Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Boris Johnson apre il vertice del G7 mentre i leader mondiali ridono della battuta dei Queen

I leader mondiali si sono impegnati a condividere le dosi di vaccino all’apertura del vertice del G7 in Inghilterra, dove il primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato che la pandemia di coronavirus non dovrebbe lasciare una “cicatrice permanente” nel mondo.

I leader delle nazioni ricche erano allo stesso tempo sorridenti e provocatori mentre Johnson li salutava sulle sabbie appena ammantate di Carbis Bay, ma litigavano su chi stesse facendo di più per aiutare le nazioni più povere del mondo a combattere il COVID-19.

La ripresa dalla pandemia è destinata a dominare le loro discussioni e i membri del Club of Wealthy Democracies si sono impegnati a condividere almeno un miliardo di iniezioni di vaccini con i paesi in difficoltà.

Ciò include un impegno del presidente degli Stati Uniti Joe Biden a condividere 500 milioni di dosi e una promessa da parte di Johnson per altri 100 milioni.

La Gran Bretagna ospitante ha affermato che il G7 annuncerà anche un pacchetto di misure volte a ridurre le possibilità di un’altra pandemia.

Il governo del Regno Unito ha affermato che la grandiosa “Dichiarazione di Carbis Bay” mira a raggiungere l’obiettivo di 100 giorni di sviluppare vaccini, trattamenti e diagnostica per malattie future e rafforzare la sorveglianza per nuove malattie.

I leader mondiali siedono attorno al tavolo al vertice della riunione del G7 a Carbis Bay, in Inghilterra.
La ripresa dalla pandemia è destinata a dominare le discussioni.(

Afp: Leon Neal

)

Il gruppo si impegnerà anche a rafforzare l’Organizzazione mondiale della sanità, dalla quale si è ritirato l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e Biden è tornato a unirsi a lui.

Johnson ha affermato che l’obiettivo di queste misure era “assicurarsi di non essere mai più sorpresi”.

“È imperativo non ripetere l’errore dell’ultima grande crisi”.

Johnson ha aperto tre giorni di colloqui in Cornovaglia, nel sud-ovest dell’Inghilterra, avvertendo che i leader mondiali non devono ripetere gli errori commessi negli ultimi 18 mesi o quelli commessi durante la ripresa dalla crisi finanziaria globale del 2008.

“È imperativo non ripetere l’errore dell’ultima grande crisi, l’ultima grande recessione economica del 2008, quando la ripresa non è stata uniforme in tutte le parti della società”, ha detto dopo che i leader hanno posato per una foto ufficiale di famiglia. ” Dal mare.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, frecce sinistra e destra per la ricerca, frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 1 minuto e 24 secondi

I leader arrivano in Cornovaglia per la riunione del G7.

“E penso che ciò che è andato storto con questa pandemia, e ciò che rischia di essere una cicatrice permanente, è che penso che le disparità possano essere radicate”.

I leader del Gruppo dei Sette – che comprende Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Francia, Germania, Italia e Giappone – sperano che l’incontro al resort rivitalizzi anche l’economia globale.

Di fronte alle critiche che stanno sfruttando i vaccini, i leader stanno gareggiando per essere il campione del mondo per i molti infetti dal virus.

La cancelliera tedesca Angela Merkel ha affermato di sperare che il vertice mostri al mondo “che non stiamo pensando solo a noi stessi”.

Il primo ministro britannico Boris Johnson, a destra, saluta il primo ministro canadese Justin Trudeau mentre arriva per una riunione del G7.
Il primo ministro britannico Boris Johnson, a destra, saluta il primo ministro canadese Justin Trudeau mentre arriva per una riunione del G7.(

Afp: Phil Noble

)

La battuta della regina mi fa ridere

Per Johnson, il primo vertice del G7 in due anni è un’opportunità per definire la sua visione di una “Gran Bretagna globale” dopo la Brexit come un paese di medie dimensioni con un ruolo importante nella risoluzione dei problemi internazionali.

La regina Elisabetta II ha viaggiato venerdì dal Castello di Windsor, vicino a Londra, per partecipare a un ricevimento con i leader e i loro coniugi all’Eden Project, un futuristico giardino botanico situato all’interno di cupole che ospitano la più grande foresta pluviale al coperto del mondo.

La regina Elisabetta II, Camilla, duchessa di Cornovaglia e Kate, duchessa di Cambridge, partecipano a un evento.
La regina Elisabetta II si recò dal Castello di Windsor, vicino a Londra, per partecipare a un ricevimento con i leader e i loro coniugi dell’Eden Project.(

AP: Olly Scarf

)

La 95enne ha strappato le risate ai suoi ospiti quando li ha incolpati durante una sessione di foto di gruppo: “Dovresti sembrare che ti stia divertendo?”

I reali anziani – incluso l’erede al trono il principe Carlo, suo figlio il principe William e la moglie di William, Kate – si sono uniti ai leader al ricevimento e alla cena.

La scelta del luogo a tema ecologico è stata voluta. Anche il cambiamento climatico è una delle principali questioni all’ordine del giorno e centinaia di manifestanti si sono riuniti in Cornovaglia per sollecitare i leader ad agire, alcuni vestiti da creature marine come le meduse.

I manifestanti hanno schierato una chiatta al largo della costa con a bordo due grandi figure gonfiabili raffiguranti Biden e Johnson.

Il principe William e Kate, duchessa di Cambridge, hanno parlato con il presidente francese Emmanuel Macron.
I reali anziani – incluso l’erede al trono il principe Carlo, suo figlio il principe William e la moglie di William, Kate – si sono uniti ai leader al ricevimento e alla cena.(

Afp: Jack Hill

)

I paesi del Gruppo dei Sette sono pronti ad adottare formalmente una tassa minima globale di almeno il 15% sulle società multinazionali, dopo un accordo raggiunto dai loro ministri delle finanze una settimana fa.

La linea di fondo ha lo scopo di impedire alle aziende di utilizzare i paradisi fiscali per spostare i profitti ed evitare le tasse.

AP

READ  India Tours temporaneamente sospesi fino al 15 maggio a causa del peggioramento dell'epidemia di COVID nel paese: Scott Morrison