Luglio 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Celebrazioni del centenario dello sviluppo in Italia nonostante l’influenza del governo

Roma, 24 giugno (IANS): Secondo i dati diffusi dall’Istituto Nazionale di Statistica (Istat), nonostante l’impatto devastante dell’epidemia di Covit-19, in Italia è in aumento il numero di persone di età pari o superiore a 100 anni.

Un rapporto di valutazione delle ultime tendenze fino al 2021 ha rilevato che l’Istat ha aumentato il numero di “Super Viva Italiani” di età pari o superiore a 100 anni tra il 2009 e il 2021 da appena 10.000 a 17.000, l’83 per cento. Donne, riporta l’agenzia di stampa Xinhua.

Allo stesso tempo, il numero di persone di età pari o superiore a 105 anni è raddoppiato da 472 a 1.111 e nove su 10 sono donne, ha affermato l’agenzia.

Una scoperta interessante del rapporto è che l’epidemia di Covid-19 scoppiata in Italia all’inizio del 2020, causando il secondo numero di vittime più alto in Europa dopo il Regno Unito, non ha influito sulla crescita.

“Negli ultimi 10 anni, dopo una crescita costante fino al 2015, la superficie abitabile più lunga della popolazione si è ridotta in gran parte a causa dell’effetto strutturale”, ha affermato l’Istat.

“Tuttavia, a partire dal 2020, c’è stata una nuova crescita nel numero di persone che vivono più a lungo”.

Secondo un precedente rapporto Istat, l’Italia è al primo posto in termini di percentuale di anziani nella sua popolazione, con il 23,8 per cento (o 14,46 milioni di persone) di età superiore ai 65 anni al 1 gennaio.

L’aspettativa di vita alla nascita nel paese è di 82,4 anni nel 2021, una delle più alte al mondo.

READ  Mary Kom si allenerà in Italia per evitare gli ostacoli ai viaggi Covit-19

L’Istat, che ha analizzato l’andamento della popolazione nel rapporto di giovedì, ha rilevato che in diversi gruppi gli anziani hanno sopportato meglio il peso maggiore della malattia.

“A differenza di altri gruppi di età (all’interno della popolazione anziana), non ci sarà un aumento significativo dei decessi nel 2020 per le persone di età pari o superiore a 105 anni”, ha affermato l’agenzia.

Il numero dei “super centenari” di età pari o superiore a 110 anni è passato da 10 nel 2009 a 17 nel 2021, tutte donne.

Attualmente, secondo l’Istat, la persona più anziana in Italia ha 112 anni ed è una donna che vive nella zona di metà marzo.

Nel 2021 la maggior parte delle 1.111 persone di età pari o superiore a 105 anni viveva nell’Italia settentrionale e centrale, sebbene la Sardegna, una delle due isole più grandi del Paese, non fosse molto indietro, afferma il rapporto.