Maggio 26, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Bar Nina, un ristorante di quartiere in stile italiano e wine bar presso l’Old Regio Lounge Spot di Darlinghurst

Rebecca Ozia e Jeffrey Sue hanno vinto la controversia a metà del 2020 quando hanno aperto un confortevole wine bar di quartiere e un ristorante a Redfern. È stato un successo strepitoso ed è stato subito accolto dalla gente del posto in cerca di un luogo accogliente dove gustare buon cibo e bevande.

Il secondo posto si è aperto quando la vita ha cominciato a tornare alla normalità, il che deve essere stato un gioco da ragazzi. Ma secondo Ohia – l’ex direttore esecutivo del Rockpool Dining Group – è stata dura per certi versi.

“Questa volta è stata dura perché avevamo già un ristorante aperto”, dice Broadsheet. “Quando abbiamo realizzato Arms Length, eravamo pronti a dipingere ogni giorno, tutto il giorno. Niente era aperto; non è stato fatto nulla per noi, ma abbiamo messo il 100% sul piano. Ora dobbiamo assicurarci che Arm Length serva i clienti in modo appropriato, e siamo tutti al Bar Nina. Facciamo il lavoro. “

La visione per Bar Nina si basa sui bar che Ohia frequentava durante gli scambi in Italia. “In un unico posto puoi prendere un caffè e un cornetto a colazione, uno spuntino veloce a pranzo, un aperitivo pomeridiano e una cena. Tutti questi servizi sono catturati, il che è amichevole e divertente.”

Il menu, scritto dal capo chef Luke Davenport (ex Ledbury, Londra), si concentra sulla condivisione di piatti con una varietà di snack, pasta fresca fatta in casa e ottimi piatti. Come il purè di feta con barbabietola e sottaceti, e il dentice intero con burro bruciato, il piano fetish con ragù d’anatra è eccellente. C’è uno pici aglio e olio Midollo osseo e peperoncino fermentato e un soffice tromme per dessert. Per ora il gruppo è concentrato sull’integrazione del servizio di pranzo e cena, ma Ohia dice che alla fine si rivolgeranno a un menu per la colazione oltre ai pasticcini, che ottengono dai campi di mattoni.

READ  Iliad distrugge il suo quaderno in 5G in Italia

La lista dei cocktail include due numeri Bespoke, oltre a classici come Necronis e Bloody Marys. Sevilla is sour, un gin sour preso con un agrume, condito Wonderfoam Al posto degli albumi e della nina, un vibrante colorante blu. Ma soprattutto il co-proprietario e partner Rice Samuel Bailey si è concentrato sugli standard di aberrazione perché “sono classici per un motivo”. La lista dei vini include varietà europee sviluppate in Australia, comprese le gocce del Vecchio Mondo e divertenti opzioni di contatto con la pelle.

Il ristorante apre all’angolo vivace di Crown e Stanley Street – un centro di rigenerazione rinfrescante quando le persone tornano nel centro città – e infine al Reggio Lounge. Il sedile esterno è robusto, in contrasto con i toni albicocca, rosa pallido e legno naturale in un tema europeo con sedie e tavoli in stile caffè parigino blu e bianco.

La gente del posto ha risposto bene alla confortevole squadra. Se l’atteggiamento felice di O’Shea è un segno di come è il Bar Nina, non sorprende che il posto funzioni meglio. Alla domanda su come intendono espandersi nelle due località senza perdere quel legame personale, Ozia dice che è per espandere il consiglio.

“La tostatura è molto importante. Dobbiamo assicurarci che uno di noi sia sempre in entrambi i posti. Inoltre, quando assumiamo personale, scegliamo le persone, non per l’esperienza dell’ospitalità. [their] Possibilità di interagire con i clienti. Puoi insegnare alle persone la conoscenza del prodotto e come servire, ma non puoi insegnare a qualcuno come impegnarsi e divertirsi, questo è ciò che noi di Bar Nina vogliamo. “

Guarda Nina
85 A Stanley Street, Darlinghurst
0449 953 381

READ  Incontra gli italiani che hanno guidato per 3.200 km per raccogliere i rifugiati ucraini

Ore:
Ogni mattina 8–– piatto

barnina.com.au