Ottobre 1, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Benvenuti nella capitale di estrema destra d’Italia – POLITICA

Premi play per ascoltare questo articolo

L’AQUILA, Italia — In una manifestazione a L’Aquila, città universitaria medievale circondata da cime montuose, Giorgia Meloni ha ruggito di eccitazione. “Il 25 settembre deciderai se questo Paese è pronto per essere libero”.

La folla ha risposto esultando e sventolando bandiere tricolori mentre Meloni – affiancato dai sindaci locali – cantava l’inno nazionale, da cui prende il nome il suo partito di estrema destra, Fratelli d’Italia.

I sondaggi suggeriscono che i fratelli otterranno il sostegno di un quarto degli elettori italiani nelle elezioni del 25 settembre, portando Meloni a guidare una coalizione di destra come prossimo primo ministro italiano.

Una vittoria di Meloni segnerebbe un netto cambiamento di direzione per l’Italia in un momento critico per l’economia del paese dopo le dimissioni di Mario Draghi a luglio, con l’Europa che deve affrontare due minacce di guerra alle porte e l’aumento dell’inflazione.

Non a caso Meloni ha scelto L’Aquila, capoluogo dell’Abruzzo, per il rally della scorsa settimana. Storicamente oscillante tra centro sinistra e destra, l’Abruzzo è oggi parte del Paese in cui sono attive le politiche dei Fratelli. È stata la prima regione a passare sotto il controllo del partito nel 2019, rendendola un laboratorio per il governo di estrema destra.

Finora, i risultati sembrano molto popolari. Amministrato dai Fratelli de L’Aquila Italia Sindaco È stato rieletto nel giugno 2017, ricevendo il 54% dei voti al primo turno.

Meloni ha detto alla folla di aver scelto di contestare la città come candidato parlamentare perché la considerava “un territorio iconico” per il suo partito. “Questa è la prima terra che abbiamo governato e il simbolo del nostro buon governo… È così che vogliamo governare l’Italia”.

READ  Re d'Italia | Cristoforo Pincer

Secondo i presenti al raduno, i fratelli hanno dimostrato le loro capacità nel rispondere a due grandi crisi della regione: la pandemia di coronavirus dopo il terremoto del 2009 e le continue necessità di ricostruzione, che hanno ucciso più di 300 persone e lasciato 60.000 senzatetto. La gente del posto ha anche elogiato le autorità per aver protetto la recente visita del Papa.

Antonio Baez, un poliziotto diventato poliziotto, ha sostenuto Meloni e ha criticato la gestione delle autorità di sinistra all’indomani del terremoto. “Se non avessimo ottenuto il franchising, vivremmo ancora in container”, ha detto.

Giacomo Soccorsi, un vigile del fuoco, ha detto di essere venuto a vedere Meloni parlare per decidere se votarlo. “Ogni anno dalla proprietà, la città è migliorata. I cantieri sono funzionali e la città è tornata a vivere.

Alla gente del posto sembrava piacesse La credibilità e le credenziali della classe operaia di Meloney, nota per la sua “durezza”, la rendono articolata e mostrano determinazione. Secondo un recente sondaggio della GDC Sondaggi, il 25 per cento degli elettori abruzzesi ha intenzione di votare per i Fratelli d’Italia.

A livello nazionale, dal 2011, il populismo di estrema destra ha ampiamente ottenuto il sostegno della leadership tecnocratica, secondo Pierluigi Testa del think tank romano Trinidad de Monti, dopo aver portato al declino economico e minato la legittimità della tradizionale politica di partito. Ciò significa che Meloni può beneficiare del suo status di outsider politico.

I sostenitori di Brothers of Italy esultano per una manifestazione guidata da Giorgia Meloni nell’ambito della campagna per le prossime elezioni | Piero Cruciatti/AFP tramite Getty Images

“Per un decennio Meloney è rimasto fuori dal governo e non si è mai sporcato le mani nella coalizione”, ha detto Testa. “Più recentemente, si è reinventato come conservatore piuttosto che euroscettico, sostenendo la NATO e cooperando con Draghi, e questo lo ha aiutato a ottenere il sostegno di un elettorato più sofisticato”.

