Maggio 20, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Biden descrive per la prima volta le atrocità russe in Ucraina come un “genocidio”.

il nostro presidente Joe Biden Entrata in guerra della Russia Ucraina Giunto al punto di “genocidio”, accusando il presidente Il presidente russo Vladimir Putin Cercando di “cancellare l’idea di essere ucraino”.

“Sì, l’ho chiamato genocidio”, ha detto Biden in Iowa poco prima di salire a bordo dell’Air Force One per tornare a Washington.

“È diventato chiaro che Putin stava solo cercando di eliminare l’idea che fosse ucraino”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che la guerra della Russia in Ucraina equivale a un “genocidio”. (Foto AP/Caroline Custer) (AFP)

In un precedente evento a Menlo, Iowa, in merito all’aumento dei prezzi dell’energia indotto dalla guerra di oggi, Biden ha lasciato intendere di ritenere che Putin stesse compiendo un genocidio contro l’Ucraina, ma non ha fornito alcun dettaglio.

Né lui né la sua amministrazione hanno annunciato nuove conseguenze per la Russia o l’assistenza all’Ucraina dopo la valutazione pubblica del signor Biden.

I commenti di Biden sono stati accolti con elogi dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che ha incoraggiato i leader occidentali a usare il termine per descrivere Invasione russa dal suo paese.

“Parole vere per un vero leader POTUS”, ha scritto su Twitter.

“Chiamare un nome di vanga è essenziale per contrastare il male. Siamo grati per l’assistenza americana fornita finora e abbiamo urgente bisogno di armi più pesanti per prevenire ulteriori atrocità russe”.

Il trattato delle Nazioni Unite, di cui gli Stati Uniti sono parte, definisce il genocidio come azioni intraprese “con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso”.

I precedenti leader statunitensi hanno spesso evitato di dichiarare formalmente genocidio campagne sanguinose come quella della Russia in Ucraina e sono stati riluttanti a lanciare un impegno ai sensi della convenzione internazionale che richiede agli Stati firmatari di intervenire una volta che il genocidio è stato formalmente definito.

Questo impegno è stato visto come un impedimento al presidente Bill Clinton di dichiarare un genocidio l’uccisione di 800.000 tutsi di etnia ruandese nel 1994 da parte degli hutu ruandesi, ad esempio.

Biden ha detto che spettava agli avvocati decidere se il comportamento della Russia rispettasse gli standard internazionali per il genocidio, come avevano affermato i funzionari ucraini, ma ha detto che “certamente suona così per me”.

“Più prove stanno letteralmente emergendo delle cose terribili che i russi hanno fatto in Ucraina, impareremo sempre di più sulla devastazione e lasceremo che gli avvocati decidano a livello internazionale se è qualificato”, ha detto.

Proprio la scorsa settimana, Biden ha affermato di non credere che le azioni della Russia equivalgano a un genocidio, se non altro perché costituivano “crimini di guerra”.

Esperti forensi ucraini rimuovono i corpi di una madre e due bambini a Bucha. La città fu teatro di un massacro di civili da parte delle forze russe. (AFP)

Durante un viaggio in Europa il mese scorso, Biden ha affrontato polemiche per una dichiarazione di nove parole che apparentemente sosteneva il cambio di regime a Mosca, che avrebbe rappresentato un cambiamento radicale verso il confronto diretto con un altro paese dotato di armi nucleari.

“Per l’amor di Dio”, disse Biden, “questo ragazzo non può rimanere al potere”.

Il commento ha chiarito giorni dopo: “Stavo esprimendo la rabbia morale che provavo nei confronti di quest’uomo. Non stavo dichiarando un cambiamento nella politica”.

Resti di vittime ucraine riesumati dalle fosse comuni a Bucha

READ  Gli organizzatori delle Olimpiadi di Tokyo approvano gli spettatori domestici tra le restrizioni COVID-19 ma non è consentito cantare