Ottobre 6, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Casablanca: l’offerta sanitaria locale continua ad evolversi

Il lancio dei servizi di due centri sanitari urbani nella capitale avvicina i servizi sanitari di base ai residenti di Hay al-Hasani e Walad Saleh.

All’offerta di cure della città di Casablanca si aggiungono due nuove strutture sanitarie locali. Il ministro della Salute e della Protezione sociale, Khaled Ait Taleb, l’ha lanciato mercoledì scorso, alla presenza di Khadija Bouchweikh, governatore del distretto di Hay Al-Hasani, e Abdullah Al-Shater, governatore di Nouaceur.

Il primo centro “Sharf” di livello 1 noto si trova nel governatorato di Hay Al-Hasani. Fa parte di un programma per combattere l’esclusione sociale e mira ad avvicinare i servizi sanitari essenziali alla popolazione target di circa 47.500 persone. I suoi servizi sono diversificati e coprono diverse aree come il monitoraggio della gravidanza e del parto, la pianificazione familiare, l’esame, il trattamento e il monitoraggio del diabete, l’ipertensione, l’asma, la vaccinazione, il controllo delle malattie diarroiche, le carenze nutrizionali, l’esame e l’alimentazione. Diagnosi del cancro della mammella e del collo dell’utero, prevenzione primaria delle malattie croniche, sorveglianza epidemiologica, oltre ad offrire esami terapeutici e infermieristici, salute scolastica e universitaria e salute giovanile. Dal punto di vista infrastrutturale, questa struttura sanitaria è stata ricostruita e attrezzata su un’area di circa 2.600 mq, con un budget stimato di 550.000 dirham, nell’ambito di una partnership tra Ministero della Salute e Ministero della Salute . Social Welfare, l’Iniziativa nazionale per lo sviluppo umano e l’Associazione “Ta’zur” per lo sviluppo umano, sociale e culturale.

Per quanto riguarda il centro sanitario urbano di secondo livello “Nasr 1” nel comune di Ouled Saleh a Nouaceur, si è sviluppato su una superficie complessiva di 1.434 mq, di cui 756 mq, con una dotazione complessiva di 1.434 mq. 7 milioni di dirham. Il centro, che si rivolgerà a una popolazione locale di circa 30.000 persone, fornirà servizi sanitari tra cui visite mediche e servizi infermieristici, nonché salute materna e infantile, pianificazione familiare, salute scolastica e vaccinazione, nonché gestione delle malattie croniche e cure dentistiche . Questo centro fa parte di un programma per combattere l’esclusione sociale e mira ad avvicinare i servizi sanitari essenziali alla popolazione target di circa 47.500 persone.

READ  Dieci personaggi raccontano la loro commozione cerebrale | Commozioni cerebrali e sport

Sami Namli / Ispirazioni dell’Organizzazione per la cooperazione economica