Ottobre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Checking Tables: Caterina’s di Tim Love porta la cucina italiana della vecchia scuola a Cowtown

Fort Worth Dear Tim Love, noto per la sua audace interpretazione della cucina del sud-ovest al suo Lonesome Dove Western Bistro e altrove, ha aperto un ristorante italiano in stile newyorkese a Stockyards, il vivace quartiere dei divertimenti dell’ovest dove i visitatori possono fare acquisti, mangiare e guardare il i bovini passano tutti in tempo.

Caterina raddoppia l’impegno di Love per il cibo italiano, dopo l’apertura del 2019 di Gemelle, che si avvicina all’italiano ma fa spazio a pizza condita con jalapeno, salsiccia di serpente di coniglio e altri alimenti base del Texas. Non ci sono serpenti a sonagli a Katrina, poiché il menu combinato è puramente italiano: il nome di Katrina significa “puro”, secondo il sito web del ristorante. Tra i piatti classici spiccano il carpaccio di manzo alla piemontese, il Casio e Pepe, i Rigatoni alla Vodka, le Linguine Ale Vongole e la Braciola di Vitello al Parmigiano.

Allo stesso modo, la carta dei vini semplificata è in linea con le regioni e i nomi consolidati d’Italia, con la maggior parte dell’offerta composta da rossi piemontesi (l’aspetto di Cerreto, Bruno Giacusa e Paolo Scavino) e toscani (Sasica, Tignanello e Ornellaia gareggiano con alcune attenzioni di Brunello per i commensali). Tuttavia, ci sono delle grandi sorprese dalla Sardegna, dal Friuli, dal Veneto e non solo. Undici display al bicchiere si uniscono a un menu di cocktail premuroso, perfetto per una libagione prima di cena o un drink veloce al bar, che è aperto per i walk-in.

Blake DeWater, direttore generale di Love’s Queenies, nella vicina Denton, ha ideato il programma del vino in collaborazione con Love e il direttore generale di Caterina Fausto Belloli, cresciuto nel nord Italia. Descrizione del menu DeWater spettatore del vino Poiché “selezioni eclettiche, eleganti e raffinate completano i sapori dell’intramontabile cucina Katrina”. È felice di “onorare la cultura [of Italy] Aiutando a creare un menu non solo dominato dalle selezioni italiane, ma completamente privo dei “soliti sospetti” di Sonoma e Napa che, date le loro conoscenze, a volte possono mettere in ombra i grandi vini italiani in una piccola lista. “

READ  Jam City e Fremantle collaborano per portare Family Feud ™ a Cookie Jam

L’assenza del Napa Cabernet non è l’unica cosa che contraddistingue Caterina. Il ristorante ha suscitato molto scalpore per la sua tradizionale politica interna: il personale indossa camicie bianche, cravatte e giacche rosse e le giacche sono obbligatorie per i commensali dei signori. Al fine di mantenere l’atmosfera intima di Sinatra, gli ospiti sono tenuti a mettere i loro telefoni cellulari in una borsa, fornita all’arrivo del server, per tutta la durata del pasto. Coloro che cercano un selfie degno di Instagram o un posto dove scrivere un messaggio durante un pasto potrebbero voler cercare altrove. Ma per chiunque desideri un assaggio autentico e ininterrotto della Little Italy della vecchia scuola, sempre più difficile da trovare, anche a New York City, vale la pena dare un’occhiata a Caterina.-quanto


I fondatori di Popina, James O’Brien, e lo chef Chris O’Dade hanno collaborato ancora una volta, in un diverso quartiere di Brooklyn. (Teddy Wolfe)

Ha aperto a Brooklyn la Chop House di Maialino Alums Gus

Per anni, lo specialista del vino James O’Brien ha lavorato presso Danny Meyer e Mailino di Union Square Hospitality Group nella sua sede originale, che ora è chiusa. spettatore del vino Ristorante pluripremiato, diventandone infine manager. Nell’estate del 2017, O’Brien ha co-fondato il suo ristorante con altri ex studenti di Mailiano, lo chef Chris McDaid: Bobina, un locale incentrato sull’Italia meridionale sul Columbia Street Waterfront a Brooklyn. Lo scorso agosto, O’Brien e McDade hanno presentato il loro prossimo concept ai Carroll Gardens, Gus’s Chop House, dove il vino e la carne sono i protagonisti.

