Luglio 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Carenza di carburante nel Regno Unito: Boris Johnson intende salvare il Natale per gli automobilisti in mezzo alla carenza di camionisti

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha minimizzato i timori che la crisi del carburante nel Regno Unito durerà fino a Natale, poiché i dati del settore avvertono che il peggio non è ancora passato.

La crisi della benzina nel Regno Unito potrebbe trascinarsi per un altro mese anche se i conducenti smettessero di acquistare per il panico ora, con i piani di Boris Johnson per salvare il Natale.

il Sole Secondo quanto riferito, i capi del settore hanno affermato che ci vorranno settimane per rifornire le stazioni di servizio che si sono praticamente prosciugate a causa di giorni di panico di massa da parte degli automobilisti.

Boris Johnson ha insistito sul fatto che la crisi di sei giorni si stava “stabilizzando” e ha minimizzato i timori che i danni alle catene di approvvigionamento avrebbero influenzato il Natale.

Ha esortato le persone a smettere di acquistare in preda al panico e a ricominciare a comportarsi in modo “normale” mentre svelava i piani per aumentare il numero di camionisti disponibili.

Fonti del settore hanno detto volte Che la quantità media di carburante nelle stazioni di servizio si è stabilizzata negli ultimi giorni.

Ora è circa il 20 percento della capacità rispetto ai livelli normali del 43 percento. Durante il fine settimana, temeva che potesse essere sceso fino al 10%.

Ma hanno avvertito che i principali fornitori come BP, che è stato il primo a razionare il carburante, potrebbero ancora incontrare problemi fino al mese prossimo.

Il numero di piazzali che hanno perso un grado di carburante si è più che dimezzato da 1.700 di domenica a oggi 800, segno che la crisi sta iniziando a placarsi.

READ  Perché Zelensky dovrebbe sconfiggere Putin quest'anno

La Gasoline Retailers Association ha dichiarato che il 37% dei suoi membri ha riferito di aver esaurito il carburante ieri, rispetto al 95% nel fine settimana.

Il primo ministro ha insistito sul fatto che stava lavorando duramente per affrontare i problemi sollevati dalla carenza di autisti di merci pesanti (HGV).

Ha incolpato la crisi degli acquisti di panico in parte su un briefing “leggermente fuorviante” su una carenza di camionisti che ha scatenato un “comprensibile aumento della domanda pubblica”.

“Invito davvero tutti a fare i propri affari nel modo normale e a fare il pieno nel modo normale quando ne hai davvero bisogno”, ha detto. “Ora stiamo iniziando a vedere che la situazione sta migliorando. Abbiamo sentito dall’industria del carburante che le forniture stanno arrivando alle prime piazzole nel solito modo.

“Vogliamo assicurarci di avere tutti i preparativi necessari per arrivare a Natale e oltre, non solo nella fornitura delle stazioni di servizio, ma in tutta la nostra economia”, ha affermato Johnson. “Vedi l’economia globale risucchiare un’enorme quantità di domanda di gas, per i camionisti. Dobbiamo assicurarci di avere tutto a posto”.

Il signor Johnson ha mobilitato l’esercito nel caso fosse necessario per aiutare a togliere la pressione dalle stazioni di servizio in tutto il paese.

Questo articolo è apparso originariamente in formato il Sole È riprodotto qui con il permesso