Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Caroline Kennedy elogia la politica estera dell’Australia nonostante le accuse del Primo Ministro su Labour e Cina | Ok

Caroline Kennedy, nominata ambasciatrice degli Stati Uniti in Australia, ha dichiarato: Ok L’accordo sulla sicurezza fornirà “molto deterrente” nell’Indo-Pacifico anche prima che i sottomarini a propulsione nucleare siano pronti.

Con l’Australia pronta a fare una campagna per le elezioni federali entro pochi giorni, Kennedy ha elogiato il paese per essere rimasto fermo con una “politica estera bipartisan” di fronte alla “coercizione economica cinese”.

Ma ha anche detto che la possibilità di un file Accordo di sicurezza tra Cina e Isole Salomone Ha mostrato che gli Stati Uniti dovevano essere “più visibili” nel Pacifico. Kennedy ha affermato che la mossa degli Stati Uniti di riaprire la sua ambasciata nelle Isole Salomone “non può arrivare abbastanza presto”.

Kennedy, l’ex ambasciatrice in Giappone e figlia di John F. Kennedy, ha descritto le relazioni degli Stati Uniti con l’Australia come vitali quando si è rivolta alla Commissione per le relazioni estere del Senato degli Stati Uniti all’inizio di venerdì, ora australiana.

L’udienza è un passaggio fondamentale prima che i senatori statunitensi votino sull’opportunità di confermarla come ambasciatrice.

Kennedy maschio di Pechino Azione commerciale contro una serie di settori di esportazione australiani – inclusi carbone, orzo e vino – che il governo australiano ha ritenuto un tentativo Premila per cambiare le sue politiche In Cina.

“L’Australia è stata recentemente sfidata dalla coercizione economica cinese e credo che gli Stati Uniti possano imparare molto dalla sua risposta”, ha detto Kennedy all’udienza di conferma.

“Hanno tenuto duro e credo che siano stati in grado di allinearsi con una politica estera bipartisan e penso a una collaborazione più ampia e profonda con noi nelle aree della sicurezza e diplomatica, nonché in tutte le aree”.

Kennedy è stato attento a non approfondire la politica interna australiana.

Ma il suo riconoscimento di una politica estera bipartisan è degno di nota, dato che il primo ministro Scott Morrison ha già tentato Afferma che l’opposizione operaia sarà debole In Cina.

L’ex candidato presidenziale repubblicano Mitt Romney ha dichiarato in udienza che gli Stati Uniti sono rimasti “molto colpiti dalla spina dorsale mostrata dal popolo australiano”.

Alcuni critici hanno messo in dubbio l’importanza di Accordo Aukus lo scorso settembredato che il primo nuovo sottomarino a propulsione nucleare non dovrebbe operare in Australia fino alla fine degli anni ’30.

Ma Kennedy ha affermato che la “partenariato ambizioso per il ventunesimo secolo” tra Australia, Stati Uniti e Regno Unito era molto più ampio dei sottomarini.

Ha detto che altre aree di cooperazione in materia di sicurezza sotto la bandiera di Auku includono l’intelligenza artificiale, la quantistica e Internet. Questa settimana i tre paesi Aggiunte discussioni sulle armi ipersoniche alla lista.

“Penso che ci sia una grande quantità di deterrenza che fornirebbe molto prima che i sottomarini siano operativi”, ha detto Kennedy.

Ha anche descritto il Quartetto – un gruppo diplomatico sempre più attivo di Australia, Stati Uniti, Giappone e India – come “un’alleanza e una sintesi molto potenti”.

La Cina, che sta rapidamente modernizzando la sua potenza militare, ha criticato sia l’Aukus che il Quad. Pechino sostiene che gli Stati Uniti stanno cercando di formare una “cricca esclusiva” mentre “alimentano l’opposizione e il confronto”.

Kennedy ha affermato che la regione indo-pacifica era diventata “sempre più tesa” da quando ha servito come ambasciatrice degli Stati Uniti in Giappone dal 2013 al 2017 e che l’ordine internazionale liberale stava “minando”.

In udienza è stata sollevata anche la crisi climatica, tra gli sforzi dell’amministrazione Biden per incoraggiare l’Australia ad adottare misure più ambiziose a medio termine.

Robert Menendez, presidente del panel, ha affermato che l’Australia è “un microcosmo della crisi climatica globale”.

Ha notato l’impatto delle recenti catastrofi alluvionali nel Queensland e nel New South Wales, gli incendi boschivi dell’estate nera e le minacce alla Grande barriera corallina.

“Questa è una relazione molto importante”, ha detto Menendez.

“Ma ci sono grandi lezioni per gli Stati Uniti per imparare a prepararsi a tali catastrofi climatiche estreme e come convincere l’Australia a pensare anche alle responsabilità climatiche che si assume, per il proprio bene e per l’interesse globale”.

Kennedy ha dichiarato: “L’Australia ha sicuramente imparato molto su questi tipi di disastri e anche noi siamo stati colpiti da incendi, inondazioni e tempeste qui negli Stati Uniti.

“Quindi più impariamo… come combattere e anche muoverci verso la transizione verso l’energia pulita e ridurre gli effetti dei cambiamenti climatici, più velocemente possiamo farlo [the better]. Se confermato, sarei ansioso di lavorarci su”.

Gli Stati Uniti hanno fatto pressioni sull’Australia per aumentare il suo obiettivo di riduzione delle emissioni per il 2030, ma la coalizione ha mantenuto il livello dell’era Tony Abbott dal 26% al 28% rispetto ai livelli del 2005. Se eletto, il lavoro si impegna a ridurre le emissioni del 43% entro il 2030.

Quando Joe Biden Annunciata la candidatura di Kennedy Quattro mesi fa, entrambi i principali partiti politici australiani hanno accolto favorevolmente la selezione, vedendola come una nomina di alto profilo di una figura ben collegata che avrebbe avuto l’orecchio del presidente.

Senza un ambasciatore degli Stati Uniti a Canberra, il diplomatico senior Mike Goldman ha ricoperto la carica di incaricato d’affari presso l’ambasciata.

READ  Perché Boris Johnson è ancora Primo Ministro britannico