Dicembre 7, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Bruxelles Italia avverte di frenare la crescita della spesa pubblica

Bruxelles ha avvertito l’Italia di limitare la crescita della spesa pubblica e perseguire una politica monetaria “prudente” il prossimo anno mentre la Commissione europea segnala i rischi di bilancio nelle economie ad alto debito.

Nella sua revisione annuale dei bilanci degli Stati membri dell’UE, Bruxelles ha scoperto che il suo budget 2022 non controllava adeguatamente la crescita della sua “spesa finanziaria corrente nazionale” e l’ha esortata a prendere “i passi necessari” per affrontare le sue prospettive. Rapporto debito/PIL superiore al 150 per cento.

“Date le dimensioni del debito pubblico italiano e le elevate sfide di sostenibilità a medio termine prima dello scoppio dell’epidemia di Covit-19. . . È importante proteggere una politica monetaria prudente per garantire finanze pubbliche sostenibili “, ha affermato la Commissione.

La sentenza è una battuta d’arresto per il primo ministro italiano Mario Draghi, che si è insediato quest’anno, promettendo di aiutare a ricucire i legami tra Bruxelles e Roma sugli obiettivi di bilancio. L’ex capo della Banca centrale europea ha fissato un ambizioso piano di ristrutturazione dell’economia italiana in cambio di miliardi di prestiti e sovvenzioni del Fondo per la ripresa e la recessione dell’Unione europea (Rrf).

Gli avvertimenti di quest’anno riceveranno maggiore attenzione man mano che la Commissione esaminerà la rilevanza del suo regolamento sul debito e sul deficit, noto come Accordo di stabilità e sviluppo (PSC), che rischia di ricreare le vecchie divisioni tra le economie austere della zona euro settentrionale e i paesi fortemente indebitati. Al Sud. Drake ha chiesto un “cambiamento” delle regole per tenere conto della grande quantità di debito contratto dai governi durante le epidemie. Non ci sono piani definitivi dell’UE per il PSC fino al prossimo anno.

READ  L'ITA dell'Italia va dalle ceneri di Alitalia al cielo

Un funzionario della commissione ha detto mercoledì che l’Italia è stata “invitata” a consultarsi con Bruxelles sulla spesa, ma non ha avuto bisogno di presentare un bilancio rivisto. La Commissione ha affermato che la spesa corrente, finanziata a livello nazionale in Italia, avrebbe un impatto dell’1,5 per cento sul PIL sulla posizione finanziaria di base del Paese. Un funzionario dell’UE ha descritto l’esagerazione come “significativa”.

La valutazione dell’Italia arriva con il diffuso avvertimento che “i costi correnti permanenti o il peso dei tagli fiscali non finanziari aumenteranno”, con molti paesi ad alto debito che eleveranno la spesa corrente al di sopra dei loro tassi di crescita potenziale.

Bruxelles vuole che la politica monetaria sia moderatamente proattiva il prossimo anno nell’area dell’euro, ma le misure di politica monetaria dovrebbero gradualmente “migliorare” verso investimenti che guideranno una ripresa sostenibile. Gli Stati membri riceveranno miliardi di fondi di rimborso forniti dallo strumento di debito dell’UE da 800 miliardi di euro.

Un quarto di tutte le attività di supporto alla ripresa nel 2022 sarà finanziato con fondi RRF. La Spagna spenderà più fondi per la ripresa nel 2021-22, circa il 3% del PIL. “Il costo della RRF sarà molto significativo in molti Stati membri”, ha affermato un funzionario dell’UE.

Le stime di bilancio complessive di Bruxelles dovrebbero essere firmate dai ministri delle finanze dell’UE il mese prossimo, il che secondo gli ambasciatori potrebbe essere un presagio di divisioni più ampie nel futuro del PSC. Il regolamento finanziario dell’UE è stato sospeso dal 2020 a causa dell’epidemia e dovrebbe essere ripristinato nel 2023.

READ  L'uomo che ha ucciso Meredith Kercher è uscito di prigione in Italia Meredith Kercher