Dicembre 2, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

C’è una partita importante all’Inter di Simone Inzaghi?

Milan e Inter hanno avuto un divertente pareggio per 1-1 a San Siro, ed è probabile che entrambi gli allenatori avrebbero visto che ognuno di loro avrebbe potuto vincere la partita.

C’è la sensazione che i rossoneri siano stati felici di fare un punto, mentre i loro rivali storici volevano il maggior numero di punti. Il pareggio di domenica ha mantenuto l’attuale capolista di Serie A sette punti di vantaggio sugli uomini di Inzaghi, anche se hanno perso l’opportunità di sostituire il Napoli dopo l’1-1 di quest’ultimo con l’Hellas Verona.

L’Inter, invece, voleva il massimo dei punti. Non solo c’era l’ambizione di una sesta vittoria nelle ultime sette partite contro i loro agguerriti avversari, ma c’era anche la necessità di ridurre il divario in testa alla classifica a quattro punti.

Tuttavia, ciò che sta dietro la narrativa più ampia è la continua incapacità di vincere quella che viene definita un’altra grande partita sotto la nuova Inter.

Milan Skriniar ha lamentato le occasioni mancate della squadra alla fine del procedimento, credendo che la sua squadra meritasse il maggior numero di punti sulla scala di gioco.

“Guardando alle occasioni che abbiamo avuto, lo vedo con due punti in meno. Abbiamo creato molte occasioni da gol e secondo me avremmo dovuto vincere”, ha detto Skriniar a DAZN. “Dobbiamo sfruttare al meglio questi testa a testa, perché anche oggi abbiamo dominato il Milan e siamo a un solo punto di distanza”.

“La coppa è mezza vuota, perché abbiamo avuto tante occasioni e ho sbagliato un rigore, quindi secondo me meritavamo molto di più”, ha detto l’allenatore dell’Inter.

“Abbiamo affrontato una grande squadra che meritatamente, siamo dietro di loro in termini di progressi, ma c’è tempo per tornare in pista e una prestazione come questa ci darà fiducia”.

Il bilancio del pareggio di domenica è che l’Inter ha pareggiato contro Atalanta, Juventus e Milan, mentre è stata battuta 3-1 da Jekyll e Hyde Lazio nel ritorno di Inzaghi al vecchio terreno.

Questo non è passato inosservato ai media italiani ed è diventato un bastone da battere Nerazzurri Coach B, soprattutto perché ha segnato 10 punti nelle corrispondenti partite della scorsa stagione.

Certo, la critica è in qualche modo comprensibile, ma non è certamente qualcosa di cui preoccuparsi quando si considerano le prestazioni e lo streaming di gioco fino a questo punto.

Hanno meritato più di un punto nel loro 2-2 con l’Atalanta – come dimostra un po’ il loro vantaggio xG di 3.9-2.1 – che ha concesso un controverso rigore nel finale della morte contro la Juventus e mancando un rigore davanti a domenica, che forse ha cambiato il corso del gioco.

Solo contro la Lazio i campioni in carica hanno superato l’equilibrio delle occasioni create, e anche quello ha impiegato due gol negli ultimi dieci minuti per batterli 3-1.

I soldati di Luciano Spalletti esagerano l’impresa, a tratti sembrano ingiocabili, ma domenica sera contro l’Hellas Verona hanno dimostrato che ci sono scappatoie in questo. partenopia La squadra che ha combattuto l’1-1 a Napoli.

È sempre stato difficile prendere i panni di Antonio Conte, ma una vittoria sulla base degli attuali dirigenti placherà alcune delle critiche all’incumbent lombardo.

Seye Omidiora è un appassionato scrittore e analista di calcio il cui profondo apprezzamento per questo bellissimo gioco va oltre il solito. Attualmente è editorialista per Goal Africa e in precedenza ha scritto per Vital Football UK, IBCity Info e Opera News.

Pulse Contributors è un’iniziativa per mettere in luce diverse voci giornalistiche. Gli azionisti di Pulse non rappresentano Pulse e contribuiscono per loro conto.