Maggio 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Campi di prigionieri di guerra in Iowa | Notizie, sport, lavoro


Le Grand – Cosa ci facevano migliaia di soldati nemici in Iowa dal 1943 al 1946? Scopri Humanities Iowa alle 18:30 il 24 febbraio presso Le Grand Pioneer Heritage Library.

Chad W. Tim, professore associato di educazione al Simpson College, presenterà “Lavorare con il nemico: prigionieri di guerra tedeschi, italiani e giapponesi in Iowa durante la seconda guerra mondiale”.

Come parte di un programma governativo relativamente tranquillo e poco pubblicizzato, migliaia di soldati nemici invasero l’Iowa nel 1943. Con il successo della campagna alleata del 1942 contro il Corpo afrikaans di Adolf Hitler in Nord Africa, il numero di prigionieri di guerra nemici che necessitavano di sepoltura aumentò notevolmente . La Gran Bretagna non poteva più ospitare il numero crescente di prigionieri di guerra, quindi chiese assistenza agli Stati Uniti.

Quello che era iniziato come un esperimento in località isolate nel sud e nel sud-ovest alla fine portò a più di 500 campi e 400.000 soldati nemici catturati negli Stati Uniti, circa 25.000 dei quali furono ospitati in Iowa in due campi principali di Alguna e Clarinda. C’erano anche molti sottocampi che facevano la stessa cosa di quelli di Eldora, Wapello, Waverly, Audubon e Toledo. A causa di una grave carenza di lavoratori agricoli unita all’aumento delle quote della War Food Administration per i prodotti agricoli, gli agricoltori dell’Iowa avevano bisogno di aiuto per fare la loro parte per aiutare gli Stati Uniti a vincere la guerra.

Questo discorso si concentrerà sulla creazione di due campi di prigionia nell’Iowa durante la seconda guerra mondiale: uno nella città di Alguna, nell’Iowa settentrionale, e l’altro nella città di Clarinda, nell’Iowa sudoccidentale. Alcuni degli argomenti discussi sarebbero stati la vita in un campo di prigionia, le relazioni con la comunità, il programma di lavoro per i prigionieri di guerra, i sottocampi in più di 30 comunità dell’Iowa e l’arrivo di prigionieri giapponesi a Camp Clarinda all’inizio del 1945. Camp Clarinda era uno dei due accampamenti in campagna per ospitare soldati giapponesi. Burying POWs in Iowa è un’affascinante storia di Iowan che affrontano il nemico: un nemico di cui non solo avevano bisogno per aiutarli a raggiungere i loro obiettivi in ​​tempo di guerra, ma anche per sfidarli a trovare la loro umanità.

READ  Romelu Lukaku: il Chelsea è vicino a un accordo da 97,5 milioni di sterline per rinnovare l'attaccante dell'Inter | notizie di calcio

Tim è un nativo dell’Iowa che è cresciuto ascoltando le storie di sua nonna sul suo lavoro all’Earl May Daycare di Shenandoah durante la seconda guerra mondiale. Sua nonna gli parlò degli uomini giapponesi che lavoravano per Earl May nel 1945, suscitando interesse nel sapere come ciò potesse essere possibile. La direttrice della biblioteca Shelley Barron ha appreso dei prigionieri di guerra ad Alguna da suo padre, che era una guardia del campo dopo essere tornato dalle campagne in Nord Africa e in Italia. Mio padre era di stanza nel campo e mia madre e mia sorella vivevano nel Guna. È stato intervistato al Museo dei prigionieri di guerra di Camp Alguna.

Questo programma è gratuito e aperto al pubblico. La biblioteca si trova nel Palazzo del Registro nel parco cittadino. Per ulteriori informazioni su questo programma o sul programma del 6 marzo a Bald Eagles, chiama la biblioteca al numero 641-479-2122 o invia un’e-mail a [email protected]

Le ultime notizie di oggi e altro ancora nella tua casella di posta