Maggio 29, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Che cos’è l’illuminazione megaflash? E lo vediamo in Australia?

Il radar meteorologico è stato pieno zeppo di arancione, rosso e viola macchie Negli ultimi mesi, gli eventi di tempesta estrema si sono diffusi in tutta l’Australia.

Insieme alle inondazioni improvvise e ai venti forti, le nuvole temporalesche nere e arrabbiate possono anche produrre spettacoli di luci spettacolari e potenzialmente pericolosi.

Le tempeste possono essere così estreme che un singolo lampo può estendersi per centinaia di chilometri di cielo e durare diversi secondi, se le condizioni sono giuste.

Questo fenomeno è noto come megaflash.

Il record per la distanza più lunga percorsa da un fulmine va negli Stati Uniti, secondo l’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM).

Caricamento in corso

Nell’aprile 2020, un solo lampo ha illuminato il cielo per 768 chilometri in tre stati del sud, hanno riferito nel Bollettino della Società meteorologica americana questa settimana.

Si tratta di 60 chilometri in più rispetto al precedente record stabilito in Brasile nel 2018.

Il Sud America è un hotspot fulmineo, battendo il record per il lampo più lungo causato da una tempesta che si è sviluppata sull’Uruguay e sull’Argentina settentrionale nel giugno 2020.

Lo sciopero è durato circa 17 secondi, ovvero circa 0,37 secondi in più rispetto a un precedente lampo in Argentina un anno prima.

“Questi sono record straordinari di singoli eventi di fulmini”, ha affermato il professor Randall Cerveny del WMO.

Quindi quali condizioni sono necessarie per creare megaflash? E li vediamo in Australia?

Diamo un’occhiata più da vicino (ma non troppo da vicino, ci arriveremo alla fine).

Cos’è il fulmine?

I fulmini si verificano quando l’energia si muove tra un’area con una carica elettrica positiva e una carica elettrica negativa.

READ  David Duchman: Gli ultimi soldati sovietici che liberarono Auschwitz morirono all'età di 98 anni

Quando i cristalli di ghiaccio nelle nuvole temporalesche oscillano, la parte superiore della nuvola si carica positivamente e la parte inferiore si carica negativamente.

Illustrazione di fulmini e nuvole
Come vengono create le cariche dei fulmini.(In dotazione: Ufficio di meteorologia)

I due tipi più comuni di fulmini sono da nuvola a terra e da nuvola a nuvola, spiega Joshua Soderholm, uno scienziato dei temporali presso il Bureau of Meteorology.

Il fulmine da nuvola a terra, ciò che comunemente chiamiamo biforcuto, è il tipo più pericoloso di fulmine.

Succede quando un fulmine di energia si collega al suolo per produrre il lampo luminoso che vediamo.

Fulmine su Newman nell'Australia occidentale
Il fulmine da nuvola a terra, visto qui sopra Newman nell’Australia occidentale, è il più pericoloso.(James Curry, collaboratore di ABC Open)

“Puoi ottenere colori diversi a seconda dell’atmosfera… e puoi ottenere più colpi con la stessa scarica”, ha detto il dottor Soderholm.

L’illuminazione da nuvola a nuvola avviene allo stesso modo, tranne per il fatto che la carica si sposta tra aree con carica diversa nelle nuvole o nell’atmosfera.

“Questo è più comune dei fulmini da nuvola a terra, ma non ha un grande impatto su di noi a terra”.

fulmine del foglio
L’illuminazione del foglio – o intracloud – illumina una nuvola, ma non è possibile vedere i bulloni.(Wikimedia Commons: Jessie Eastland)

Da nuvola a nuvola può apparire come un fulmine, in cui le nuvole sono illuminate dal flash ma il fulmine è nascosto all’interno della nuvola o troppo lontano per essere visto, o un’illuminazione cingolata.

Fulmini cingolati si estendono attraverso la cima della nuvola come i rami di un albero.

“I fulmini cingolati sono responsabili dei megaflash”, ha detto il dottor Soderholm.

Quindi, come viene creato un megaflash?

Un'immagine satellitare mostra un'ombreggiatura blu e viola sugli Stati Uniti, che rappresenta il fulmine
Il fulmine più lungo del mondo ha illuminato i cieli di 768 km attraverso Mississippi, Louisiana e Texas.(NOAA tramite AP)

I nostri megaflash da record sono stati creati in un modello meteorologico gigante noto come sistema convettivo su scala meso, ha affermato il dottor Soderholm.