Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Biden deve affrontare crescenti pressioni per ritirare le accuse contro Julian Assange | Giuliano Assange

Il Amministrazione Biden Ultimamente ha detto tutte le cose giuste sul rispetto di una stampa libera e vibrante, dopo quattro anni di attacchi implacabili ai media e aggressioni legali sotto Donald Trump.

Anche il procuratore generale Merrick Garland ha messo in atto tutele estese per i giornalisti questo autunno, dire Una stampa libera e indipendente è vitale per il funzionamento della nostra democrazia.

Ma la più grande prova dell’impegno di Biden rimane la sua prigionia in una cella di prigione a Londra, dove si trova il fondatore di WikiLeaks Giuliano Assange È detenuto dal 2019 mentre è sotto processo negli Stati Uniti ai sensi dell’Espionage Act, una legge secolare che non è mai stata utilizzata prima per rilasciare informazioni riservate.

Se il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti continuerà a portare avanti le accuse dell’era Trump contro il famigerato monaco, il cui gruppo ha fornito informazioni riservate sulle guerre in Iraq e Afghanistan, sulla baia di Guantanamo, sulla diplomazia statunitense e sulla politica democratica interna in vista delle elezioni del 2016, lo sarà un lungo cammino per determinare se l’attuale amministrazione intende onorare i suoi impegni per proteggere la stampa.

Biden deve ora affrontare una rinnovata spinta, sia negli Stati Uniti che all’estero, ad abbandonare il lungo processo di impeachment di Assange.

Cinque importanti organizzazioni mediatiche hanno fatto affidamento sui suoi segreti governativi, tra cui The Guardian, The New York Times, Metti una lettera aperta All’inizio di questo mese ha affermato che la sua accusa “costituisce un pericoloso precedente” e minaccia di minare il Primo Emendamento.

Allo stesso tempo, i funzionari in Australia, dove Assange è nato e rimane cittadino, si sono incontrati con le loro controparti americane per chiedere il suo rilascio. “La mia posizione è chiara ed è stata chiarita all’amministrazione americana: è ora di farla finita”, ha detto il primo ministro australiano Anthony Albanese al parlamento australiano alla fine del mese scorso.

Nel frattempo, il presidente eletto del Brasile Luiz Inacio Lula da Silva ha chiesto la fine di quella che ha definito “l’ingiusta detenzione” di Assange dopo un incontro con wikileaks Gli editori premono per la sua libertà.

Alcuni dei difensori di Assange, che hanno attaccato il suo processo come una violazione del Primo Emendamento, si dicono ottimisti sul fatto che il caso possa aver raggiunto un punto di svolta che alla fine potrebbe portare al suo rilascio.

“Questo caso è molto importante”, ha detto in un’intervista il professore di diritto della Columbia Jamil Jaffar, che dirige il Knight First Amendment Institute dell’università. “Alla fine, trovo difficile credere che l’amministrazione Biden vorrebbe che questo problema fosse la loro eredità della libertà di stampa, volere La sua eredità è se continuano a seguirlo. Questo oscurerà tutto il resto quando si tratta di libertà di stampa”.

I funzionari del Dipartimento di Giustizia non stanno dando una mancia su ciò a cui potrebbe portare il processo di Assange, mentre continua a contestare la sua estradizione negli Stati Uniti in una corte d’appello britannica. Il Dipartimento di Giustizia ha rifiutato di commentare tutte le chiamate esterne per archiviare il caso, ma uno dei funzionari, che ha parlato a condizione di anonimato, ha detto che Garland ha “chiarito che seguirà la legge ovunque porti”, come ha fatto in altri casi di polizza. Problemi addebitati.

Nonostante tutte le pressioni esterne sul Dipartimento di Giustizia per archiviare il caso, il fattore decisivo potrebbe essere lo statuto annunciato da Garland in ottobre che proibisce l’uso di documenti sequestrati e altre misure investigative contro “mezzi di informazione che operano nel regno dell’aggregazione di notizie” tranne in quanto il dipartimento ha detto che saranno condizioni limitate.

I nuovi regolamenti sono nati da una revisione durata un anno che ha seguito le ripetute lamentele delle testate giornalistiche sulle tattiche intrusive utilizzate dall’amministrazione durante l’amministrazione Trump per raccogliere documenti dai giornalisti e scavare nelle pratiche di raccolta di notizie nel contesto di indagini su fughe di notizie e altre questioni delicate.

Una controversia centrale nell’ascesa alla fama di Assange è sempre stata la questione se debba essere considerato un giornalista del Primo Emendamento, come i suoi sostenitori hanno a lungo sostenuto, o un agente canaglia, come disse una volta il senatore repubblicano Ben Sasse del Nebraska. , era “uno sbocco di propaganda straniera e … un nemico del popolo americano”.

