Dicembre 4, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Blinken: La Cina ha rifiutato di capire con gli Stati Uniti su Taiwan News

Il segretario di Stato americano ha affermato che la Cina ha esercitato pressioni su Taiwan, inclusa la possibilità di “usare la forza” per raggiungere i suoi obiettivi.

Il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha affermato che la Cina ha alterato un’intesa decennale tra Washington e Pechino sulla gestione delle questioni relative allo status di Taiwan e ora sta bloccando la possibilità di usare la forza.

Blinken ha dichiarato mercoledì in un evento organizzato da Bloomberg News che la Cina ha preso decisioni per esercitare maggiore pressione su Taiwan, inclusa la possibilità di “usare la forza per raggiungere i suoi obiettivi”.

Blinken ha affermato che lo status quo di quattro decenni – in cui gli Stati Uniti hanno riconosciuto Pechino nell’ambito della politica della Cina unica e hanno anche fornito a Taiwan armi per la sua difesa – “ha contribuito a garantire che non vi fosse alcun conflitto tra Stati Uniti e Cina su Taiwan .”

“Ciò che è cambiato è questa: una decisione presa dal governo di Pechino secondo cui lo status quo non è più accettabile e che vogliono accelerare il processo attraverso il quale continueranno con la riunificazione”, ha detto Blinken.

“Questo è ciò che è cambiato drasticamente.”

Ha detto che Washington non vuole una “guerra fredda” e non sta cercando di tenere a freno la Cina, ma gli Stati Uniti saranno risoluti nel difendere i propri interessi.

Ha aggiunto che qualsiasi interruzione per Taiwan e la sua economia – la potenza globale ora dominante nella produzione di semiconduttori avanzati vitali per automobili, elettrodomestici ed elettronica di consumo – dovrebbe essere motivo di preoccupazione per il mondo intero.

READ  Donna costretta in un complesso "simile a una prigione" dopo essere risultata positiva al Covid in luna di miele alle Barbados

“Se questo viene interrotto per qualsiasi motivo, avrà conseguenze molto gravi per l’economia globale”.

I commenti di Blinken arrivano sulla scia della storica vittoria del terzo mandato del presidente cinese Xi Jinping al Congresso quinquennale del Partito comunista cinese al potere la scorsa settimana. Viene anche tra le dichiarazioni di Pechino che non rinuncerà al suo diritto di usare la forza per unire Taiwan alla Cina continentale, sebbene si adopererà per una soluzione pacifica.

Il ministro degli Esteri di Taiwan Joseph Wu ha dichiarato mercoledì che si aspettava che i funzionari cinesi sotto Xi facessero maggiori sforzi per strappare gli ultimi alleati di Taipei.

“È plausibile che la nostra situazione diplomatica diventi più deprimente”, ha detto Wu.

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ripetutamente accusato la Cina di aver usato la visita del presidente della Camera Nancy Pelosi a Taiwan in agosto come pretesto per intensificare le esercitazioni militari intorno all’isola, che Pechino rivendica come suo territorio.

Mercoledì, Biden ha detto in una riunione dei suoi massimi consiglieri militari che gli Stati Uniti non cercavano un conflitto con la Cina e che il presidente cinese lo sapeva.

L’incontro è arrivato sulla scia del lancio da parte di Biden della sua Strategia di sicurezza nazionale all’inizio di questo mese, che chiedeva una “Cina rivale” e ostacolava i suoi sforzi per rimodellare gli affari globali.