Ottobre 6, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Brunello Cucinelli Trombe Ordine Democratico Italiano, Artigianato Manifatturiero – WWD

Milano Non c’è dubbio che l’Italia abbia un forte tifoso in Brunello Cucinelli.

Nonostante le dimissioni del primo ministro Mario Draghi a luglio, che hanno lasciato l’industria ansiosa e delusa, e un altro turno di elezioni politiche previste per il 25 settembre, al termine della settimana della moda milanese, Cucinelli martedì si è detto “molto positivo sull’Italia” e ha anche commentato una solida serie di risultati per la sua omonima azienda nella prima metà dell’anno.

L’imprenditore ha descritto il sistema di welfare del Paese, come “uno dei migliori al mondo”, e le competenze dell’Italia nella produzione e distribuzione – in gran parte preservate grazie agli ammortizzatori sociali durante la pandemia – e ha spiegato durante una telefonata con gli analisti al termine del scambiando per Hu, un adulto di 68 anni, non era “preoccupato” per l’esito delle elezioni, che avrebbero portato alla formazione del 64° governo del Paese dopo la seconda guerra mondiale.

“Mi piace l’alternanza di governi”, ha detto Cucinelli, riferendosi ancora all’antica Grecia e citando il paragone di Pericle tra l’impero ateniese e il dispotismo. L’Italia è un Paese di grande credibilità, con un presidente che ha autorità sul governo. I politici sono custodi, alcuni più illuminati, altri meno, ma rappresentano la più alta democrazia e la massima libertà di pensiero».

Ha esortato analisti e investitori a credere nell’Italia e ad evitare di ascoltare chi “finge di conoscere il futuro. Questo è un Paese fatto di persone serie e di produttori belli e fedeli. Se pensiamo ad aprile 2020, quando si temeva la fine del mondo era vicino, dovremmo meravigliarci di ciò che è stato compiuto.” Finora e dove siamo ora”.

READ  Prezzi selvaggi delle case: vincitori e vinti dalla pandemia

Cucinelli ha affermato di ritenere che oggi “la domanda stia superando l’offerta di prodotti di alta qualità”, il che promette un’ulteriore crescita per i produttori italiani, compreso il suo. Inoltre, “Non c’è dubbio che un dollaro forte porti vantaggi significativi alle esportazioni e il nostro settore ne trarrà vantaggio”.

Riferendosi a luglio e agosto “estremamente positivi”, ha ribadito la sua previsione di una crescita dei ricavi del 15% per il 2022 e del 10% nel 2023. Per la seconda metà del 2022, la società prevede una crescita di circa il 30% rispetto al 2019.

Come riportato, Cucinelli non vede l’ora di raggiungere un miliardo di euro di vendite nel 2024.

Nei primi sei mesi terminati il ​​30 giugno, i ricavi sono aumentati del 32,4% a 415,4 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

L’utile netto è balzato a 50,6 milioni di euro dai 21,9 milioni di euro dello stesso periodo dell’anno scorso. Ciò includeva un beneficio di 9,2 milioni di euro relativo alle attività fiscali differite e una riduzione fiscale di 4,7 milioni di euro sui proventi finanziari relativi a una valutazione di un investimento di 15 milioni di euro relativo all’acquisizione del 43% del fornitore storico di cashmere Cariaggi Lanificio a marzo .

L’EBITDA è aumentato del 48,8% a 120 milioni di euro rispetto agli 80,6 milioni di euro dello scorso anno.

L’utile operativo è più che raddoppiato a 57,8 milioni di euro, rispetto ai 25,3 milioni di euro di fine giugno dello scorso anno.

La società ha continuato a investire secondo il suo piano triennale, attestandosi a 36,6 milioni di euro nel primo semestre, rispetto ai 29,9 milioni di euro di fine giugno dello scorso anno.

READ  La Banca centrale europea rallenta lo stimolo alla crisi per il prossimo trimestre mentre la ripresa continua

Nel primo semestre, le vendite al dettaglio sono aumentate del 47,1% a 243,3 milioni di euro, pari al 58,6% del fatturato totale, grazie all’apertura di nuovi flagship, alla conversione in franchising e all’espansione dei negozi esistenti negli ultimi due anni.

Attualmente i negozi sono 117, rispetto ai 107 di fine giugno 2020, e 42 rispetto ai 29 di fine giugno 2020.

Le vendite all’ingrosso sono cresciute del 16% a 172 milioni di euro.

Le vendite in Europa sono state pari a 115,7 milioni di euro, in crescita del 20,7%, e hanno rappresentato quasi il 28% dei ricavi.

Le vendite in Italia sono aumentate del 19,9 per cento a 49,2 milioni di euro.

I ricavi nelle Americhe sono aumentati del 52,6% a 152,6 milioni di euro, pari al 36,8% del totale.

Le vendite in Asia sono aumentate del 27,2% a 97,8 milioni di euro.

Il totale degli investimenti in telecomunicazioni è stato di 20,4 milioni di euro, rispetto ai 14,4 milioni di euro di fine giugno dello scorso anno.

Al 30 giugno l’indebitamento finanziario netto era di 63,8 milioni di euro rispetto ai 96,3 milioni di euro di fine giugno dello scorso anno.

Anche se ha rifiutato di fornire ulteriori dettagli, Cucinelli ha detto che avrebbe “ricevuto un premio in Cina per l’arte, la cultura e la moda” il prossimo dicembre o marzo.

Ha anche affermato che a dicembre avrebbe rivelato i piani per espandere lo stabilimento dell’azienda a partire dal 2025.