Settembre 18, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Caso Marines italiani: SC chiede a Kerala HC di non emettere risarcimenti | Ultime notizie dall’India

La Corte Suprema giovedì ha ordinato all’Alta Corte del Kerala di non erogare un importo NS2 Crore è stato assegnato all’armatore del peschereccio ‘Saint Anthony’, che è stato attaccato da due marines italiani a bordo dell’ammiraglia italiana Enrica Lexi nel febbraio 2012 dopo che sette membri dell’equipaggio hanno chiesto la loro parte del suo risarcimento. Nell’incidente sono morti due pescatori indiani.

Il 15 giugno di quest’anno, la Corte Suprema ha chiuso tutti i procedimenti in India contro i marò italiani, Massimiliano Latorre e Salvatore Gironi, dopo averli informati del risarcimento NSRs 10 crore sono stati depositati per le famiglie delle vittime nel registro dell’Alta Corte. Il caso è stato quindi trasferito all’Alta Corte del Kerala in modo che lo scambio potesse essere adeguatamente monitorato.

L’India ha accusato due marines a bordo della MV Enrica Lexie – una petroliera italiana – di aver ucciso due pescatori indiani che si trovavano a bordo di un peschereccio nella zona economica esclusiva (ZEE) dell’India nel febbraio 2012. Il proprietario del peschereccio ha presentato “St. Anthony”, in cui due pescatori del Kerala sono stati uccisi quando i marines hanno aperto il fuoco su di loro credendo che fossero pirati, è una denuncia contro gli italiani.

Ad aprile, il centro ha informato la Corte suprema che alle famiglie dei pescatori deceduti era stato concesso un “adeguato” risarcimento e ha chiesto una rapida chiusura dei procedimenti dinanzi alla Corte suprema e un processo penale pendente dinanzi a un tribunale speciale di Delhi.

L’affidavit di conformità del centro datato 5 gennaio afferma che il governo italiano si è offerto di pagare un totale di NS10 crore di danni. Le famiglie dei pescatori deceduti hanno accettato di risarcirli NS4 crore in più NS2 crore di rupie già pagate dal governo italiano. Anche il proprietario della barca danneggiata ha accettato di ricevere un risarcimento NS2 crore.

READ  L'Italia acquista altri 10 motori missilistici ucraini per il lanciatore Vega

L’importo faceva parte del lodo arbitrale del 21 maggio 2020, emesso dal tribunale arbitrale, istituito ai sensi della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS) del 1982, che imponeva all’India di porre fine al procedimento penale contro due marò italiani mentre l’Italia era obbligato a proseguire il procedimento.

Giovedì, l’avvocato Manish Dembla, che è apparso a nome dei sette membri dell’equipaggio a bordo del St Anthony quando i Marines l’hanno attaccato, ha affermato che nessun risarcimento era stato loro diretto e ha chiesto che il denaro fosse bloccato. NS2 Crore assegnati al proprietario della barca.

“Nel dirigere la ripartizione del risarcimento nell’ordinanza (emessa il 15 giugno), il danno morale subito dal comandante e dagli altri membri dell’equipaggio del St. Anthony è stato lasciato all’attenzione della Suprema Corte, forse, per il fatto che il i membri dell’equipaggio non erano rappresentati all’udienza”, ha affermato.

I sette pescatori hanno anche scritto al governo del Kerala per ottenere la loro parte NS2 crore rupie da pagare al proprietario della barca. Il 24 giugno, il segretario generale aggiuntivo del Kerala ha affermato che ciò non era possibile poiché l’ordine della Corte suprema non registrava i loro diritti.

Presentandosi davanti al centro, il procuratore generale Tushar Mehta ha suggerito di inviare i ricorrenti all’Alta corte del Kerala, che sta esaminando l’aspetto della partizione.

All’udienza della questione, un tribunale composto dal giudice Indira Banerjee e dal giudice Ramasupramanian ha affermato che se fosse stato richiesto un risarcimento dall’indennizzo da pagare ai proprietari della barca di St Anthony, avrebbero dovuto essere una parte. Il tribunale ha anche emesso una relazione al proprietario dell’imbarcazione per accertare se i sette pescatori fossero alle dipendenze di Sant’Antonio.

READ  ESCAP e Italia collaborano per rafforzare la resilienza ai disastri in Asia e nel Pacifico - il mondo

“L’avviso di questa domanda è in fase di consegna al proprietario della barca e, nel frattempo, chiediamo all’Alta Corte del Kerala di non erogare alcun importo al proprietario della barca ai sensi dell’ordinanza del 15 giugno 2021”, ha affermato il tribunale.