Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Bill Vance: La Carrera Panamericana è uno spettacolo leggendario con una tragica eredità

Un totale di 26 persone, per lo più spettatori, morirono durante le cinque gare Pan-Am e l’indignazione pubblica, nonché la riluttanza a continuare l’eventuale chiusura dell’autostrada nel 1954.

Era un classico nel suo genere, una corsa su strada aperta, lunga, pericolosa e contesa da piloti da dilettanti entusiasti a professionisti esperti.

Correva attraverso passi di montagna nebbiosi, lungo strade desertiche non recintate dove gli animali vagavano liberamente e attraverso città dove spettatori ansiosi si separavano come il Mar Rosso mentre le macchine vagavano.

L’altezza della pista variava dal livello del mare vicino a 3.195 metri (10.482 piedi). C’erano angoli ciechi, varo di macchine e occasionali frane.

Questo non era da qualche parte in Europa come previsto, ma in Nord America. Si chiamava Carrera Panamericana, meglio conosciuta come la corsa su strada messicana.

Agli albori delle auto, le gare si svolgevano su strade regolari. È rimasto così in Europa per molti anni, ma in Nord America la gara è stata organizzata su piste ovali dove le auto ruotano in una direzione.

Dopo la seconda guerra mondiale, le auto sportive importate fecero rivivere le corse su strada nordamericane, ma per motivi di sicurezza furono costrette a tornare a circuiti chiusi, anche se ora imitavano le normali autostrade. Questo predominio di gare chiuse e ovali ha reso la Pan-Am un fenomeno inaspettato.

La gara è stata concepita alla fine degli anni ’40 per celebrare il completamento dell’autostrada Panamericana dal Guatemala a Ciudad Juarez di fronte alla città di confine statunitense di El Paso, in Texas.

La realizzazione di questo sogno di 15 anni ha spinto il governo messicano a proporgli una corsa mondiale su strada. Il presidente Miguel Aleman lo ha sostenuto e il premio in denaro è stato integrato dagli stati messicani partecipanti.

READ  Automobili Pininfarina crea Monterey Magic con un programma ricco di azione

La gara iniziale del 1950 corse da nord a sud per 3.436 km (2.135 mi) in nove tappe e cinque giorni. Le uniche modifiche consentite erano un leggero alesaggio del motore e ammortizzatori più robusti. Non sorprende che si sia verificata una “messa a punto creativa”.

Grandi auto americane come Buick, Cadillac, Lincoln, Mercury e Oldsmobile hanno dominato l’ingresso nella prima gara con alcuni stranieri come Jaguar e Delahayes. Uno dei precursori del futuro sono stati due assi italiani della Formula 1 Piero Tarofi e Felice Bonito all’Alfa Romeo.

I piloti partirono da Ciudad Jaurez a intervalli di un minuto il 5 maggio 1950. Cinque giorni dopo, il pilota 22enne di Portland, Oregon, Herschel McGriff, trionfò sulla sua Oldsmobile 88 con una media di 126 km/h (78,42 mph). L’attrito ha richiesto 52 voci su 132 e si sono verificati alcuni decessi, un presagio infelice.

Era inteso come un evento solista ed è diventato annuale quando il Messico si è reso conto dei vantaggi finanziari che poteva portare. La gara del 1951 è stata ridotta a 3.112 km (1.933 mi) per eliminare alcune strade terribili nel sud, spostata a novembre e corsa da sud a nord per l’ulteriore pubblicità dell’arrivo al confine degli Stati Uniti.

Nel 1951, il mondo dell’automobilismo scoprì l’evento messicano e la sua crescente reputazione e appeal lo resero un’impresa più seria. Sul V12 sono salite due Ferrari guidate dai campioni del Tarofi Grand Prix e da Alberto Ascari.

Sono state consentite ulteriori modifiche e negli Stati Uniti. Era ben rappresentato da piloti Indy come Troy Ruttman e Tony Bettenhausen.

Le auto americane hanno dominato ancora una volta 105 voci, anche se un’interessante voce straniera è stata una coppia di Lancia Aurelia da 2 litri italiane alimentate da rivoluzionari motori V-6.

READ  Il centrocampista del Manchester City è 'a un passo' dall'entrare in Prima Divisione

Non sorprende che le auto da corsa della Ferrari abbiano solo una o due auto da corsa. Il terzo era una nuova Chrysler Saratoga con un nuovo motore Hemi V-8. E la quarta sorpresa fu Troy Ratman nella Mercury Coupé del 1948, dalla quale acquistò molte auto usate!

Per il 1952, la gara entrò a far parte dei Campionati Mondiali Sportivi Internazionali e le fabbriche iniziarono a partecipare. C’erano due categorie: auto sportive e berline. Le solite vetture americane si unirono a forti concorrenti stranieri, tra cui tre nuove coupé Mercedes-Benz 300SL, oltre a Ferrari, Jourden, Lancia e Porsche.

Le straordinarie vetture 300SL hanno conquistato il primo e il secondo posto nella classe sportiva, mentre le Lincoln sono arrivate prima, seconda, terza e quarta, dando inizio all’era del dominio nella classe berlina,

La gara del 1953 era divisa in quattro modalità: auto sportive piccole e grandi e auto piccole e grandi. La Lancia ha conquistato le prime tre posizioni delle auto sportive con la vittoria di Juan Manuel Fangio in Formula 1. Porsche è arrivata seconda nella categoria piccola sport e il modello Carrera prenderà il nome dall’evento.

Lincoln ha vinto ancora nelle grandi berline, finendo quarto al quarto posto mentre Chevrolet ha vinto la categoria piccole berline.

Nel 1954 la Ferrari conquistò i primi quattro posti nelle grandi auto sportive. Porsche ha vinto le piccole auto sportive. Ancora una volta, Lincoln si è classificata al primo e al secondo posto nelle grandi azioni, poiché il suo dominio sulla catena ha portato le sue credenziali a livelli senza precedenti.

Il 1954 sarà un’altra Pan-Am. Le corse ad alta velocità su strade aperte con poco controllo della folla erano molto pericolose. Ogni anno portava almeno due morti. Ventisei persone, per lo più spettatori, sono morte durante le cinque gare e la rabbia del pubblico e la riluttanza a continuare a chiudere l’autostrada hanno finalmente posto fine.

READ  Auger-Aliassime si unisce al compagno canadese Shapovalov nei quarti di finale dell'Australian Open con una vittoria su Cilic.

La Carrera Panamericana è stata uno spettacolo leggendario ed emozionante, ma purtroppo ha lasciato una triste eredità per coloro che sono morti.

[email protected]