Luglio 3, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Biden saluta l’offerta della NATO di Svezia e Finlandia mentre l’opposizione delle aziende turche si intensifica

“Le alleanze dell’America in Europa e in Asia ci rendono – e io rivendico il mondo – forti e sicuri”, ha detto Biden al Rose Garden. “È il modo in cui affrontiamo le sfide del nostro tempo, forniamo assistenza alla nostra gente oggi e cogliamo le opportunità per un domani migliore”.

“Sono orgoglioso oggi di accogliere e fornire un forte sostegno negli Stati Uniti per l’attuazione di due grandi democrazie e due partner stretti e altamente capaci per unirsi alla più potente alleanza di difesa nella storia del mondo”, ha affermato Biden. .

“Soddisfano tutti i requisiti della NATO e poi alcuni”, ha detto, e “avere due nuovi membri della NATO nell’estremo nord aumenterà la sicurezza della nostra alleanza”.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è categoricamente contrario a entrambe le offerte della NATO, ma il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg si è detto fiducioso che la situazione di stallo sarebbe stata risolta. La posizione della Turchia è decisiva perché la NATO prende le sue decisioni all’unanimità.

Erdogan ha affermato che l’obiezione della Turchia deriva dalle lamentele della Svezia – e in misura minore con la Finlandia – dal sostegno al fuorilegge Partito dei lavoratori del Kurdistan, o Partito dei lavoratori del Kurdistan, un gruppo armato in Siria che la Turchia considera un’estensione del PKK. Il conflitto con il PKK ha causato decine di migliaia di vittime dal 1984.

La Turchia accusa anche Svezia e Finlandia di ospitare seguaci di Fethullah Gulen, il religioso musulmano residente negli Stati Uniti che il governo turco incolpa per il tentativo di colpo di stato militare del 2016.

Le obiezioni fanno eco alle lamentele turche di lunga data sul sostegno più sostanziale degli Stati Uniti ai curdi, nonché sulla presenza di Gulen in America.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden se ne va con il primo ministro svedese Magdalena Anderson, a sinistra, e il presidente finlandese Sauli Niinistö, a destra, dopo aver parlato al Giardino delle rose della Casa Bianca a Washington.credito:AP

Il viaggio di Biden all’estero arriva mentre deve affrontare forti venti contrari interni: carenza di latte artificiale, inflazione in perdita di budget, un aumento delle infezioni da COVID-19 e una crescente impazienza tra una base democratica che si prepara per una sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti che potrebbe annullare sui diritti di aborto.

READ  Gli sposi fatturano $ 328 per gli ospiti che non si presentano

Gli enigmi che Biden deve affrontare in Asia non sono meno difficili.

L’assertività militare cinese è cresciuta nel corso della presidenza Biden, con le sue azioni provocatorie che spesso hanno messo la regione in crisi.

Il mese scorso, la Cina ha tenuto esercitazioni militari intorno a Taiwan dopo che un gruppo di rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti è arrivato per colloqui sull’isola autonoma. Alla fine dello scorso anno, la Cina ha intensificato le sue sortite nello spazio aereo di Taiwan. Taiwan si considera un paese sovrano, ma Pechino considera Taiwan una provincia separatista e non ha escluso l’uso della forza per raggiungere l’unità.

Il Giappone ha segnalato frequenti incursioni di navi militari cinesi nelle acque territoriali giapponesi intorno alle isole Senkaku nel Mar Cinese Orientale. Il Giappone controlla le piccole isole disabitate, ma la Cina le rivendica, chiamandole Diaoyu.

Scarica

Mercoledì il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha criticato quelle che ha definito le mosse negative di Washington e Tokyo contro Pechino durante una videochiamata con il ministro degli Esteri giapponese Yoshimasa Hayashi.

“Ciò che è attento e vigile è il fatto che, anche prima che il leader americano si imbarchi nell’incontro, la cosiddetta retorica congiunta anti-Cina Giappone-USA sta già sollevando polvere”, ha affermato Wang, secondo il ministero degli Esteri cinese. .

Nel frattempo, la Corea del Sud potrebbe avvicinarsi agli Stati Uniti sotto Yoon, entrato in carica la scorsa settimana. Il nuovo presidente sudcoreano ha criticato il suo predecessore in quanto “vassallo” della Cina cercando di bilanciare le relazioni con Washington e Pechino. Per neutralizzare le minacce nucleari della Corea del Nord, Yoon si è impegnata a perseguire un più forte impegno per la sicurezza americana.

