Agosto 10, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Castro-fascismo: l’Italia sta tornando all’estrema destra?

Roma—A pochi passi da Termini, la stazione centrale di Roma, Piazza Vittorio è una vivace piazza pubblica che si distingue dal resto di Roma. Milioni e milioni di turisti si riversano a Roma ogni anno per vedere 2000 anni di maestosi monumenti che rappresentano l’Impero Romano e la Chiesa Cattolica, Piazza Vittorio è il volto dell’Italia del XX secolo.

Per decenni, la piazza è stata il centro delle comunità di immigrati della capitale. Ristoranti, bancarelle e negozi di tessuti che rappresentano la Cina, l’Asia meridionale e altre culture dipingono un quadro di diversità multietnica e di cultura che raramente si trovano altrove in Italia.

Mentre le statistiche indicano che la maggior parte degli italiani è bianca (91% nel 2021), la retorica politica usata dalla destra parla dei pericoli dell’immigrazione e di offuscare la purezza dell’identità nazionale italiana.

Quest’estate Piazza Vittorio è diventata un nuovo campo di battaglia in cui si è contesa l’identità di Roma e, per estensione, dell’Italia. Giorgia Meloni, capo dei Fratelli d’Italia (Fratelli d’Italia), i successori di estrema destra della politica fascista di Mussolini, utilizzò la loro influenza municipale per istituire una fiera gastronomica nella piazza, chiamandola “Piazza Italia”.

Un tempo utilizzata da rifugiati e richiedenti asilo per ospitare varie manifestazioni organizzate nei loro paesi d’origine su questioni politiche, la piazza è ora piena di pizza, pasta e porchetta. Anche se forse banale per il pubblico internazionale, il cibo è stato a lungo uno strumento per la sottile manipolazione dell’identità politica da parte della destra. Si crea “gastrofascismo”: usare il cibo per lamentarsi della marcia dell’immigrazione: “Prima ci prendono il lavoro, poi trasformano i nostri spaghetti in tagliatelle, ora trasformano i nostri ravioli in gnocchi”.

READ  Il Centro sollecita SC ad accelerare il caso contro la Marina italiana

Il castro-fascismo è una vecchia tattica, inventata dai sostenitori di Jean-Marie Le Pen in Francia durante gli anni di Mitterrand 1982-1996. Il suo fronte nazionale ha organizzato bancarelle di zuppe pubbliche nelle città, offrendo zuppe gratuite a gente del posto povera o affamata. Si assicuravano che ci fosse un sacco di salsiccia o prosciutto nella zuppa, quindi nessun musulmano francese (o ebreo) poteva unirsi alla coda per una zuppa o uno stufato gratuiti. La porchetta panini dei fratelli italiani sarebbe stata rilevata dagli italiani bianchi, ma non dai profughi musulmani in fuga da paesi come la Libia, l’Iraq o la Siria – distrutti a seguito degli interventi entusiastici di Tony Blair, David Cameron e Nicolas Sarkozy.

La signora Meloney è una straordinaria ala destra. È una bionda, madre di uno, della stessa età di Liz Truss. A differenza del futuro primo ministro britannico, la signora Maloney non ha frequentato l’università e ha avuto la stessa politica sin dalla sua adolescenza. È un eurodeputato che è un ex leader del partito conservatori e riformisti europei, un ramo dei conservatori britannici. A differenza di molti dell’estrema destra, sostiene fermamente la NATO e l’UE contro Putin. Come Marine Le Pen in Francia, vuole rendere il suo partito rispettabile e capace di entrare al governo. L’estrema destra europea, che ha condiviso molte delle opinioni di Nigel Farage e Boris Johnson sull’UE e ha celebrato la Brexit nel 2016, ha ora smorzato il proprio entusiasmo poiché gli elettori di tutta Europa vedono lasciare l’UE portando problemi politici, bassa crescita e perdite. Influenza e influenza internazionale.

