Febbraio 3, 2023

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Banca d’Italia sceglie Algorand come piattaforma blockchain pubblica per il progetto “Digital Sureties”.

Banca d’Italia sceglie la tecnologia blockchain di Algorand per supportare la nuova piattaforma di garanzia digitale

CETIF Advisory, il Centro di Ricerca per le Tecnologie, le Innovazioni e la Finanza dell’Università Cattolica di Milano, sta guidando un’iniziativa di ecosistema per creare una piattaforma aperta “Digital Fideiussioni” basata su blockchain che soddisfi le esigenze dei mercati bancari e assicurativi italiani.

Lo scorso anno più di 50 partecipanti al mercato hanno preso parte a un test sandbox sull’utilizzo di DLT per il collaterale digitale, gestendo 350 contratti in quattro mesi, con importi garantiti compresi tra 10.000 e 1,4 milioni di euro e una media di 275.000 euro.

Il progetto pilota ha scoperto che l’utilizzo della tecnologia blockchain e DLT potrebbe ridurre le frodi di circa il 30% e i costi operativi dal 10% al 50%, a seconda del numero di transazioni elaborate.

La nuova piattaforma dovrebbe diventare operativa all’inizio del 2023 e sarà la prima volta che uno Stato membro dell’UE utilizzerà la tecnologia blockchain per le garanzie bancarie e assicurative.

Il progetto fa parte del Programma nazionale di ripresa e resilienza post-Covid (NRRP) dell’Italia. L’Unione Europea ha stanziato quasi 200 miliardi di euro all’Italia, la più grande dotazione di qualsiasi paese, che è stata utilizzata per sovvenzioni e prestiti collaterali nell’ambito del piano di salvataggio dell’UE.

Il professor Federico Razzola del CETIF afferma: “Il nostro obiettivo è aiutare l’Italia non solo a riprendersi dall’impatto economico del Covid-19, ma anche a eccellere attraverso l’innovazione e la leadership. I nostri progetti di ecosistema aiutano a costruire piattaforme strategiche come la Digital Securities Platform supportata da Algorand. Riteniamo che queste piattaforme possano contribuire notevolmente alla sostenibilità competitiva del Paese a vantaggio di tutti.

READ  Antonio Conte può farlo