READ  Joe Biden ha detto che Vokodimir Zelensky "non voleva sentire" di un'imminente invasione di Vladimir Putin

L’amministrazione Biden ha avvertito la Cina di non aiutare la Russia nella sua guerra con l’Ucraina. A marzo, gli Stati Uniti hanno informato gli alleati asiatici ed europei che l’intelligence statunitense aveva stabilito che la Cina aveva indicato che la Russia era disposta a fornire supporto militare e finanziario per ridurre il colpo delle severe sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dai suoi alleati.

I funzionari dell’amministrazione Biden affermano che l’invasione russa è stata un momento di chiarimento per alcune delle maggiori potenze asiatiche, poiché sono state imposte sanzioni finanziarie e divieti di esportazione per controllare la Russia.

L’ambasciatore statunitense Rahm Emanuel, il principale inviato di Biden in Giappone, ha affermato che i giapponesi si sono distinti per aver mobilitato otto membri su dieci dell’Associazione delle nazioni del sud-est per sostenere il voto delle Nazioni Unite contro l’invasione russa.

“Il Giappone è stato un pioniere in progresso e ha seguito le orme di Corea del Sud, Singapore, Australia, Nuova Zelanda e altri qui nell’Indo-Pacifico”, ha detto Emmanuel a proposito del sostegno di Tokyo all’Ucraina dopo l’invasione russa.

Biden, che sta facendo il suo primo viaggio presidenziale in Asia, ha incontrato brevemente Kishida a margine della conferenza sul clima delle Nazioni Unite dello scorso anno poco dopo l’insediamento del primo ministro giapponese. Non aveva ancora incontrato Yun faccia a faccia. Il leader sudcoreano, un ex procuratore generale che ha assunto l’incarico senza esperienza politica o di politica estera, è stato eletto in elezioni molto combattute.

Biden arriva nel bel mezzo di una crisi in corso in Corea del Nord, dove un diffuso focolaio di COVID-19 si sta diffondendo tra la sua popolazione non vaccinata. La Corea del Nord ha riconosciuto per la prima volta le infezioni domestiche da COVID-19 la scorsa settimana, ponendo fine a un’affermazione ampiamente discutibile secondo cui è privo di virus.

READ  "Questo sta iniziando a spaventarci": il robot di Amika risponde al dito che lo saluta

Negli ultimi mesi, la Corea del Nord ha testato una serie di missili in quello che gli esperti vedono come un tentativo di modernizzare le sue armi e fare pressione sui suoi rivali affinché accettino il paese come uno stato nucleare e allenti le sanzioni loro imposte.

Sullivan ha affermato che i funzionari dell’intelligence statunitense hanno stabilito che esiste una “reale possibilità” che la Corea del Nord conduca un altro missile balistico o test nucleare nel periodo della visita di Biden in Asia.

Scott Kennedy, analista economico cinese presso il Center for Strategic and International Studies di Washington, ha detto che era certo che la Cina avrebbe osservato attentamente le “incrinature nelle relazioni” durante il viaggio di Biden.

Sullivan ha confermato che Biden utilizzerà il viaggio per lanciare il tanto atteso Indo-Pacific Economic Framework, un accordo proposto per stabilire regole per il commercio e standard digitali, garantire catene di approvvigionamento affidabili, proteggere i lavoratori, decarbonizzare, tassare e combattere i problemi di corruzione. Conosciuto come IPEF, è un sostituto pianificato per la Trans-Pacific Partnership che il presidente Donald Trump ha lasciato nel 2017 e alla quale l’amministrazione Biden non ha aderito.

Scarica

In termini di forza economica, gli Stati Uniti sono leggermente indietro rispetto alla Cina nel Pacifico, secondo il Lowy Institute, un think tank australiano.

Ma l’analisi dell’istituto mostra la possibilità che un accordo commerciale possa amplificare la forza combinata degli Stati Uniti e dei suoi alleati sulla Cina. La sfida per Biden è che l’IPEF non abbasserà necessariamente le aliquote tariffarie o darà ai firmatari alleati un maggiore accesso ai mercati statunitensi, che è ciò che i paesi asiatici stanno cercando.

AP

Ricevi una nota diretta dal nostro alieno corrispondenti Su cosa sta facendo notizia in tutto il mondo. Iscriviti alla newsletter settimanale What in the World qui.