READ  Il padre di Tramisu d'Italia è morto all'età di 93 anni | Italia

Stefano Cardelli, titolare di uno stabilimento balneare a Pescara, è un tifoso di lunga data della Meloni, che crede che il successo dei fratelli in Abruzzo lo prepari bene per prendere il controllo nazionale. “La destra ha vinto la regione perché ha trattato bene L’Aquila e ha dimostrato che i fratelli d’Italia sanno governare”, ha detto. “Ora l’Abruzzo può essere un modello per il Paese”.

Ma non tutti pensano che l’Abruzzo sia un buon modello per l’Italia. Certo che lo è classificato È la nona regione peggiore per numero di decessi pro capite da COVID-19 e peggiore di regioni centrali comparabili come Marche e Umbria. Gli oppositori lamentano che l’assistenza sanitaria è sempre più nelle mani di aziende private, mentre i diritti delle donne e delle minoranze sono minati.

A livello cittadino e regionale, i frati hanno adottato misure che rendono difficile l’accesso agli alloggi sociali per gli immigrati. Questo è un motivo di orgoglio per il partito. “Grazie ai fratelli d’Italia, la corsia preferenziale per gli stranieri verso l’edilizia sociale in Abruzzo è stata rimossa”, ha scritto Meloni nel 2019. “Gli italiani non erano uno slogan in primo luogo”.

L’hanno presa anche gli attivisti Azione legale Contro la città dell’Aquila dopo aver negato i buoni alimentari ai migranti durante la pandemia.

‘Delitto e miopia’

Pierluigi Iannarelli, leader del Partito Democratico locale di centrosinistra, Condannato Quella che ha definito “discriminazione inaccettabile” è “criminale e miope, in un’emergenza storica”, ha detto a POLITICO: “Il trattamento degli immigrati è decisamente peggiorato da quando sono saliti al potere”.

Gli attivisti sono anche preoccupati per il fatto che le politiche delle autorità locali stiano indebolendo i diritti riproduttivi delle donne.

READ  Genomictree esporta in Italia il servizio di screening del cancro al colon

L’autorità sanitaria della regione ha ignorato le linee guida del governo nazionale per consentire alle donne di abortire senza una degenza ospedaliera. Poi l’anno scorso, i politici dei tre fratelli regionali italiani hanno proposto una legge che permetterebbe ai feti abortiti senza la richiesta della donna di essere sepolti nei cimiteri.

Secondo gli attivisti, le degenze ospedaliere forzate impediscono ad alcune donne di abortire perché potrebbero dover assentarsi dal lavoro o organizzare l’assistenza all’infanzia, mentre la creazione di tombe per feti abortiti ha lo scopo di umiliare le donne che abortiscono.

Sarah Marcozzi, consigliere regionale del gruppo centrista Impecño Civico, si è opposta con successo alle proposte per un simile cimitero. In Abruzzo si respira appena nell’aria il fascismo, ma il progetto “puzza di fascismo”, ha detto.

La sinistra ei rappresentanti delle minoranze temono che la destra venga incoraggiata se prende il potere a livello nazionale.

Patrick Guobadia, un attivista per i diritti degli immigrati in Abruzzo di origine nigeriana, ha affermato che l’Abruzzo non è un luogo razzista, ma “dove c’è un buon governo in Italia, le questioni relative ai migranti sono secondarie. Sappiamo che non vogliono immigrati in Italia.

Nonostante l’Abruzzo fosse la patria dei fratelli, non tutti si aspettavano che la vittoria della destra durasse a lungo, né in Abruzzo né a livello nazionale.

“È facile riuscire a fare promesse e cavalcare l’onda delle paure della gente – ha avvertito l’assessore Marcozzi -. Ma le cose le devi fare”. Riferendosi alla fiamma sul logo di Fratelli d’Italia, ha detto: “Penso che la fiamma si spegnerà presto”.