Giugno 20, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

BP sta valutando l’uscita dalle operazioni in Iraq

LONDRA – BP PLC sta lavorando a un piano per dividere le sue operazioni in Iraq in una società autonoma, secondo persone che hanno familiarità con la questione, mentre il gigante petrolifero cambia asset e piani di investimento nel suo perno verso l’energia a basse emissioni di carbonio.

La gente ha detto che la nuova società possiederà la partecipazione di BP nel gigantesco giacimento petrolifero iracheno di Rumaila – uno dei più grandi al mondo – e sarà di proprietà congiunta della China National Petroleum Corporation, uno dei partner della società britannica nel sito. La gente ha aggiunto che la nuova entità manterrà il proprio debito, separato da BP, e distribuirà i profitti tramite dividendi.

Il piano mira a dare a BP una maggiore flessibilità per investire in energia a basse emissioni di carbonio consentendole di ridurre la spesa per petrolio e gas, hanno affermato le persone.

Una tale mossa sottolineerebbe come alcune compagnie petrolifere europee stiano facendo un passo indietro da decenni di esplorazioni pionieristiche in luoghi a volte difficili per concentrarsi su dove si aspettano che la futura domanda di energia cresca: combustibili a basse emissioni di carbonio ed elettricità.

La potenziale trasformazione sarà di particolare interesse per BP a causa della sua storia in Iraq, che risale agli anni ’20. Nel 2009, la BP è stata la prima compagnia petrolifera internazionale a tornare in Iraq dopo l’invasione guidata dagli Stati Uniti.

READ  Una società americana acquista il leggendario quartier generale della McLaren F1