorare con le istituzioni finanziarie esistenti. Hanno chiesto che il denaro provenga da “un’ampia gamma di partiti e fonti”, ma non hanno specificato se ciò includa grandi economie emergenti come la Cina. I paesi in via di sviluppo stavano valutando la proposta.

Parlando prima, Bowen ha detto che aveva preso prima poliziotto 27 Che ogni vertice sul clima si sarebbe basato su ciò che era stato concordato in precedenza, o almeno avrebbe mantenuto lo status quo, ma non era così. “Pensavo che non dovessi lottare per 1,5°C [to stay in the agreement]”, ha detto. “Quando sono arrivato qui, c’era una vera pressione per allentare l’accordo di Glasgow e non è stato fatto, quindi abbiamo dovuto combattere con gli altri”.

Il ministro ha affermato che la bozza di testo dell’accordo COP27 è ancora più debole dell’accordo di Glasgow. “Ma è molto più vicino”, ha detto, “e potremmo essere in grado di andare da qualche parte meglio”.

Mentre molte valutazioni affermavano che il riscaldamento mondiale avrebbe probabilmente superato 1,5°C sulla sua traiettoria attuale e che il mondo avrebbe dovuto fare affidamento sulla tecnologia di rimozione dell’anidride carbonica per abbassare le temperature dopo che il limite fosse stato superato, Bowen ha sottolineato che era necessario per mantenere il supporto. 1.5C “nei termini più forti possibili”.

“È importante perché se non stiamo cercando di mantenere 1,5°C, perché siamo qui? Perché la differenza Tra 1,5°C e 1,7°C in termini di impatto sul pianeta è enorme,” Egli ha detto.

Ha collegato la temperatura target alla lotta per perdite e danni. Ha detto che se i paesi si arrendono di 1,5 gradi Celsius, dovranno affrontare un danno maggiore. “Questo è un grosso problema. Dobbiamo affrontare entrambi”.

Bowen è stato accolto calorosamente dagli altri ministri, che hanno visto il governo Morrison come un ritardatario e talvolta un ostacolo nei negoziati. L’inviato statunitense per il clima, John Kerry, ha usato una lettera questa settimana per dire a Bowen che “stava facendo un ottimo lavoro su… Mostra la differenza che fanno le elezioniBowen è stato scelto dalla presidenza egiziana per co-condurre un flusso negoziale che si occupa di finanziamenti per il clima.

Gli scienziati affermano che mentre l’impegno climatico dell’Australia per il 2030 – ridurre le emissioni del 43% rispetto ai livelli del 2005 – è migliorato in modo significativo dalle elezioni, non è compatibile con la limitazione del riscaldamento a 1,5°C. è risultato coerente con circa 2 °C.

Alla domanda su cosa significhi il suo forte sostegno di 1,5°C per gli impegni dell’Australia, Bowen ha dichiarato: “Penso che ciò significhi che dobbiamo mantenere la rotta. Come abbiamo sempre detto, se possiamo fare meglio del 43%, lo faremo. Ma il 43% è una grande richiesta in otto anni e richiede grandi cambiamenti.

L’Australia ha evitato di svolgere un ruolo diretto in un dibattito alla Cop27 sull’opportunità di rafforzare la lingua in un accordo proposto dal sostenere una graduale eliminazione dell ‘”inesorabile energia a carbone” a Eliminazione graduale o eliminazione di tutti i combustibili fossili, compresi petrolio e gas. L’Australia è un importante esportatore di combustibili fossili, compresa un’industria del gas in espansione.

Le osservazioni di Bowen hanno enfatizzato l’altra metà dell’equazione: la necessità di accelerare rapidamente l’energia rinnovabile in tutto il mondo in questo decennio. Sulla base delle bozze, si prevedeva che fosse incluso per la prima volta nel testo sul clima delle Nazioni Unite.

La delegazione australiana ha utilizzato la conferenza per esercitare pressioni sui diritti per co-ospitare il vertice sul clima del 2026 con le nazioni del Pacifico. L’offerta ha ricevuto una spinta quando la Svizzera, vista come un potenziale rivale all’interno dell’Europa occidentale e un altro gruppo di nazioni con diritti di hosting quell’anno, ha offerto il proprio sostegno all’Australia.

La Turchia ha detto che lancerà una campagna rivale, ma preferisce l’emisfero meridionale. Bowen ha detto che la proposta Australia/Pacifico ha avuto un forte sostegno “anche da parte di alcuni paesi che pensavamo potessero fare un’offerta contro di noi”.

Ha il sostegno del Forum delle Isole del Pacifico, anche se il ministro del clima di Vanuatu, Ralph Reginfano, ha detto al Guardian che il sostegno del suo paese all’offerta era A condizione che l’Australia non sovvenzioni alcun nuovo sussidio per i combustibili fossili.

Bowen ha detto che questo non sarebbe un problema perché questa è la posizione del governo.

Questo non è nuovo. [Resources minister] Madeline King ha detto lo stesso. “Ora, ci sono persone che hanno definizioni diverse di sussidi ai combustibili fossili, ma non è qualcosa che faremo”.

Bowen ha detto che la sua esperienza alla Cop27 ha rafforzato il fatto che il suo lavoro è stato “il lavoro più importante che ho avuto, il lavoro più importante che probabilmente avrò mai, perché è la questione più importante in politica australiana Il più delle volte, questa è la sfida importante che il mondo deve affrontare e qui la sto affrontando a nome del Paese, ed è un grande onore”.

Disse: “C’è un detto che mi piace—è un po’ orribile—ci sono certi momenti nella tua vita in cui scrivi la prima riga del tuo necrologio”. “Questo è ciò che ricorderemo, successo o fallimento. È un po’ in quella zona.”

READ  Fonti informate hanno rivelato come Fox News sia diventata uno sbocco di propaganda per Donald Trump