Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

“Bruciare la collina”: i selvaggi fuochi d’artificio del miliardario agitano la Nuova Zelanda | Nuova Zelanda

residenti A Nuova Zelanda La città chiede il divieto dei fuochi d’artificio privati ​​dopo che uno spettacolo di Capodanno di un miliardario di New York è stato dato alle fiamme.

Dieci minuti dopo l’inizio del nuovo anno, i vigili del fuoco sono stati chiamati a combattere diversi incendi di erba nella proprietà di Tony Malkin, amministratore delegato dell’entità proprietaria dell’Empire State Building, dopo che uno stravagante spettacolo pirotecnico privato vicino a Queenstown, nel centro di Otago, è andato storto.

In mattinata l’incendio è stato domato, dopo essere arrivato a pochi metri da una delle due abitazioni nella proprietà dei due proprietari, nota come Redemption Song, foto comprese Ma non tutti realizzano i propri sogni mostrare. Bruciati circa 0,5 ettari.

Lo spettacolo è continuato nonostante una petizione dei residenti locali preoccupati per l’impatto sugli animali. Le persone ora chiedono un divieto più ampio di spettacoli pirotecnici privati.

Johnny Quinn, un vicino che ha avviato la petizione per bloccare lo spettacolo, afferma che la decisione dei Malkins di andare avanti nonostante le obiezioni della comunità non è stata “la via della Nuova Zelanda”.

“È solo uno scherzo che qualcuno fuori dalla torre possa entrare e scatenare uno spettacolo pirotecnico commerciale di 14 minuti e poi bruciare la collina”, dice Quinn.

L’incendio (visto dalla proprietà di un vicino) causato da uno spettacolo pirotecnico di Capodanno nella proprietà del miliardario statunitense Tony Malkin vicino a Queenstown. Fotografia: Johnny Quinn

Dopo che gli era stato detto “carta bianca” che lo spettacolo sarebbe andato avanti nonostante i suoi dubbi, Quinn e la sua famiglia hanno lasciato la zona con i loro quattro cavalli alla vigilia di Capodanno.

“Fondamentalmente ha sconvolto l’intero quartiere. Tutti nella zona hanno dovuto fare dei piani. Le persone hanno cambiato i loro piani per le vacanze. E tu hai tutti i FENZ”. [Fire Emergency New Zealand] Persone che si infastidiscono. Hanno tutti una famiglia.

“C’è un vicino che ha un cane e il cane non sta ancora bene. È ancora rannicchiato in un angolo. Stai parlando di danni psicologici a lungo termine per gli animali”.

Quinn ha detto che Malkin non si è ancora scusato per l’incendio. Un portavoce della famiglia Malkin ha detto che la famiglia non commenterà se non essere “estremamente grata per il lavoro esperto” svolto dalla zona franca e dalla polizia.

nei commenti Ho accennato prima dello spettacoloGli agenti immobiliari hanno detto: “Per cortesia dopo qualsiasi condizione, e tenendo conto degli animali domestici e del bestiame in casa, abbiamo contattato i vicini per assicurarci che siano a conoscenza dei nostri piani. Siamo felici di prendere in considerazione qualsiasi richiesta ragionevole da parte dei nostri vicini immediati per l’assistenza finanziaria per spostare il loro bestiame. Ci scusiamo per gli eventuali disagi.

Quinn e altri residenti di Queenstown hanno formato un gruppo di lavoro e pianificano di fare pressioni sul parlamentare locale affinché vieti tutti i fuochi d’artificio diversi da quelli organizzati professionalmente.

“È un paese rurale e non è davvero il modo di fare le cose: far esplodere esplosivi. Alcune persone hanno detto che gli animali non solo sentono queste cose, ma le sentono.

“Non voglio impedire alle persone di divertirsi. Voglio che le persone si divertano, ma alla fine, deve essere fatto in modo inclusivo, in modo sicuro”.

È stato uno di una serie di incendi legati ai fuochi d’artificio in tutta la Nuova Zelanda alla vigilia di Capodanno. Uno spettacolo vicino ad Auckland ha provocato la morte di un cane di sette anni di nome Lily, Ho menzionato cose.

Questo articolo è stato modificato il 3 gennaio 2023. Il sottotitolo originale diceva che lo spettacolo pirotecnico era alla vigilia di Natale. Questo non è corretto ed è stato rimosso.

READ  Matthias Kormann chiede più aiuti esteri nonostante il suo ruolo nei tagli australiani | Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico