Agosto 6, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

capitolo di Auckland dello “School Strike 4” della Nuova Zelanda riconosce e decostruisce il razzismo | Nuova Zelanda

Gran parte del movimento School Strike 4 Climate in Nuova Zelanda è stato ufficialmente sciolto, dicendo che era razzista e insufficientemente sensibile agli attivisti di colore.

a Condividi su FacebookLa filiale di Auckland del movimento ha affermato che “ha evitato, ignorato e simboleggiato il BIPOC”. [Black, Indigenous and people of colour] voci e richieste” e che era “uno spazio razzista dominato dai bianchi”.

Il gruppo, che non ha risposto alle richieste di commento, ha affermato che non organizzerà più scioperi e si è invece impegnato a “sollevare gli spazi di giustizia climatica guidati da BIPOC”.

Ha anche affermato che il gruppo nazionale aveva un “grosso problema” con il razzismo, anche se ha detto che “non poteva parlare per loro” e che i suoi membri si erano separati dalla squadra nazionale.

globalismo movimento di sciopero scolastico apparso sotto la guida Greta Thunberg, che ha iniziato a lasciare la scuola nel 2018 per protestare davanti al parlamento svedese. Nel primo sciopero globale del 15 marzo 2019, più di un milione di studenti in 125 paesi hanno protestato contro l’inerzia del governo sui cambiamenti climatici.

Il movimento di sciopero scolastico della Nuova Zelanda è stato uno dei più riusciti al mondo. Circa 20.000 studenti neozelandesi hanno partecipato alla protesta di marzo 2019, anche se la maggior parte della copertura dello sciopero è stata messa in ombra Attacchi terroristici di Christchurch, avvenuta lo stesso giorno, molti hanno deciso di continuare ad organizzare eventi.

Nel settembre di quell’anno, School Strike New Zealand Ospitato “Sciopero intergenerazionale”. Si stima che abbiano partecipato 170.000 persone, rendendola la seconda più grande protesta nella storia della Nuova Zelanda. Dei presenti, 80.000 erano abitanti di Oakland, consolidando il ramo di Oakland di School Strike come parte dominante del movimento.

In concomitanza con il suo successo, il movimento ha anche lottato con questioni di rappresentanza e razza.

Il suo comitato organizzatore iniziale era in gran parte bianco e il suo primo evento nazionale del 2019 doveva svolgersi lo stesso giorno del Polyfest, il più grande festival Pacifica della Nuova Zelanda, impedendo a molti attivisti di colore di partecipare.

Nel tentativo di contrastare le critiche che ne sono seguite, School Strike ha collaborato con 350 Pacific Climate Warriors (una rete di giovani Pacifica) nelle sue successive proteste, dando importanti momenti di parola ai membri del gruppo ai loro raduni ad Auckland e Wellington. Il movimento ha anche condiviso con il gruppo di difesa degli indigeni 4 Tha Kulture il suo appello per una risposta verde al Covid-19.

Ma il gruppo ha dichiarato nel suo post su Facebook di domenica: “Le comunità BIPOC sono colpite in modo sproporzionato dai cambiamenti climatici, quindi la lotta per la giustizia climatica deve essere guidata dalle loro voci e dai loro bisogni, non dalle loro e da quelle di Bakiha”.

Questo annuncio è stato elogiato da alcuni. Anneville, portavoce del gruppo di difesa del clima giovanile indigeno Te Ara Wattu, che usa solo il suo nome, ha sostenuto la decisione.

Sottolineando che il razzismo è diffuso in molte organizzazioni neozelandesi, Anneville ha affermato: “La decolonizzazione è un compito arduo, ed è un invito coraggioso per loro dire che hanno problemi con il razzismo… e poi fare un passo indietro e dire che risolvere il colonialismo è la cosa giusta da fare.”

Altri erano più critici. Mentre “non c’è posto per i razzisti nel movimento per il clima (o da nessuna parte)”, l’annuncio era “niente da festeggiare”, ha affermato Mary Mouno Coolio, coordinatrice di Wellington per 350 Pacific Climate Warriors.

“È triste, deludente e soprattutto divisivo. Il movimento per il clima ha bisogno della partecipazione e dell’impegno di tutti”, ha affermato.

Sophie Handford, che ha fondato School Strike in Nuova Zelanda ed è stata la sua coordinatrice nazionale fino al 2019, ha dichiarato: “C’è un reale bisogno di cedere spazio ai kaupapa guidati dagli indigeni”. [policy] e trasformare il movimento in modo che possa sostenere adeguatamente le aspirazioni collettive di giustizia climatica”.

Ma, ha aggiunto, “Sono un po’ preoccupata che questo invii un messaggio di divisione o che non tutti siano necessari”.

Il capo di School Strike della Nuova Zelanda, Alfie Smeele, ha affermato che la squadra nazionale ha sostenuto la decisione. Secondo Smil, “ogni regione sta attualmente riflettendo e considerando i prossimi passi per la propria regione”. Non hanno risposto alle domande sui piani del movimento a livello nazionale.

Il gruppo di Auckland ha affermato che la sua decisione è stata motivata “dal suggerimento e dalla guida dei membri BIPOC nel nostro gruppo, nonché da singoli attivisti e organizzazioni BIPOC”.

Molti, sia sostenitori che oppositori dello scioglimento, hanno criticato questo e altri aspetti dell’annuncio del capitolo di Auckland.

Anneville, il cui gruppo T Ara Watteau è stato menzionato nella dichiarazione, ha osservato che non era stato informato in anticipo e si è detto preoccupato che parte di esso potesse essere letto come incolpare gli attivisti di colore per aver risolto il problema. Ma hanno detto: “Queste sono tutte persone di età inferiore ai 20 anni. Sappiamo tutti quanto sia stata dura quella volta sapere come agire”.

Anneville ha continuato dicendo: “Spero che la loro decisione rimuova lo stigma dalla soluzione. Penso che ci siano pochissimi gruppi che possono fare lo stesso”.

READ  Elezioni in Perù: i sostenitori dei candidati rivali sciamano nelle strade in mezzo a discussioni sul risultato | Perù