Ottobre 21, 2021

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Biden vende il G7 sulle tasse globali, ma il Congresso è un ostacolo

Il presidente Joe Biden potrebbe aver convinto alcune delle più grandi economie del mondo ad aumentare le tasse sulle società, ma il Congresso degli Stati Uniti potrebbe essere una vendita molto più difficile.

I leader del Gruppo dei Sette – che comprende anche Regno Unito, Francia, Canada, Germania, Italia e Giappone – sono d’accordo con Biden sulla fissazione di un’imposta globale minima di almeno il 15% per le grandi società. I leader del G7 hanno dato il via a un vertice di tre giorni in Inghilterra venerdì dopo che i loro ministri delle finanze hanno approvato le tasse minime globali all’inizio di questo mese.

La tassa minima dovrebbe fermare una corsa internazionale al ribasso per la tassazione delle società che ha portato le multinazionali a realizzare i loro profitti in paesi con aliquote fiscali basse. Ciò consente loro di evitare le tasse e incoraggia i paesi a ridurre le aliquote. L’aliquota più bassa renderebbe più difficile per le aziende evitare le tasse e potrebbe sostituire la tassa sui servizi digitali che molti paesi europei applicano alle società tecnologiche statunitensi a basso reddito.

I funzionari dell’amministrazione Biden ritengono che l’uso di paradisi fiscali offshore abbia impedito alle aziende di investire a livello locale, a scapito della classe media. Il Presidente spera che l’approvazione del G7 serva da trampolino di lancio per ottenere il sostegno del più ampio G-20.

L’accordo non è un accordo definitivo, poiché i termini devono essere concordati dagli Stati membri dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e attuati da ciascuno di essi. Il presidente ha bisogno di altri paesi per sostenere una tassa minima globale per garantire che i suoi piani per un programma di rilancio negli Stati Uniti non danneggino le società americane.

READ  Roberto Razzini lascia la carica di amministratore delegato di Warner Chappell Music Italy

“Probabilmente ferma la corsa al ribasso”, ha detto Thornton Matheson, senior fellow presso il Center for Tax Policy. “Sarebbe un enorme cambiamento nel modo in cui sono state fatte le cose nella tassazione delle società negli ultimi tre decenni”.

Anche l’idea di imposte minime globali rafforzate è parte integrante dell’agenda interna di Biden, ma incontra resistenza al Congresso.

Il presidente ha proposto di utilizzare una tassa minima globale per finanziare il suo piano infrastrutturale completo. La sua proposta di bilancio stima che potrebbe raccogliere quasi 534 miliardi di dollari in 10 anni, ma i repubblicani affermano che le modifiche al codice fiscale renderebbero gli Stati Uniti meno competitivi nell’economia globale.

Il segretario al Tesoro Janet Yellen ha redatto l’accordo come questione chiave della giustizia dopo la riunione dei ministri delle finanze.

“Abbiamo bisogno di sistemi fiscali stabili che forniscano rendimenti sufficienti per investire in beni pubblici essenziali, rispondere alle crisi e garantire che tutti i cittadini e le imprese condividano equamente l’onere del finanziamento del governo”, ha affermato.

Il rappresentante del Texas Kevin Brady, un anziano repubblicano della House Ways and Means Committee, ha affermato che i legislatori del GOP avrebbero combattuto la tassa “con tutte le loro forze”. I repubblicani considerano tasse più basse come un incoraggiamento per le imprese a investire e assumere, sminuendo l’argomento di Biden secondo cui il miglioramento delle infrastrutture e dei lavoratori più istruiti contribuirà ad alimentare la crescita.

“È una capitolazione economica”, ha detto Brady venerdì. “Il presidente Biden ha fatto l’impossibile: ha reso meglio essere un’azienda straniera e un lavoratore straniero piuttosto che un’azienda americana e un lavoratore americano”.

READ  L'influente principessa italiana di 17 anni è la nuova erede al defunto trono d'Italia

Il leader repubblicano al Senato Mitch McConnell del Kentucky ha ripetutamente affermato che il suo partito si opporrà a qualsiasi misura che abroghi i tagli fiscali del 2017 che il presidente Donald Trump ha firmato in legge.

La revisione del 2017 ha creato un nuovo modo di tassare i profitti delle società estere in quello che è noto come “reddito immateriale globale a bassa tassazione”. I Democratici del Congresso hanno affermato che il quadro ha incoraggiato le aziende a investire in paesi stranieri, piuttosto che in patria.

Biden ha proposto di aumentare tale tasso al 21%, tra le altre modifiche al codice. La direzione considera l’aliquota del 15% per il G7 come un livello minimo piuttosto che un tetto massimo. Ma il piano del G7 differisce da quanto proposto da Biden e ci sono dettagli da finalizzare, con esperti fiscali che notano che sembrano esserci lacune nelle aliquote e nel trattamento di beni come edifici e attrezzature.

I democratici vogliono approfondire il nocciolo di qualsiasi accordo prima di dare la loro piena approvazione su ciò che verrà fuori dal G7, il che significa che Biden dovrà continuare a vendere agli elettori americani e ai loro rappresentanti.

Il presidente della commissione finanziaria del Senato Ron Wyden dell’Oregon è favorevole all’idea generale di una tassa minima globale. Ma Wyden ha detto in una dichiarazione con Richard Neil, presidente della House Ways and Means Committee del Massachusetts, che devono approfondire l’accordo per vedere se gli americani ne trarranno davvero beneficio.

“Siamo ottimisti sul fatto che si possa raggiungere un forte accordo multilaterale per armonizzare le nostre regole fiscali internazionali, porre fine alla corsa al ribasso e alle tasse sui servizi digitali”, hanno affermato i due legislatori democratici. “Non vediamo l’ora di lavorare con la direzione e valutare i risultati di questi negoziati per i lavoratori, le imprese e i contribuenti americani”.

Il primo ministro britannico Boris Johnson, a sinistra, e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden siedono attorno al tavolo al vertice della riunione del Gruppo dei Sette, a Carbis Bay, in Cornovaglia, in Inghilterra, venerdì 11 giugno 2021 (Leon Neal/Pool Photo via AP)

Il primo ministro britannico Boris Johnson, a sinistra, e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden siedono attorno al tavolo al vertice della riunione del Gruppo dei Sette, a Carbis Bay, in Cornovaglia, in Inghilterra, venerdì 11 giugno 2021 (Leon Neal/Pool Photo via AP)