Allo stesso modo, nominare un alto tecnocrate europeo come Mario Draghi come primo ministro italiano dopo un lungo periodo a capo della Banca centrale europea non garantisce stabilità politica e senso dell’orientamento. Alla fine la politica conta e Tragi non si sporca le mani in politica. È stato fondato da una coalizione eterogenea di partiti della Lega, il partito di identità settentrionale anti-immigrazione, classici riformatori del centrosinistra italiano nella tradizione di Tony Blair. Il resto del paese, il movimento populista Carbynite Five Star e altri partiti minori assortiti di non destra.

READ  I giocatori italiani espongono i loro birilli vuoti in vista della vittoria della semifinale della Coppa del Mondo 2006 sulla Germania - Libby

Questa alleanza è tipica della politica che oggi occupa la maggior parte dello spazio politico europeo. È nato dal declino dei tradizionali partiti di centrodestra o centrosinistra dominanti del XX secolo ed è guidato dalla rappresentanza proporzionale, che consente a più partiti di emergere e ottenere sostegno elettorale. Ma le coalizioni risultanti sono traballanti e possono facilmente crollare se le politiche diventano impopolari con poco a tenerle insieme.

Draghi è un riformatore neoliberista tecnocratico. Tra le riforme minori che ha cercato di spingere c’erano l’abolizione delle concessioni per la gestione delle spiagge per l’affitto elevato di lettini e le restrizioni su tutti i cibi e le bevande durante la redditizia stagione estiva. Voleva mettere all’asta queste offerte da soldi. In teoria aveva senso e chiunque sia stato derubato dai prezzi astronomici di prendere il sole su una spiaggia italiana simpatizzerà. Ma migliaia di piccoli imprenditori hanno protestato con i loro parlamentari contro le riforme di Draghi.

Da quando è entrato in carica come Primo Ministro all’inizio dello scorso anno, ha avuto successo in due aree chiave. Ha risolto lo sfortunato lancio del vaccino contro il Covid. E ha negoziato un prestito agevolato da 200 miliardi di euro da Bruxelles.

Ma Draghi non riuscì a unire la coalizione di primi ministri vanitosi, ambiziosi e antipatici che gli diedero una maggioranza parlamentare ristretta. Matteo Salvini, il leader della Lega, un nazionalista di destra anti-immigrazione, ha assistito con orrore all’ascesa dei Fratelli anti-immigrati e della loro giovane leader alla moda e fluente, Giorgia Meloni.

La coalizione di Draghi è crollata e si è dimesso. Ora l’Italia deve affrontare mesi di campagna elettorale e organizzazione trasversali dei partiti. Silvio Berlusconi è riemerso all’età di 85 anni, proponendosi di formare una nuova coalizione populista di destra con i suoi 161 delegati di Forza che si uniscono a Fratelli, Lega o Movimento Cinque Stelle. Alla fine la politica italiana torna sempre a dominare le convinzioni politiche e la scarsità che i partiti al potere possono fornire a tutte le richieste contraddittorie dell’elettorato odierno.

READ  Riconoscimento degli errori dell'Italia nella risposta della salute pubblica al COVID-19

Il Partito popolare europeo – la coalizione politica di centrodestra dominante nell’UE – annuncia il ritorno al centrodestra in Europa, dopo le sconfitte in Germania e Francia, Alleanza di sinistra italiana e Draghi. Ma a vincere sarà l’estrema destra, ora concentrata sulle politiche culturali e identitarie e tragicamente meno interessata a una sana gestione economica. Per gli italiani, sconvolti dalla facilità con cui Giorgio Meloni ha sostituito l’atmosfera multietnica di Piazza Vittorio con il Castro-Fascismo nazionalista di “Piazza Italia”, questo potrebbe essere un inizio.


Un messaggio dall’articolo


Siamo l’unica pubblicazione che copre ogni angolo. Abbiamo un contributo importante da dare, che ora è più che mai necessario, e abbiamo bisogno del tuo aiuto per continuare a pubblicare durante la pandemia. Quindi, per favore, dona.