“Quando si è creato lo spazio, ci siamo davvero saltati sopra”, ha detto O’Brien. spettatore del vino Per e-mail. “Era importante [the former owner] Per trasmettere il ristorante alle persone che erano incentrate nel quartiere, perché è lì da un po’ e ha costruito una grande comunità”.

READ  I visitatori del Colosseo si trovano finalmente tra i fantasmi dei leoni e dei gladiatori

Il programma di 300 vini a base di carne è in gran parte stagionale, così come i menu di Gus’s al bicchiere e cocktail. La Francia è centrale, con gran parte della Valle del Rodano e Bordeaux, e ci sono più California, Cile, Sud Africa, Italia, Spagna e Germania, tra le altre regioni. I fan della Borgogna possono gustare bottiglie provenienti da zone come Mugneret-Gibourg e Roulot, mentre una selezione di champagne include nomi come Jacques Selosse. Tuttavia, il menu offre molti vini pregiati, con oltre 110 bottiglie con un prezzo inferiore a $ 100.

“Lo spirito dietro la lista è simile [that at] Bobina: I produttori stanno facendo la cosa giusta”, ha spiegato O’Brien. “Penso che i produttori siano agricoltori contro produttori di vino, persone che prendono le decisioni giuste in vigna e producono vino con poca o nessuna interferenza”. O’Brien osserva che il vino list si evolverà nel tempo, influenzata dalle preferenze locali e dai movimenti più ampi del mercato del vino.

    La sala da pranzo nella casa di Gus con divanetti scuri, tavoli in legno scuro e copertura del camino

La sala da pranzo di Gus’s Chop House rievoca le case diroccate del passato. (Teddy Wolfe)

McDade intreccia molteplici influenze nel menu di Gus: piatti tradizionali da asporto, cucina europea e prodotti regionali. “Ognuno ha la propria idea di che sapore potrebbe avere una bistecca o un contorno di patate”, ha detto lo chef. “Il nostro compito è introdurre la nostalgia mentre pensiamo a come preparare un piatto in un modo diverso o utilizzando ingredienti che potrebbero essere inaspettati. L’autocontrollo gioca un ruolo enorme nel nostro processo”. Il risultato sono piatti come uova di salmone affumicato e hash brown, sgombro con arachidi, caraflex di cavolo cappuccio in sottopiede e pollo con cipolle francesi. Ci sono, ovviamente, tagli di agnello, maiale e manzo tra cui scegliere, inclusa la sala del maiale e la striscia secca di New York.

READ  PM FOS: Progetto Panthers Nix da 800 milioni di dollari

Ispirato dai bistrot e dai taglieri d’Europa, il team di Gus ha lavorato con designer e artigiani locali per concettualizzare gli interni del ristorante, dai tavoli in legno di ciliegio ai tavoli pesanti. In futuro saranno disponibili posti a sedere all’aperto sul tetto del ristorante. Gli ospiti possono anche aspettarsi eventi enologici; Prima dell’apertura ufficiale, il ristorante ha ospitato una cena che ha messo in risalto i vini Jean-Louis Schaff e ci sono piani per una cena simile in futuro.

“Stiamo creando il ristorante in cui vogliamo mangiare e speriamo che gli altri si sentano allo stesso modo”, ha detto O’Brien. “Il cibo è semplice ma delizioso. La lista dei vini ha qualcosa per tutti. E l’atmosfera è divertente. “-CD