Giugno 16, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Caso omicidio pescatori: l’Italia paga ₹ 10 crore Per le famiglie il centro si trova in S.C.

Il tribunale di vertice è preoccupato che i parenti “ritirino” i soldi e il tribunale aggiorna il caso a martedì per l’esecuzione degli ordini.

Il Centro ha dichiarato alla Corte Suprema venerdì che l’Italia ha pagato 10 crore di risarcimento alle famiglie dei pescatori che sarebbero stati uccisi/feriti da due marinai italiani. Enrica Lexi, Una nave italiana mortale nel 2012 scambiata per pirati al largo delle coste del Kerala.

Caso navale italiano | L’India perde giurisdizione

All’inizio di quest’anno, il governo si è rivolto alla Corte Suprema per chiudere il processo pendente contro due marines, Salvador Giron e Massimiliano Lador. Il 9 aprile, la Corte Suprema ha dichiarato che avrebbe preso in considerazione l’esecuzione di un ordine che annulla il procedimento penale solo dopo che l’Italia ha depositato ₹ 10 crore a titolo di risarcimento alle famiglie in difficoltà dei pescatori.

“Essi [Italy] crore 10 crore sono stati depositati. Si tratta di un risarcimento eccedente l’importo della precedente gratuità precedentemente versata alle famiglie. Abbiamo accettato il premio del tribunale come nazione. Il Kerala ha presentato una dichiarazione giurata che Kara 10 crore è accettabile. L’affidavit include anche lettere di approvazione delle famiglie “, ha affermato Tushar Mehta, procuratore generale del Centro.

Leggi anche: La nostra piena difesa della questione navale italiana

Per quanto riguarda l’Italia, l’avvocato Suhail Dutt ha sostenuto che la giurisdizione dell’India sulla marina è terminata dopo che l’Italia ha pagato il risarcimento.

Tuttavia, il tribunale ha chiesto come sarebbero stati distribuiti i soldi tra le famiglie. L’avvocato delle vittime ha detto che le due famiglie avrebbero ricevuto 4 crore di rupie ciascuna e il proprietario della barca su cui viaggiavano i pescatori 2 crore di rupie. Il procuratore dello stato del Kerala KN Balagopal ha affermato che il governo dello stato potrebbe fornire un risarcimento alle vittime.

La corte temeva che il denaro ricevuto a titolo di risarcimento sarebbe stato “sconnesso” una volta raggiunto le famiglie. Il giudice ha chiesto se per il momento debbano essere emessi degli ordini a tutela della stessa, come ad esempio il deposito del capitale in un deposito fisso. “Quattro crore non sono una piccola quantità… non dovrebbero essere tagliati. Come possiamo proteggerli? [families’] Benefici “, ha chiesto il giudice Shaw.

L’avvocato della vittima ha affermato che la maggior parte degli eredi legali dei pescatori ha raggiunto la maggiore età. Sig. Balagopal ha detto che il governo aveva condotto un controllo preliminare sugli eredi legali e che erano responsabili. Il denaro precedentemente ricevuto dalle famiglie è stato ben utilizzato come pagamenti ex gratia.

Il giudice Shah ha chiesto all’Alta Corte del Kerala di concedere l’importo e ha ordinato alla Corte Suprema di risolvere il caso. Il tribunale ha infine rinviato la causa a martedì per l’esecuzione degli ordini.

Ad aprile, la Corte Suprema ha ordinato che l’importo del risarcimento repubblicano italiano fosse trasferito su un numero di conto che sarebbe stato consegnato al Ministero degli Affari Esteri. Il Ministero depositerà i soldi in Cassazione.

Il 18 gennaio 2013, la Corte Internazionale di Giustizia ha stabilito che la Marina aveva l’immunità sette anni dopo che la Corte Suprema le aveva ordinato di “continuare le indagini e il processo della Marina”. La Suprema Corte ha ordinato l’istituzione di un tribunale speciale per giudicare il caso. Prima della sentenza della Corte Suprema, l’Alta Corte del Kerala ha anche stabilito che i Marines non godevano di alcuna immunità.

Tuttavia, nel 2014, la Marina ha ottenuto con successo l’ordine di rimanere sotto inchiesta dalla National Intelligence Agency. Un anno dopo, la Corte suprema ha sospeso i propri procedimenti quando il caso ha raggiunto un tribunale internazionale relativo al diritto marittimo. La Suprema Corte poi, nel settembre 2015, ha rinviato la causa a nuovo ordine.

READ  Jorgenho trova la stessa fame in Italia dei vincitori della Champions League Chelsea League