Giugno 20, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Chiusura del Forum Economico Italo-Libiano; Le porte sembrano aprirsi al futuro |

di Elisa Folkman

Tunisi, 9 giugno 2021:

Si è concluso ieri a Tunisi il Forum economico italo-libico, organizzato dall’Associazione italo-libica per lo sviluppo delle imprese (ILBDA), con l’annuncio dei futuri forum nei prossimi mesi, delle partnership pubblico/privato e dei nuovi progetti. Tuttavia, nessuno di loro è stato divulgato.

Il forum di due giorni ha riunito le aziende, il settore pubblico e gli attori della società civile per esplorare nuovi modi per avviare l’economia libica. Il primo giorno, il 7 giugno, è stato caratterizzato da sessioni di discussione, mentre il secondo giorno ha visto cicli di incontri d’affari. Si segnala che alcuni di loro hanno stretto importanti partenariati pubblici e privati, in particolare nei settori dell’energia e delle costruzioni.

Il forum è stato sostenuto da 30 aziende sponsor, tra cui la Tunisian-Libyan Bank, e hanno partecipato 28 espositori. Hanno partecipato circa 150 aziende, 80 delle quali hanno aderito all’ILBDA come nuovi membri. Vanessa Tomasini, co-organizzatrice e conduttrice, ha raccontato Libia Herald Una delle ragioni dell’alta affluenza, secondo lei, è la “natura apolitica dell’evento”.

“Le prossime ore e giorni saranno cruciali per dare concretezza al Forum”, ha affermato Sandro Frattini, Presidente dell’ILBDA nel suo discorso conclusivo. Ha anche affermato di aver raggiunto accordi con diversi sindaci e autorità locali nelle tre regioni libiche per organizzare missioni commerciali.

L’integrazione vigorosa delle regioni libiche nella rinascita del paese, con otto sindaci libici, di Ghadames, Ghat, Souk al-Juma, Tawergha, Tripoli centrale, Zahra, Zawiya e Zliten, è emersa non solo dalle sfide che devono affrontare le loro comunità, ma anche opportunità. , come la conservazione e lo sviluppo del patrimonio locale al fine di sviluppare il turismo in diverse regioni, come la regione di Ghat.

READ  A caccia di cibo - Linea di attività indù

Il sindaco dei tuareg, Moussa Senussi, ha annunciato la sua disponibilità, se la pandemia lo consentirà, a tenere il festival internazionale del turismo di quest’anno, un evento che promuove la cultura e il patrimonio tuareg.

Un altro voto di fiducia alla cooperazione italiana, libica e tunisina è arrivato da Donatella Iarici, direttore dell’Agenzia italiana per il commercio e gli investimenti con sede in Tunisia, che ha annunciato l’apertura di un ufficio a Tripoli a giorni.

Oltre alle questioni fondamentali della ricostruzione e dell’energia, è stata esplorata un’ampia gamma di nuove industrie, attorno alla necessità di diversificazione, ha affermato il vicepresidente di ILBDA Libia Herald “Dobbiamo allontanarci dall’economia della rendita del 1951” – riferendosi al reddito della Libia indipendente proveniente prima dalle basi di leasing nel Regno Unito e negli Stati Uniti e poi sostituito dalla totale dipendenza da petrolio e gas. Lo sviluppo dei settori emergenti esplorati durante l’evento includeva la trasmissione televisiva e dei media, la pesca e il turismo.

Frattini ha detto che vede il forum come un contributo “al dialogo nel processo di riconciliazione nazionale che è già in corso”.