Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Chiede piani di emergenza e migliori condizioni di lavoro mentre l’assistenza agli anziani affronta l’anno più mortale dall’inizio del COVID-19

Pamela Bartolovic dice che la vita in una casa di cura in Tasmania è “fantastica”.

La signora Bartolovic, 73 anni, risiede a Snug Village, una casa di cura privata a 30 minuti da Hobart.

“Sono molto felice qui”, ha detto. “C’è rassicurazione, sicurezza e cura”.

A gennaio, c’è stato un focolaio di COVID-19 a Snug Village che ha provocato 12 casi nel personale e due infezioni nei residenti.

A causa delle vaccinazioni obbligatorie, dei requisiti igienici e delle misure di distanziamento sociale, la signora Bartolovic ha affermato che l’epidemia è stata “immediatamente stroncata sul nascere”.

Nonostante le preoccupazioni della comunità più ampia per il benessere dei residenti nelle strutture di assistenza agli anziani, la signora Bartolovic ha affermato che il personale delle case di cura è stato il vero eroe negli ultimi anni e ha fatto del proprio meglio per mantenere i residenti sani e salvi.

“Spero che la nostra casa di cura possa essere un modello per gli altri”, ha detto.

Ma non tutti sono fortunati come Bartolovich.

Non sorprende che le case di cura in tutto il paese siano state sottoposte a un’enorme pressione negli ultimi anni, con il 2022 che si profila già come l’anno più mortale per i residenti delle case di cura dall’inizio della pandemia.

Finora, quest’anno, poco più di 700 australiani sono morti in epidemie nell’assistenza agli anziani, rispetto a 282 decessi nel 2021 e 685 nel 2020.

infermieri
Il settore dell’assistenza agli anziani è a corto di personale poiché i lavoratori devono isolarsi a causa del coronavirus.(Notizie ABC: Nick McBain)

Richiede piani di coordinamento delle emergenze

La possibilità di una variabile futura è alta, ha affermato Paul Sadler, CEO di Aged and Community Services Australia (ACSA), e lui e altri organismi di punta del settore hanno tenuto colloqui e discusso cosa è necessario fare per prepararsi.

Sadler ha affermato che l’ACSA, insieme a Leading Aged Services Australia, ha contattato il governo federale con un piano per creare un punto focale nazionale per l’assistenza agli anziani per COVID-19.

“Prenderemo le risorse che il governo statale ha stanziato per sostenere il settore dell’assistenza agli anziani attorno al COVID… e le collegheremo a un approccio strutturato per supervisionare le risposte di gestione delle emergenze a qualsiasi nuovo focolaio di COVID”, ha affermato.

Il centro sarà in grado di coordinare meglio gli sforzi per l’assegnazione e la consegna di dispositivi di protezione individuale (DPI), kit di test e altri meccanismi di supporto per gestire eventuali focolai futuri.

Può anche organizzare gli sforzi per aumentare la forza lavoro, che è stata una sfida enorme durante l’ultima ondata di Omicron.

La mano della bambina sulla mano di un vecchio seduto sul bracciolo di una sedia.
Gli esperti affermano che gli assistenti anziani australiani devono affrontare un pesante carico di lavoro.(Notizie ABC: Natasha Johnson)

“La cosa importante che è accaduta nell’ondata di Omicron è che in Tasmania e sulla terraferma, l’entità della perdita di personale che si è verificata è stata oscurata dai servizi di assistenza agli anziani”, ha affermato.

Sadler ha affermato che la chiave per salvare il settore dalle crisi durante le future epidemie è garantire che la forza lavoro sia adeguatamente supportata con piani di emergenza in atto in caso di carenza di personale.

“La nostra preoccupazione a lungo termine per il settore è che dobbiamo assicurarci di pagare gli operatori sanitari agli anziani in modo appropriato e che possiamo fare tutto il possibile per sostenerli nel loro lavoro di assistenza alle persone più vulnerabili della nostra comunità”, Egli ha detto.

Il sindacato afferma che l’assistenza agli anziani è più che mai sotto pressione

Trovare modi per attrarre e trattenere più lavoratori nel settore aiuterà le case di cura a mantenere livelli di servizio elevati durante la futura epidemia di coronavirus, ha affermato Tim Jacobson, Segretario di Stato per la salute e l’Unione dei servizi comunitari (HACSU).

Ha affermato che gli operatori di assistenza agli anziani stanno attualmente affrontando un carico di lavoro pesante, che è stato esacerbato quando i loro colleghi sono stati costretti all’isolamento a causa del COVID-19.

“Mentre la società torna alla normalità, l’assistenza agli anziani è più sotto pressione di prima”.

Un uomo in piedi fuori con le mani giunte.
Tim Jacobson afferma che il settore dell’assistenza agli anziani è più sotto pressione che mai.(Notizie ABC: Laura Bevis)

Ha affermato che l’attuazione delle raccomandazioni della Royal Commission on Aged Care sarebbe vitale, in particolare le raccomandazioni per migliorare la formazione e i salari per gli operatori di assistenza agli anziani e per imporre i livelli di personale in modo che i lavoratori possano dedicare più tempo alla cura di ciascun residente.

Jacobson ha affermato che l’Australia ha fatto molto affidamento sull’immigrazione per i lavoratori del settore dell’assistenza agli anziani e dovrebbe invece garantire che sia un’opzione di carriera attraente migliorando salari e condizioni.

Ciò faciliterà l’attuazione delle misure di prevenzione delle infezioni e il riempimento dei posti vacanti quando i lavoratori sono costretti a isolarsi, ha affermato.

“La realtà è che la riforma non è rapida, ma prima il governo federale affronterà questi problemi fondamentali, prima avremo un’industria dell’assistenza agli anziani in grado di fornire cure dignitose e di alta qualità”, ha affermato.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, Frecce destra e sinistra per cercare, Frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 2 minuti e 3 secondi

I dati mostrano che molti australiani più anziani non ottengono un richiamo

Scarica modulo…

READ  Coronavirus World Update: i Paesi Bassi sono tornati in isolamento