Dicembre 8, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Bill Vance: Chrysler TC è un altro ibrido americano-europeo mai visto prima

Dopo che l’economica Dodge Aries / Plymouth Reliant K-car ha salvato l’azienda, il capo di Chrysler Lee Iacocca voleva di più, nella foto

A metà degli anni ’80, Chrysler Corp era pronta a brillare un po’. Dopo essere uscito dall’abisso della bancarotta, grazie alle garanzie sui prestiti del governo, il presidente Lee Iacocca ha voluto aggiungere un po’ di eccitazione alla linea di produzione.

La discreta Dodge Aries/Plymouth Reliant K e le sue modifiche hanno salvato l’azienda. E la Dodge Caravan/Plymouth Voyager a trazione anteriore stava creando e promuovendo un nuovo mercato che Chrysler avrebbe dominato per anni. Chrysler ha rianimato la decappottabile.

Ma Iacocca voleva di più, un’auto nella foto. È meglio offrirlo dagli italiani. Ha completato l’eredità italiana di Iacocca e lo ha portato a un grande vecchio marchio italiano, Officine Alfieri Maserati di Modena, ora sotto il controllo dell’espatriato argentino Alejandro Ditomaso che un tempo produceva auto sportive italiane di lusso.

I due uomini si conoscono da quando hanno collaborato negli anni ’70 durante i giorni di Iacocca Ford su un’auto sportiva Ford a motore centrale DeTomaso Pantera. È stato venduto dai rivenditori americani Lincoln e Mercury, ma non è stato venduto in Canada. Poi, all’inizio degli anni ’80, DeTomaso diede il suo nome alla Dodge DeTomaso 024 coupé sportiva con strisce e finiture.

La storia di Maserati risale al 1926, simile a quella di Chrysler, ma la sua reputazione si basava più sulle vetture da corsa che sulle auto da strada. Ha iniziato a commercializzare sul serio le autovetture dopo la seconda guerra mondiale, anche se ha continuato a correre il Gran Premio di Formula 1 fino al 1957.

READ  Mattia Binotto: la Ferrari ha smentito le notizie secondo cui il team manager sarà licenziato e sostituito da Fred Wasser

Concentrandosi su vetture da turismo di fascia alta come la Mistral, la Fifty e la Mexico, Maserati aveva un fascino affascinante nonostante la sua produzione limitata.

Iacocca voleva un po’ di quel fascino per Chrysler e per 2,8 milioni di dollari Chrysler acquistò il cinque percento di Maserati. Era desideroso di sviluppare insieme un’auto GT di lusso specializzata che indossa sia la Chrysler Pentastar che la Maserati Trident.

Nel 1984 fu concluso un accordo per due piccole decappottabili per passeggeri che avrebbero trasudato il lusso saberico e un rifugio della produzione italiana.

Per economia e utilità, si basava su una piattaforma Dodge Daytona con il passo ridotto da 97 pollici (2.464 mm) a 93,3 pollici (2.370 mm). Aveva lo sterzo a pignone e cremagliera per l’auto K, sospensioni anteriori con montanti MacPherson e un asse posteriore con molle elicoidali. Il potere proveniva da una Chrysler trasversale da 2,2 litri quattro. La trasmissione sarà un manuale Getrag tedesco a cinque velocità per impieghi gravosi o un automatico a tre velocità di Chrysler. I freni erano dischi antibloccaggio a trazione integrale.

Inizialmente sono state fornite due versioni del motore. Per il modello manuale, Maserati modificò il 2.2 quattro con testa bialbero a 16 valvole, nuove bielle, pistoni in alluminio e albero motore interamente forgiato in acciaio. Ha prodotto 200 CV.

La versione automatica ha ottenuto un domatore a otto valvole da 160 CV 2.2 quattro. Entrambi i motori erano turbocompressi e intercooler e avevano una porta elettronica per l’iniezione del carburante e l’accensione elettronica. Nel 1990 arriverà un Mitsubishi V-6 da 3,0 litri.

Il design è stato realizzato da Maserati utilizzando un quadro strumenti e una console Chrysler. Le linee dell’auto erano divertenti anche se discrete, senza elementi contrastanti o davvero interessanti. Maserati ha avvolto gli occupanti in lussuosa pelle italiana cucita a mano e tappeti a pelo lungo.

READ  Il Toronto FC segna due gol di Osorio, due gol dell'Italia nella vittoria per 4-3 sul Nashville

Una volta slacciata, la tomaia trapuntata manuale si nascondeva sotto un pannello in tinta con la carrozzeria. Viene fornito anche un hardtop rimovibile con finestre “round hatch”.

Portando il nome un po’ scoraggiante di Chrysler TC di Maserati, si suppone che il TC rappresenti il ​​turismo nella deccapottabile.

Le prestazioni con le prove sono state solide. pista stradale (6/89) ha segnato da 0 a 60 mph (97 km/h) in 6,9 secondi per la decappottabile da 1.458 kg (3.215 lb). Hanno stimato una velocità massima di 135 mph (217 km/h). La trasmissione automatica a tre velocità ha impiegato in media 9,9 secondi per raggiungere 60 (97).

Nonostante la sua ricca eredità, la Chrysler TC di Maserati non è mai decollata davvero. C’erano diversi motivi, tra cui il lungo ritardo tra l’annuncio e la disponibilità.

Il TC è stato presentato nel 1985 con una promessa di consegna entro il 1987, ma il primo carico utile della barca non ha raggiunto San Francisco – la California era il suo mercato di prova – fino alla fine del 1988.

Questo ritardo è stato causato da diverse differenze: la controversia tra Chrysler e Maserati sulla qualità e persino sul posizionamento delle targhette. Ha messo in ombra tutto il resto in TC.

I giornalisti hanno avuto una giornata campale con il ritardo, suggerendo che TC sta per “To Come” o “Tomorrow’s Car”. Notizie sull’auto È arrivata al punto di chiamarlo “Flop of the Year” per il 1988.

Chrysler ha anche contribuito alla bellissima seconda generazione della coupé/decappottabile LeBaron del 1987 che molti consideravano attraente come la TC. Era più spazioso e costava circa la metà.

READ  L'Ambasciata italiana avverte che i tifosi inglesi che si recheranno a Roma per i quarti di finale di Euro 2020 contro l'Ucraina non potranno entrare allo stadio Notizie Calcio

Quando finalmente è arrivato TC, è andato esaurito lentamente. Chrysler rimase in servizio fino al 1990, rinunciando definitivamente dopo che ne furono costruiti circa 7500. Non fu mai commercializzata ufficialmente in Canada, anche se alcuni trovarono la loro strada oltre confine.

La storia passerà alla storia con il TC come uno di quegli ibridi euro-americani come Cadillac Alante di GM e Merkur XR4Ti di Ford che è iniziato con grandi speranze ma non è mai stato fortunato.

[email protected]