Maggio 21, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Besançon. La scarsa ‘carta dei rapporti’ sulla salute climatica dimostra la necessità urgente di agire

• Mezzi inadeguati applicati di fronte al rapido cambiamento. In breve, “le decisioni prese dai nostri leader sono ampiamente inadeguate”. Per Orléan, Jane ed Helena, tre attiviste di Besançon di Youth for Climate, le azioni intraprese dagli stati “non sono abbastanza impressionanti da invertire la tendenza”.

Quindi dobbiamo combattere. Si sono mobilitati, come hanno definito sabato le associazioni Alternatiba e ANV Cop 21, “il giorno dopo che l’IPCC ha lanciato ancora una volta l’allarme, per la sezione climatica del 2 marzo del 12 marzo”. E il giorno prima di un evento non è facile.

Questo contenuto è stato bloccato perché non hai accettato i tracker.

clic ” OK “i tracker verranno depositati e potrai visualizzarne i contenuti .

clic “Accetto tutti i traccianti”Autorizzi il deposito di tracker a memorizzare i tuoi dati sui nostri siti Web e app ai fini della personalizzazione e del targeting degli annunci.

Ti riservi la possibilità di revocare il tuo consenso in qualsiasi momento.
Gestisci le mie scelte



“Cambia te stesso prima di cambiare gli altri”

Azione solida ma clamorosa, la piazza 8 settembre, dove circa 200 “cittadini e partigiani”, armati di striscioni evocativi e pieni di credenza, parlano l’attuale linguaggio globale dell’ecologia. Universale ma a geometria variabile. “Sono molto preoccupata”, dice Bernadette. “Mi vergognerei soprattutto il giorno della mia morte se non si fa nulla per migliorare le cose. Questo residente a Grand Besançon, ben consapevole degli effetti dei cambiamenti climatici sulla popolazione, in particolare sui più vulnerabili o vulnerabili”, vuole incoraggiare le persone a interagire collettivamente. Dobbiamo cambiare il sistema, dobbiamo impegnarci nelle associazioni”.

READ  Al di là di quanto sarà trascesa la nostra umanità?

Ma soprattutto devi prima convincerti: “Cambia te stesso prima di cambiare gli altri”. Inizia riducendo i tuoi consumi. “Io dico no ai miei vicini quando mi dicono che quello che voglio è tornare in lavanderia a lavare i panni. D’altra parte pratico la sobrietà felice”. Tutto con moderazione.

Il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici offre soluzioni…

In contrasto con le misure da adottare per “limitare i danni climatici”, i canti, il microfono in mano e l’impianto audio di supporto, Théo, per Alternatiba. Non ci sono più domande in attesa. Se non invertiamo la curva delle emissioni di gas serra prima del 2025, non saremo più in grado di limitare il riscaldamento globale agli 1,5 gradi raccomandati. L’attivista tira su le maniche dei candidati alla presidenza e non può fare a meno di collegare le questioni climatiche e sociali con la domanda: “Chi pagherà il conto e chi lo pagherà?” La popolazione dei paesi poveri e la fragilità dei paesi ricchi.

“L’IPCC fornisce soluzioni e i nostri leader politici hanno ancora bisogno del coraggio di capirle”, aggiunge Jean-Pierre. Non c’è bisogno di mandare in onda le istruzioni di voto, il messaggio è passato, la decorazione è piantata, le urne (cartone) sono esposte e gli striscioni: “No ai candidati clima”.