Giugno 28, 2022

NbaRevolution

Covid crisi politica in Italia

Aumento della partecipazione indigena alle istituzioni democratiche canadesi

Se i risultati della ricerca di Simon Dabin sembrano sorprendenti, è perché è stato lui il primo ad approfondire l’argomento: “Ci sono pochi studi, ma si riferiscono al fatto che [les Autochtones] Non partecipare alle elezioni piuttosto che coloro che lo fanno”, spiega Simon Dabin, un borsista post-dottorato presso il Centro interuniversitario per gli studi e la ricerca indigeni, uno dei cui centri si trova presso l’Università di Montreal, e che è responsabile dei corsi di scienze politiche presso l’UQAM .

Grazie a un simposio tenuto da Martin Papillon, Professore Associato presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’UdeM, Simon Dabin si interessò alle questioni indigene. “Quando ho conseguito la laurea magistrale e persino la laurea in filosofia politica all’Università di Montreal, non abbiamo sentito parlare di studi indigeni. Non è più così”, dice, sottolineando che ha l’impressione di parlare di un’altra epoca . E così, durante un recente seminario magistrale, Martin Papillon ha chiesto al gruppo di leggere Pace, forza e giustizia, dichiarazione originale (Edizioni Haninorak, 2014) di Alfred Taiyaki. “È sicuramente uno dei più grandi pensatori nel campo della decolonizzazione in Canada. Il suo libro ha sconvolto le mie convinzioni e da quel momento ho iniziato a leggere dei pensatori aborigeni e della storia canadese da una prospettiva aborigena. Mi ha affascinato e ho deciso di perseguire un dottorato di ricerca in queste domande sotto supervisione Martin Papillon, riassume lo studente.

Tuttavia, non aveva deciso di cambiare argomento fino a tre anni dopo aver iniziato a lavorare alla sua tesi: “Avevo scritto un saggio sul voto aborigeno in un simposio sulla politica canadese all’inizio del mio dottorato di ricerca. [en 2015]. L’articolo è stato pubblicato mentre stavo lavorando al mio altro progetto di tesi e ho pensato che fosse originale. In qualche modo, è quasi autoimposta.

READ  Segnala su più piattaforme in entrambe le lingue ufficiali

rinnovamento partecipativo

Credito: Università di Montreal

Nella sintesi della sua tesi intitolata “Partecipazione indigena alle istituzioni democratiche canadesi”, Simon Dabin scrive che la partecipazione elettorale dei popoli indigeni che vivono nelle riserve è stata superiore al 50% dalle due elezioni federali (ovvero le elezioni del 2015 e del 2019). La sua ricerca ha anche mostrato un aumento del numero di candidati indigeni dal 2008 e l’elezione di un numero sempre crescente di parlamentari indigeni in ogni elezione dal 2011. Vede questo risveglio partecipativo come un’opportunità senza precedenti per dipingere un quadro del complesso. Il rapporto dei popoli indigeni con le istituzioni democratiche canadesi e la messa in discussione del loro significato.

Questa complessa relazione si rivela nella sua tesi attraverso tre saggi. Il primo è dedicato alla partecipazione dei popoli indigeni alle istituzioni coloniali e al desiderio di autodeterminazione di questi popoli, il secondo si occupa del comportamento elettorale dei popoli indigeni sulla base di dati quantitativi e si occupa recentemente della rappresentanza degli interessi indigeni da parte dei deputati identificandosi come indigeni eletti ai sensi della legge 42e Legislatura canadese (elezioni federali 2015).

Un fenomeno che vale la pena studiare

Simon Dabbin ha scelto le elezioni federali del 2006 come punto di partenza per la sua ricerca sull’evoluzione del voto indigeno per un motivo pratico: “Dal 2005 l’Assemblea delle Prime Nazioni ha richiesto l’assistenza di Elections Canada per rafforzare il voto nelle comunità. torna più indietro, ma è complicato, poi analizza i risultati delle elezioni del 2006, 2008, 2011, 2015 e 2019.

READ  Il vino normale fa bene alla salute?

L’obiettivo dello specialista in questioni aborigene non era quello di commentare la maggiore partecipazione dei popoli indigeni alle elezioni federali, ma di dimostrare l’esistenza di questo fenomeno. Osserva: “Ci sono indigeni che partecipano alle elezioni, ci sono sempre più parlamentari indigeni, ci sono senatori e potrebbe esserci un giudice indigeno della Corte suprema che sarà nominato nelle prossime settimane. Sono sempre un po’ infastidito dagli studi che si concentrano sugli indigeni da una parte o dall’altra non può essere ridotto all’azione, alla strategia o all’ideologia. Diamo un’occhiata a ciò che fanno piuttosto che giudicarli pregiudizi per le loro azioni.

Inutile dire che Simon Dabin continua la sua ricerca su questo argomento. Inoltre, secondo lui, è naturale cominciare ad interessarsi di scienze politiche, dal momento che la popolazione indigena avrà sicuramente un peso demografico ed elettorale sempre più ampio. Ci vorranno anni, ma succederà perché ci sono sempre più collegi dove rappresentano il 30-50% dell’elettorato. Ci sono sempre più deputati, e ci sono strategie sempre più diverse, in un certo senso, nei movimenti indigeni. Ci sono anche più alleanze, come abbiamo visto con lo stato di Wet-Teween, le cui rivendicazioni hanno avuto il sostegno di molte manifestazioni di non cittadini».

Indica gli sforzi dello Stato di Wet’setin per impedire al progetto del gasdotto Coastal GasLink di attraversare le loro terre ancestrali, situate nella Columbia Britannica settentrionale. Il Dottore in Scienze Politiche ritiene che le manifestazioni degli stranieri a sostegno delle popolazioni indigene sarebbero state inimmaginabili 10 anni fa. All’epoca non c’era molta mobilitazione degli immigrati per sostenere il movimento Idle No More. Qualcosa sta succedendo, ci sono relazioni diverse e ci sono modi per vedere il futuro in modo diverso. Penso che dobbiamo vedere e studiare queste opere”.

READ  Un centro sanitario a Orleans apre aree specifiche per adolescenti teenager

Ha assistito a questi cambiamenti alcuni anni fa. Tra le altre cose, ha menzionato l’apertura all’UdeM nel 2015 della Uatik Lounge per studenti aborigeni. Ha anche assistito alle prime settimane di università degli aborigeni. “All’inizio c’erano 10 persone e l’altro giorno mi è stato detto che ce n’erano 80 in ogni attività. Sono stato docente di Politica indigena presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’UdeM per quattro anni e ho assistito allo sviluppo delle mie classi. Questi sono ancora piccoli gruppi, ma c’è ancora un’evoluzione In gioventù dà una piccola speranza”, conclude una persona che desidera ardentemente che altri lavorino sul suo stesso argomento perché quella è la scienza “e che sicuramente ci sono molte cose che non ho visto o almeno visto in la mia tesi.”