Febbraio 4, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Bilal Ahmad Kaloo: Vorrei un’aula piena di studenti

Coordinatore della preparazione degli insegnanti

Università del Kashmir, North Campus

Baramulla, Kashmir

In una tranquilla mattina d’estate di tre anni fa, mi sentivo leggermente stordito con occasionali attacchi di tosse. In una giornata normale, mettevo giù un tablet e mi rilassavo in compagnia dei libri. Ma era l’estate del 2020 e ogni attacco di tosse portava con sé prolungati periodi di ansia. COVID è arrivato e solo un giorno prima un vicino era morto a causa di esso. È stato letteralmente gettato in una fossa senza un piccione funebre. Non volevo morire di COVID.

Nei giorni successivi, ho messo giù una striscia di antibiotici, sperando che non fosse COVID. Quando non è migliorata, ha fatto passi involontari verso una struttura di test COVID.

Pochi giorni dopo ho ricevuto una chiamata da un numero sconosciuto e nel giro di pochi minuti un’ambulanza era al mio cancello. Ero “positivo” – una parola che ha inviato i miei pensieri da Wuhan all’Italia alla difficile situazione del mio vicino.

Era un tempo in cui i pazienti con COVID erano “emarginati”. Sono stato gettato in un’aula vuota di una scuola privata che si era trasformata in una struttura isolata: niente TV, niente intrattenimento, niente libri. Per due settimane ho fissato le pareti spoglie della grande stanza, da solo.

Per un insegnante, l’aula è il posto più bello. Ma quel giorno ho imparato che un’aula senza studenti è il posto più brutto. Qui i sentimenti di vuoto si sono amplificati. Mi mancano davvero i miei studenti. Le scuole e i college in Kashmir erano chiusi molto prima che la pandemia colpisse il mondo e sono stato lontano dai miei studenti per circa un anno. Volevo tornare in classe, piena di ragazzini e ragazze pieni di speranza e ottimismo.

READ  I brividi autunnali portano una svolta in sapori selezionati

Sono un insegnante. Tutto quello che volevo era tornare in classe per insegnare loro la filosofia della speranza. Era un momento in cui avevo bisogno di speranza e i miei studenti avevano bisogno di speranza.

Sono stato rilasciato dalla mia classe vuota dopo due settimane, ma per tornare all’università, in una classe piena di studenti, mancavano ancora due anni.

Sono finalmente tornata in classe, ma i tanti ricordi e le emozioni della pandemia mi pesano ancora. Con il nuovo anno qui, voglio lasciar andare i ricordi della pandemia, il fardello della disperazione e dell’impotenza.

Voglio guardare al nuovo anno con nuova speranza, un anno che infonde i valori umani dell’amore, del calore e dell’empatia, un anno in cui le aule non sono vuote, un anno che segna l’inizio della fine della pandemia .

Quello che voglio lasciarmi alle spalle degli ultimi due anni

Ricordi della pandemia e sentimenti di impotenza

Quello che non vedo l’ora di fare nel 2023

Auguro un anno pieno di amore, calore e simpatia, e classi piene di studenti