Barry J. Pollack, il principale avvocato di Assange negli Stati Uniti, ha dichiarato al Guardian che “i nuovi regolamenti richiedono certamente che qualcuno ai massimi livelli del Dipartimento di Giustizia dia una nuova occhiata a questa accusa per vedere se è davvero compatibile con la nuova politica”. e per determinare “è questo il tipo di caso che vogliamo perseguire?”

“Era giunto il momento per quello”, ha detto Pollack.

Assange è ormai da decenni una figura polarizzante in tutto il mondo, da quando WikiLeaks ha iniziato a pubblicare e condividere occasionalmente con i principali media, tra cui il Guardian e il New York Times, milioni di pagine di materiale spesso classificato che ha raccolto da informatori governativi e altri. fonti. I suoi sostenitori lo hanno acclamato come un rivelatore di verità, mentre i critici – spesso all’interno delle agenzie di intelligence – lo hanno attaccato per il danno che sostengono le fughe di notizie abbiano arrecato alle operazioni in corso.

La prima grande serie di articoli del suo gruppo nel 2010 ha documentato abusi e passi falsi dell’esercito americano in Iraq e Afghanistan, e ogni successiva serie di materiale trapelato, dai cablogrammi classificati del Dipartimento di Stato agli strumenti di hacking della CIA, ha portato ad Assange maggiore notorietà e attenzione.

Oltre alle massicce fughe di notizie, Assange stava anche affrontando accuse di violenza sessuale in Svezia – le accuse sono state ritirate perché i pubblici ministeri svedesi hanno affermato Le prove non erano abbastanza forti. Per evitare la cattura, nel 2012 si è rifugiato presso l’ambasciata dell’Ecuador a Londra in virtù di un accordo che gli concedeva asilo politico. La CIA e l’amministrazione Trump sono state così fissate sui segreti che ha rivelato che hanno discusso la possibilità di rapire Assange dall’ambasciata e assassinarlo, secondo Rapporto dell’anno scorso da Yahoo News.

Joe Biden ha ripetutamente chiesto al Regno Unito di estradare il fondatore di WikiLeaks Julian Assange. Foto: Kirsty Wigglesworth/AP

Sotto Trump, il Dipartimento di Giustizia ha presentato per la prima volta accuse penali contro Assange nel 2019, quando le autorità britanniche lo hanno arrestato e portato fuori dall’ambasciata. Assange, dall’aspetto scarmigliato, con una lunga barba bianca, Urlò: “È illegale, non me ne andrò”.

Meno di due settimane dopo l’insediamento di Biden nel gennaio 2020, il suo Dipartimento di Giustizia ha ripetutamente chiesto ai tribunali britannici di rinnovare la richiesta statunitense di estradizione di Assange. Dopo una lunga battaglia nei tribunali britannici, l’allora ministro dell’Interno, Priti Patel, ha acconsentito alla richiesta di estradizione degli Stati Uniti a giugno, ma Assange sta facendo appello contro quella decisione, sostenendo che “Vengono perseguiti e puniti per le sue opinioni politiche.

Quasi tutti i 18 capi di imputazione mossi contro Assange nell’accusa del 2019 si riferiscono all’effettiva pubblicazione online di materiale militare e governativo riservato da parte di WikiLeaks, molti dei quali sono stati ottenuti dall’ex informatore militare statunitense Chelsea Manning. Solo una delle accuse accusa Assange di lavorare attivamente per aiutare Manning a ottenere informazioni riservate. In quel caso, accusati dai pubblici ministeri, Assange si offrì di aiutare Manning a decifrare la password di un sistema militare segreto, un tentativo che fallì.

Manning è stata infine condannata a 35 anni di carcere per aver divulgato segreti del governo prima che il presidente Barack Obama commutasse il resto della sua pena nel 2017. In un’udienza alla corte marziale nel 2013, Manning Ha insistito sul fatto che non c’erano pressioni da WikiLeaks per sequestrare qualsiasi materiale riservato dai sistemi informatici militari. “Le decisioni che ho preso per inviare documenti e informazioni a (WikiLeaks) e al sito Web sono state mie e mi assumo la piena responsabilità delle mie azioni”, ha affermato Manning.

Le accuse contro Assange per aver ottenuto e pubblicato informazioni riservate, senza alcun ruolo attivo nel furto, puntano a “attraversare un Rubicone legale”, ha affermato Jaafar della Columbia University. Questa è una minacciosa soglia legale per Assange e tutti i giornalisti, ha detto.

“È la prima volta che il governo degli Stati Uniti utilizza l’Espionage Act per perseguire un editore e le implicazioni sono enormi”, ha affermato Jaffer. Assange “è stato accusato di un’attività che i giornalisti svolgono ogni giorno e che i giornalisti devono svolgere ogni giorno per informare il pubblico. Ciò avrà conseguenze drammatiche per il giornalismo di sicurezza nazionale”.

READ  Il leopardo delle nevi allo zoo di San Diego è stato infettato dal coronavirus | gli animali